Ottobre 19, 2021

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Mario Draghi impone le sue riforme europeiste

Il primo ministro italiano Mario Draghi, l’ex capo della Banca centrale europea, non ha esitato a imporre le riforme strutturali richieste da Bruxelles, anche se era una parte fastidiosa della sua alleanza.

Il Paese ha bisogno di essere rispolverato in fretta. Il capo del governo e primo ministro italiano Mario Draghi Bruxelles non ha esitato a imporre le riforme strutturali a lungo richieste. Ex presidente Banca centrale europeaNel febbraio 2021, è stato invitato a letto d’Italia dal presidente Sergio Matterella per uscire dalla crisi politica ed economica italiana. Dopo il periodo di adattamento, Mario Draghi inizierà ad attuare le riforme a lungo rinviate.

Drake contro Salvini

“Il governo sta andando avanti e il calendario elettorale non può continuare a causa dell’azione del governo”, ha detto mercoledì al leader della Lega (a destra) Matteo Salvini. Dopo la sconfitta del suo partito Alle elezioni comunaliTemendo aumenti delle tasse sugli immobili, il leader di spicco ha incoraggiato i suoi luogotenenti a boicottare il governo nel tentativo di alterare il suo dissenso nell’alterare il registro fondiario. Non si tratta di dare al governo “assegno in bianco” perché Matteo Salvini, che sosteneva che “tra un anno il presidente del Consiglio non sarà più Draghi” e “colui che tasserà l’aria che respiriamo”, ha rinunciato la paura di lasciare l’alleanza della Lega.

Tuttavia, questa crisi di mini-governo sarà di breve durata. Giovedì sera un faccia a faccia di un’ora ha permesso a Mario Draghi di calmare la curiosità di Salvini, “evitare qualsiasi cosa” Aumento della pressione fiscale .

Un milione di “case fantasma”

La riforma d’accusa, adottata senza i voti della Lega, mira a regolarizzare gli immobili non dichiarati nelle cosiddette “case fantasma”, il cui numero è stimato in più di un milione. Ciò è stato sottolineato dalla ristrutturazione Commissione europea Colui che ha governato nel 2019 ha dichiarato: “I valori catastali che servono come base per il calcolo dell’imposta sugli immobili sono spesso troppo alti”. Ma la riforma non vedrà la luce prima del 2026 e non cambierà la tassazione degli immobili fino ad allora. Fino ad allora “nessuno pagherà di più, nessuno pagherà di meno”, ha promesso Mario Draghi.

READ  Mercado: Icardi torna in Italia per prendere forma

Lo scopo dichiarato è rafforzare la lotta contro questo evasione delle tasse Costa all’Italia circa 100 miliardi di euro l’anno. Un altro aspetto della riforma fiscale, in particolare la riduzione dell’imposta sul reddito per la classe media, potrebbe essere attuata a partire dal 2022. “Dobbiamo seguire il calendario di riforma negoziato con la Commissione europea per il piano di rilancio”, ha segnato Mario Draghi.

Sopra le feste

L’Italia non ha margini di errore. Come primo beneficiario Programma europeo di ripresa, Raccoglierà un totale di 191,5 miliardi di euro in sei anni e raggiungerà alcuni degli obiettivi.

“Il Primo Ministro è determinato ad andare avanti senza essere vincolato da alcun partito”, ha detto Wolfango è piccolo, Co-presidente della società di consulenza Denio. Attraversata Roma per l’addio La cancelliera tedesca uscente Angela Merkel Giovedì Mario ha dato una soddisfazione a Tracy, dicendo che sperava che “l’Italia spendesse saggiamente i soldi”.

Questa riforma fiscale si aggiunge alla riforma del sistema giudiziario italiano, uno dei meno efficaci in Europa, adottata a settembre per accelerare i procedimenti senza sosta e chiudere i tribunali. Un’altra riforma del concorso è quella di semplificare gli standard esistenti per gli appalti pubblici.

Riforma pensionistica italiana

E il governo dovrebbe occuparsi della riforma delle pensioni perché l’ultima volta si chiamava “quota 100” ed è stata introdotta in via sperimentale nel 2019, in scadenza alla fine di quest’anno. Questa mossa primaria del Partito della Lega, che ha governato insieme al Movimento 5 Stelle, consente alle persone di partire all’età di 62 anni, contribuendo 38 anni, 67 anni fa. Se il premier Mario Draghi riesce a trasferire in Europa Matteo Salvini, che nel 2020 ha descritto Bruxelles come un “nido di serpenti e nani”, l’abbandono di questo dispositivo conferma un nuovo conflitto per il serio difensore dell’UE.

READ  Qualificazioni ai Mondiali 2022 - Per difendere il successo, l'orgoglio e il patrimonio: l'Italia e la prossima partita