Febbraio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La NASA trasmette video di gatti dallo spazio profondo

La NASA trasmette video di gatti dallo spazio profondo

L’11 dicembre, gli ingegneri della NASA si sono riuniti con impazienza presso il Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, in California, per guardare un video dello scatto, chiedendosi se sarebbe stato nell’alta risoluzione originale che avevano sperato.

È stato un sollievo per loro. Per la prima volta, un video ad alta definizione – questo del gatto di un impiegato di laboratorio di nome Taters – è stato trasmesso da una distanza di 18,6 milioni di miglia, o quasi 80 volte la distanza dalla Terra alla Luna, la più lontana mai registrata.

La dimostrazione faceva parte della NASA Comunicazioni ottiche nello spazio profondo Un esperimento volto a migliorare le infrastrutture di comunicazione al di fuori dell’orbita terrestre. Se, ad esempio, l’uomo volesse andare su Marte, sarebbe necessario trasmettere quantità maggiori di dati su una distanza maggiore. Questa dimostrazione è stata un altro passo verso tale possibilità.

“Questa sarebbe la stessa capacità che vorresti avere se mandassi un astronauta sulla superficie di Marte o qualcosa del genere”, ha detto il dottor Abhijit Biswas, esperto di tecnologia del progetto. “Vuoi avere una connessione costante con loro.”

La dimostrazione è stata eseguita con l’aiuto della navicella spaziale Psyche della NASA, lanciata il 13 ottobre con l’obiettivo di esplorare l’asteroide con lo stesso nome. L’esperimento DSOC utilizza comunicazioni laser, anziché le tradizionali frequenze radio, nel tentativo di trasmettere grandi quantità di dati a velocità più elevate su distanze maggiori. (Il video mostra Taters che insegue un puntatore laser. Nel 1928, una statuetta del personaggio dei cartoni animati Felix the Cat fu usata per testare Trasmissione televisiva.)

READ  Guarda 1.900 galassie illuminare la notte in questa splendida immagine del cielo profondo

La velocità di trasmissione dei dati di 267 Mbps è paragonabile a quella terrestre, che spesso varia tra 100 e 300 Mbps. Ma il dottor Bis è stato invitato alla cautela riguardo ai risultati della manifestazione.

“Questo è il primo passo”, ha aggiunto. “Ci sono ancora requisiti significativi per le infrastrutture di terra e cose del genere per trasformare qualcosa che sia una prova di concetto in qualcosa di pratico e affidabile.”

Il video è stato trasferito utilizzando Ricetrasmettitore laser aeronautico, che è uno dei numerosi nuovi componenti hardware distribuiti per la prima volta. Il sistema DSOC è composto da tre parti: un trasmettitore e un ricevitore, montati a bordo della navicella spaziale Psyche, e due componenti sulla Terra: un trasmettitore laser a terra (a circa 90 minuti di macchina dal laboratorio) e un ricevitore laser a terra a l’Osservatorio Palomar nel sud della California.

“È un po’ sorprendente poter finalmente fare tutto questo”, ha affermato la dottoressa Meera Srinivasan, responsabile delle operazioni del progetto.

Il dottor Biswas e il dottor Srinivasan, insieme ad altri ingegneri della NASA, sviluppano questa tecnologia da decenni. L’obiettivo era espandere la portata della tecnologia delle comunicazioni ottiche già utilizzata nei satelliti in orbita molto più vicini alla Terra. Inizialmente, prima della missione di Saiki, la squadra ha incontrato dei posti di blocco perché il segnale era troppo debole. Quindi la NASA ha sviluppato tecnologie per espandere le capacità. Il dottor Biswas ha affermato che lo spazio profondo è la “nuova frontiera”.

Per iniziare il processo di registrazione video del gatto, il trasmettitore terrestre invia prima un raggio laser. Lo scopo doveva essere preciso. Psiche ha quindi spento il segnale e ha inviato al ricevitore il contenuto, che era stato precedentemente caricato dal team della NASA. Affinché la trasmissione funzioni, deve essere effettuata durante una notte senza nuvole, consentendo un’adeguata linea di vista.

READ  Siamo spiacenti, la NASA non ha scoperto un ingresso segreto su Marte

“Ci sono molti piccoli passi”, ha detto il dottor Biswas. “Tutti devono trovare il loro posto al momento giusto. E questa è la parte spaventosa perché lo stiamo facendo per la prima volta. Non è mai stato fatto prima. Non è come, ‘Oh, sappiamo che se lo fai, è accadrà.'” In un certo senso lavoriamo attraverso tutte queste cose.

“Una volta che tutto funziona, sembra così facile. Perché eravamo preoccupati, in primo luogo?”, ha aggiunto.

Ora, il progetto DSOC mira a testare i suoi limiti. Alla fine di giugno, gli ingegneri della NASA prevedono di essere in grado di trasmettere da una distanza 10 volte superiore: 186 milioni di miglia.