Aprile 17, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Come le mosse degli scacchi di Matt Painter e la spietatezza di Zach Eddy hanno portato Purdue alla Final Four

Come le mosse degli scacchi di Matt Painter e la spietatezza di Zach Eddy hanno portato Purdue alla Final Four

DETROIT — Prima che cadessero le reti in un giorno che pochi dimenticheranno, Matt Painter attraversò il campo e tese la mano. Aveva bisogno di vederne uno dei suoi. Robbie Hamill aveva fatto del suo meglio nelle ultime due ore per giocare a palla al centro, senza pregiudizi o lealtà, come analista radiofonico per Westwood One, ma ora l'ex stella di Boilermaker ha preso la mano del suo vecchio allenatore e tutto è andato a buon fine. Al di fuori. Lacrime grandi, vere, calde. Il tipo più puro. Perché Hamill probabilmente sa meglio di chiunque altro cosa significa per Purdue battere il Tennessee domenica a Detroit e assicurarsi un posto nella prima Final Four del programma in 44 anni.

Hamill non riusciva a ricomporsi, quindi il partner televisivo Kevin Kugler ha preso in mano le domande per Pinter. Solo negli ultimi istanti dell’intervista Hamill riuscì a pronunciare qualche parola.

“Siamo così orgogliosi di te”, ha detto di se stesso e di tutti coloro che hanno indossato una maglia della Purdue.

Tutti erano esausti. Questa non è stata una normale vittoria regionale del Midwest. Questa è stata la catarsi. Un momento così grande che i fan grandi e piccini hanno pianto. Gene Keady, il moderno patriarca del programma, era un allenatore capo di 43 anni del Western Kentucky l'ultima volta che Purdue raggiunse le Final Four. Il pittore, ora 53enne, aveva 9 anni nel 1980. Hamill non era nato.

Ma questa è stata una giornata che ha incarnato, per due ore, ciò che è il basket Purdue. La vittoria per 72-66 è stata dura e dura. Corpi a terra. Gomiti nel petto. Le palle che rimbalzano richiedono un ticket. Ma era anche tattico e rigoroso. Leggi giusto al momento giusto. Correzione della rotta nei timeout.

Basket, ben progettato.

Esattamente ciò che il pittore ha cercato di mostrare per molto tempo.

Il pittore allora dirà: “Se riesci a unire insieme abilità e agonismo”. “Queste due qualità insieme sono magiche, amico.”

L'intesa di domenica è iniziata quando il pittore negli spogliatoi prima della partita ha lanciato questo messaggio finale: “Fino a 10 o meno di 10, non mi interessa. Continua ad andare avanti. Segna la palla. E assicurati di divertirti”.

La teoria fu immediatamente messa alla prova. Dalton Knecht del Tennessee è un All-American in prima squadra perché colpisce tiri che pochi altri riescono a fare, uccide gli sciocchi con un sacco di trucchi e non si lascia frenare dalla sua coscienza. Quindici minuti dopo l'inizio della partita di domenica, tutto era cristallino. Knecht ha effettuato sei dei suoi primi nove tiri, compresi tutti e quattro i tentativi da tre punti, e ha segnato 16 punti iniziali. Quando Painter vide l'orologio alle 5:11 e la sua squadra dalla parte sbagliata di un parziale di 15-2, improvvisamente sotto 32-21, Painter chiamò timeout.

Mentre le squadre si alzavano dal campo e si riunivano nei rispettivi gruppi, Knecht è stato accolto da colpi al petto da parte di ogni compagno di squadra. Poi ha fissato le file e le file di tifosi dei Volunteers dietro la panchina e ha dichiarato: “Questo è il mio gioco!”

READ  LSU Will Wade licenzia per un motivo dopo gravi violazioni della NCAA. Ecco perché. | LSU

L'aspetto pulito di Knecht è arrivato, in parte, perché è stato controllato dalla guardia da 6 piedi di Purdue, Braden Smith. Purdue aveva bisogno di difendere la stella dei Vols più fisicamente, quindi ha incaricato lo scommettitore Lance Jones di perseguitare e molestare Knecht. Jones non è molto più alto di Smith, ma è più vecchio, più forte e più fisico.

Ciò che deve essere detto è stato detto in questo incontro.

“Ha cambiato completamente il gioco”, ha detto Hammel di quel timeout. “Non so cosa abbia detto (il pittore), ma se riesci a imbottigliarlo, puoi venderlo per un sacco di soldi.”

Si scopre, secondo il direttore delle operazioni di basket della Purdue, Elliot Bloom, che il pittore non era l'unico a parlare. Zach Eddy aveva un messaggio e sì, quando Zach Eddy alto 7 piedi e 4 e 300 libbre parla, tutti ascoltano. “Non siamo stanchi”, gridò Eddie. “Sono stanchi. Andiamo!”

Purdue ha superato il Tennessee per 15-2 alla fine del tempo. Knecht è andato 1 su 5 lungo il tratto, segnando solo su schiacciata. È difficile segnare quando è claustrofobico e Lance Jones lo mette in un ascensore affollato.

Knecht è stato fantastico, ma cambiare Painter ha fatto un'enorme differenza. La futura scelta della lotteria NBA si è conclusa con 37 punti su 31 tiri. Ha ottenuto 2 su 8 in 2 secondi dopo essere stato presentato a Jones.

“Stava cucinando”, ha detto il trasferimento del quinto anno dal sud dell'Illinois. “Quindi volevo fare tutto il possibile per tenergli l'acqua lontana.”


La difesa di Lance Jones su Dalton Knecht si è rivelata decisiva. (Gregorio Shamos/Getty Images)

Mettiamo da parte quanto sia ridicola questa citazione per sottolineare che nessun altro giocatore del Tennessee è finito in doppia cifra e i Vols hanno segnato solo 14 punti a ferro. Per tutta la partita, da dietro il microfono, Hamill si è chiesto ad alta voce se Knecht potesse davvero battere il Bordeaux da solo.

Perché è quello che ci sarebbe voluto.

Il Bordeaux, come spesso accade, era incredibilmente ben preparato. Ogni domanda aveva una risposta e, in attacco, la risposta veniva solitamente generata dallo schermo della palla centrale. Le guardie Smith e Fletcher Loyer hanno giocato implacabili schermi di Eddy, lasciando il Tennessee costantemente a calcolare tra proteggere Eddy sul tiro, attaccare il giocatore di baseball e inviare un difensore di aiuto. Il gioco Scegli la tua avventura di solito finisce male perché Bordeaux si diverte a prendere la tua decisione e usarla contro di te.

A meno di quattro minuti dalla fine, con Purdue in vantaggio per 61-60 ed Eddy che ha segnato 12 punti consecutivi, i Boilers sono entrati in attacco per ottenere un possesso palla cruciale. Con Loyer ed Edey accatastati come monitor sulla pista, Smith guidò forte lungo il lato destro della corsia. Su un'isola, il centro del Tennessee J.B. Estrella era costretto a scegliere tra dare a Smith un layup chiaro o lasciare Eddie. Saltando per bloccare il tiro di Smith, Estrella poteva solo guardare mentre la palla passava oltre lui e finiva nelle mani aperte e in attesa di Eddie. La schiacciata ha dato a Purdue un vantaggio di tre punti con 3:22 rimasti nel gioco.

READ  Riepilogo partita Blue Jays 0-2 Tigers (8 luglio 2023).

Dopo aver mancato Knecht 3 dall'altra parte, Smith si è rimesso al lavoro. Questa volta, dopo alcune sequenze, Eddie è uscito sul perimetro per schermare la palla, spingendo nuovamente Smith sul lato destro. Questa volta, con Zachai Ziegler del Tennessee incurvato, Smith ha calciato la palla all'uomo che aveva lasciato, Jones, che ha tentato una tripla con il pugnale. Purdue in vantaggio, 66-60, mancano 2:40.

“Vogliono restare con noi mentre guidiamo e tireremo la palla, o vogliono stare con Eddie?” Smith ha detto del confuso attacco dei Boilers. “Prendi lì il tuo veleno.”

Considerare Eddie come un veleno è un interessante esercizio intellettuale. Non esiste una soluzione rapida all’avvelenamento. L'operazione di avvelenamento è adeguatamente pianificata, gestita meticolosamente e spietatamente efficace. In Eddie, i non iniziati vedono un mostro e presumono che la sua produzione sia basata esclusivamente su dimensioni e forza. Tutti i suoi movimenti, infatti, sono creati e calcolati dalla mente del bellissimo pittore.

Contro il Tennessee, secondo un programma non ufficiale, Purdue ha generato 40 tocchi post-Eddie da set offensivi. Questo nonostante lo stato del Tennessee abbia fatto tutto il possibile per bloccare questi permessi di ingresso. Quei 40 tocchi hanno prodotto tutti i 13 canestri di Eddie, la maggior parte dei 15 (!) falli subiti e sei tiri sbagliati, mentre lui ha mancato il resto (spesso recuperando la palla).

“Il modo in cui muove Zach, il pick-and-roll, il finto dribbling, è roba di alto livello. Sta semplicemente giocando a scacchi là fuori”, ha detto Hammel di Painter dopo la partita.

Il resto dei danni subiti da Eddie è arrivato sul vetro. Per essere chiari, questo era sicuramente un prodotto di dimensioni e forza. Cinque rimbalzi offensivi, innumerevoli punte. Purdue ha recuperato circa il 45% dei suoi errori. Questa partita si è conclusa con la peggiore prestazione da tre punti della stagione dei Boilers – 3 su 15, 20% – che è passata quasi inosservata grazie a 13 rimbalzi offensivi in ​​una partita da 67 possesso palla.

Alla fine, Eddie è stato all'altezza della sua leggenda. Nella sua 136esima partita al Purdue, e il massimo giocato dal programma dal 1980, ha stabilito un nuovo record in carriera con 40 punti. Ha realizzato 13 canestri e 14 tiri liberi. Ha preso 16 rimbalzi. Ha giocato 39 minuti e 27 secondi.

Ha anche pronunciato un elogio appropriato. Dopo un tiro fallo con Purdue in vantaggio nel finale e Tennessee che cercava di prolungare il gioco, Eddie è caduto a terra con la testa chinata. Il compagno di squadra Mason Gillis si è avvicinato dalla sua sinistra e lo ha spinto. Eddie lo guardò, scosse la testa e disse semplicemente: “Sto bene”.

Nella giocata successiva, mentre i Vols cercavano di ridurre il vantaggio di Purdue a due o tre con meno di 40 secondi rimasti, Eddie incontrò Knecht – stella contro stella, alfa contro alfa – e bloccò il tiro e sigillò la partita.

READ  Kevon Looney dei Warriors pubblica un sentito tributo a Dejan Milojevic su Instagram – NBC Sports Bay Area e California

Quando suonò il clacson finale, incerto su cosa fare, Eddie riattaccò, mettendosi davanti all'allenatore del Tennessee Rick Barnes per abbracciare il suo capo allenatore. Si tenne stretto. Il pittore potrebbe aver avuto un polmone collassato a causa della pressione, ma ne è valsa la pena.

“Devo ripagarlo”, ha detto Eddie, la cui lista di borse di studio dopo il liceo era abbastanza leggera per un giocatore attualmente in attesa della sua seconda spedizione di premi National Player of the Year. “C'erano molti allenatori che mi hanno ignorato. Nomina un programma, posso nominare l'allenatore che mi ha fatto da mentore.

I fan del Tennessee probabilmente si lamenteranno dell’amministrazione. Comprensibile. Ai Vols sono stati fischiati 25 falli, rispetto ai 12 di Purdue, mentre Eddy ha subito 16 falli ed è stato fischiato per un fallo. I suoi 22 tiri liberi sono stati il ​​doppio di quelli tirati dal Tennessee come squadra (11). È stata una storia molto simile quando le due squadre si sono incontrate all'inizio di quest'anno quando Purdue ha ottenuto una vittoria al Maui Invitational.

Ma Barnes ha poi confermato di non incolpare lo staff arbitrale. Ha detto che Eddie è unico e molto difficile da gestire, e quello che è fatto è fatto.

E ora Purdue è fuori dalla Final Four di Phoenix. Non c'è abbastanza tempo qui per contare tutti gli anelli degli alberi che hanno preceduto questo, ma Hamel è tra questi e può parlare a nome di tutti. Tutte le caldaie precedenti. Tutti i grandi degli ultimi 44 anni – lui stesso, Glenn Robinson, Eaton Moore, Caleb Swanigan, Carsen Edwards, Jaden Ivey – che non sono mai arrivati ​​alle Final Four. Lo stesso Painter ha giocato dal 1990 al 1993, raggiungendo tre tornei NCAA, prima di sostituire il suo vecchio allenatore, Keady, come capo allenatore 19 anni fa.

“Ho parlato con molti ex giocatori che dicono: 'Amico, quando guardo questa squadra, mi rendono così orgoglioso perché lo stanno facendo nel modo giusto'”, ha detto Hammel.

approfondire

Vai più in profondità

La voce della ragione: perché Robbie Hammel è la prossima grande novità nel basket universitario (se vuole esserlo)

In un altro mondo, potrebbero essere stati alcuni di quegli ex giocatori a portare Purdue alle Final Four. Sicuramente ci hanno pensato tutti. Hamill certamente lo era. Ha vissuto gran parte della sua vita adulta risentendosi del fatto che quelle ferite diaboliche non solo limitassero la sua carriera, ma avrebbero potuto impedire a Purdue di raggiungere quella terra promessa anni fa.

“So cosa hanno passato”, ha detto Hamill. “Hanno attraversato l'inferno e sono usciti dall'altra parte.”

Lì la vista è diversa

È molto simile a Phoenix.

(Foto in alto di Zach Eddy che abbraccia Matt Painter: Gregory Shamos/Getty Images)