Aprile 17, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Manuel Akanji accusa l'Arsenal di aver commesso un errore tattico nel pareggio del Manchester City  Manchester City

Manuel Akanji accusa l'Arsenal di aver commesso un errore tattico nel pareggio del Manchester City Manchester City

Manuel Akanji ha accusato l'Arsenal di aver sfruttato gli errori per fermare il Manchester City nel pareggio a reti inviolate di domenica e si è chiesto perché l'arbitro Anthony Taylor non sia stato punito più spesso.

Il risultato all'Etihad Stadium ha lasciato il Liverpool con due punti di vantaggio sull'Arsenal in testa alla classifica e il City, terzo in classifica, un ulteriore punto dietro a nove partite dalla fine. La squadra di Mikel Arteta difendeva con un muro basso e aggressività, e alla domanda se pensava che lo facessero illegalmente troppo spesso, Akanji ha detto: “Assolutamente. Quando arrivavamo a volte ci fermavano con dei falli. Se non ci fosse stata una procedura per questo [from the referee]Difficile.”

Akanji si chiedeva perché Taylor non fosse intervenuto. “Non capisco. Uno nel primo tempo è stato un contrasto molto tardivo su Stefan [Ortega]Lo ha detto in riferimento alla sfida affrontata dal portiere del City da Kai Havertz. “Per me è chiaramente un cartellino giallo. Non dico solo contro di noi. Ci sono state anche delle decisioni contro di loro e non ho capito perché ha sbagliato”.

“Ci sono alcune regole e penso che ci siano chiari cartellini gialli dove dovrebbero essere. Ricordo con Jorginho quando ha effettivamente effettuato il contrasto [which was a foul] Ha segnato il secondo gol e non ha nemmeno dato un cartellino giallo a nessuno [foul]. Non ho capito alcune decisioni, ma alla fine dovevamo comunque riuscire a segnare un gol.

L'obiettivo del City di conquistare il quarto titolo consecutivo è al di là della loro portata, ma il nazionale svizzero resta fiducioso di poterlo raggiungere. “Quante partite ci restano? Nove, quindi sì, 27 punti da ottenere. Questo è il nostro obiettivo, ovvero farli tutti e poi vedremo come andrà a finire.” Ovviamente volevamo vincere e non abbiamo ottenuto i tre punti, ma possiamo ancora giocarcela. Nove partite in Premier League, la prossima settimana avremo i quarti di finale di Champions League contro il Real Madrid. Siamo ancora dentro [the FA Cup]. [We can] Vincerli tutti e speriamo di riuscirci”.

READ  UConn sconfigge Miami per avanzare alla partita per il titolo del campionato di basket maschile NCAA

L'Aston Villa arriva mercoledì ed è l'ultima squadra a sconfiggere il City, vincendo 1-0 a Villa Park il 6 dicembre.

“È passato molto tempo”, ha detto Akanji [since that defeat]. Siamo in un posto diverso e l’Aston Villa è in un posto diverso. Cerchiamo di fare del nostro meglio. Giochiamo in casa adesso. Penso che noi, come la maggior parte delle squadre, giochiamo in modo diverso in casa rispetto a come giochiamo in trasferta. Speriamo di poter fare una partita dominante e non come quella giocata lì perché il Villa meritava di vincere. Non abbiamo giocato una bella partita. Speriamo di poter cambiare la situazione e migliorare le cose che non abbiamo fatto bene oggi e ottenere i tre punti.

Salta la precedente promozione della newsletter

Jeremy Doku e Jack Grealish hanno impressionato per il City come sostituti, e Akanji ha accolto con favore la concorrenza che offrono in attacco. “Alla fine, non spetta a me decidere chi giocherà in attacco”, ha detto. Stanno tutti facendo del loro meglio per provare a giocare la prossima partita in cui dovremo mostrare il nostro meglio e speriamo di vincere”.