Febbraio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Manchester City 1 Liverpool 1: In attacco Alexander-Arnold, 50′ per Haaland, Alisson calcia

Manchester City 1 Liverpool 1: In attacco Alexander-Arnold, 50′ per Haaland, Alisson calcia

Le probabilità di una sfidante al titolo della Premier League sono in aumento dopo che il pareggio di Trent Alexander-Arnold nel secondo tempo ha mantenuto il Liverpool a stretto contatto con il Manchester City in testa.

Il City è passato in vantaggio al 27′ quando Erling Haaland ha segnato il suo 50esimo gol in Premier League in sole 48 partite, arrivando al traguardo 17 partite più velocemente di qualsiasi altro giocatore.

Il Liverpool, guardato in tribuna dal padre di Luis Diaz che lo ha salvato, ha pareggiato con un gol brillante di Trent Alexander-Arnold mantenendo il vantaggio in testa a un certo punto.

La partita si è conclusa con una fila tra Darwin Nunez e Pep Guardiola, ma è stato un raro punto critico in una partita altrimenti tranquilla.

Qui Michael Cox, Oliver Kay, Greg Evans e Jay Harris analizzano la partita.


Il Manchester City affronta una vera sfida per il titolo

Questa è stata una partita brillante piuttosto che un classico del tipo che abbiamo visto tra queste squadre in passato – e grazie al pareggio nel finale di Alexander-Arnold, è stato un risultato notevole che ha aumentato le aspettative di una vera corsa al titolo in Premier League.

Il Liverpool sembra molto più forte rispetto alla scorsa stagione, spinto da una ricostruzione del centrocampo tanto necessaria. Questa è stata una dura prova delle loro credenziali e, nonostante alcuni momenti di ansia nel corso del pomeriggio, incluso un colpo di testa di Haaland che ha sfiorato la porta di Alisson all’ottavo minuto di recupero, torneranno coraggiosamente nel Merseyside. Pareggio 1-1.

Il Manchester City resta in testa alla classifica, un punto dietro il Liverpool, ma l’Arsenal può riconquistare il primo posto se batte il Brentford questa sera. Sembra una di quelle stagioni in cui il vantaggio può cambiare regolarmente e sia l’Arsenal che ora il Liverpool hanno dimostrato nelle loro partite contro i campioni di avere la capacità di lottare per il titolo.

Questa serie di partite è sempre sembrata difficile per il Manchester City, che dopo aver pareggiato con Chelsea (4-4) e Liverpool (1-1), affronta il Tottenham Hotspur in casa e l’Aston Villa in trasferta. Rimangono i favoriti per mantenere il titolo, ma questa è stata la seconda partita consecutiva in cui hanno perso punti da una posizione di vittoria. E se questa è una vera corsa per il titolo, il Liverpool vuole chiaramente farne parte.

Oliver Kay


Alexander-Arnold mostra perché il Liverpool lo sta spingendo avanti

Potrebbe sembrare che il compito principale di Trent Alexander-Arnold fosse quello di fermare l’ala difficile Jeremy Doku, ma Klopp vuole di più dal suo giocatore chiave in questi giorni.

In un ruolo ibrido, in cui combina il ruolo di terzino destro con quello di centrocampista centrale, Alexander-Arnold dovrebbe essere un giocatore di livello mondiale in due posizioni.

Era giusto che il suo finale impressionante facesse guadagnare al Liverpool un meritato punto, poiché ha messo in mostra le sue qualità su entrambe le estremità del campo.

Dopo un’eroica difesa per tenere a bada il City, il Liverpool è corso dall’altra parte e ha trovato il vantaggio di avere Alexander-Arnold nelle posizioni di attacco.

READ  Classifica al 3M Open 2022, punteggi: Tony Finau ottiene la sua terza vittoria al PGA Tour mentre Scott Percy inciampa

È entrato in area per aumentare il numero degli attaccanti, ha raccolto il passaggio di Mohamed Salah, ha fatto un tocco in avanti e poi ha trasformato con precisione oltre Ederson.

Sono questi contributi tempestivi che determineranno il suo successo nel suo nuovo ruolo, in cui gioca sia per il Liverpool che per l’Inghilterra. Non solo deve avere un impatto in attacco, ma deve anche comportarsi bene in difesa, e nella prova più importante della stagione, si è fatto avanti, vincendo più volte (nove) di qualsiasi giocatore del Liverpool.

Greg Evans


Il tiro mediocre di Alisson oltre la porta di Haaland – e poteva andare peggio

Alisson è stato colpevole in due modi diversi per aver concesso il vantaggio di Haaland. Non solo ha lasciato che la palla si dimenasse sotto la sua mano, ma in primo luogo ha dato via la palla a buon mercato, cercando di lanciare una palla lunga in campo ma tagliandola in aria. Il City ha sfruttato appieno la volontà del Liverpool di correre in contropiede, abbattendolo con facilità.

Anche prima, Alisson sembrava due volte nervoso sulla palla. 10 minuti dopo, è passato direttamente a Phil Foden quando il Liverpool stava cercando di giocare da dietro (freccia nera più corta sotto). Foden è sembrato così sorpreso dalla situazione che ha sparato al brasiliano.

Otto minuti dopo, c’è stato un momento nervoso quando Haaland ha quasi placcato Alisson mentre il portiere del Liverpool ha impiegato troppo tempo sulla palla (lunga freccia gialla attraverso la sua porta).

I passaggi di Alisson nel primo tempo: le Frecce Nere non hanno successo

I tre errori erano tutti diversi. Uno riguardava il non essere abbastanza veloce, l’altro stava sbagliando un passaggio corto, e l’errore fatale è stato probabilmente il più piccolo dei tre, in quanto almeno ha dato al City la palla più vicino alla linea di metà campo piuttosto che metterlo in una posizione più pericolosa. . Ma è stata una prestazione insolitamente irregolare quella del numero 1 del Liverpool, che è stato anche un po’ fortunato che l’arbitro abbia concesso un calcio di punizione e annullato il gol di Ruben Dias dopo che Alisson non è riuscito a trasformare un corner sotto relativamente poca pressione da Manuel Akanji.

Alla fine della partita era chiaro che soffriva di un infortunio alla gamba.

Baker fu giudicato colpevole di fallo (Michael Regan/Getty Images)

Michele Cox


Haaland ha battuto il record con 50 gol

Haaland che ha raggiunto i 50 gol in sole 48 partite significa che ha battuto il record attuale del gol più veloce in mezzo secolo in ben 17 partite. Se non avesse segnato contro il Liverpool, avrebbe avuto tempo fino a metà marzo circa per segnare l’unico gol necessario a battere il record.

Il record era detenuto dal marzo 1995 da Andy Cole del Manchester United, il cui 50esimo gol è arrivato in 65 partite: l’inglese ha raggiunto il traguardo segnando cinque gol contro l’Ipswich Town.

Kevin Phillips è stato il secondo più veloce di questi giocatori (dietro Haaland), che ha segnato 25 gol, ma si è classificato al decimo posto nella lista.

READ  Memphis Basketball batte il Michigan in Battaglia di Atlantide 4

Ecco i percorsi dei 10 giocatori più veloci a segnare 50 gol in Premier League. Haaland è stato in prima linea fin dall’inizio e la sua sensazionale stagione d’esordio non ha lasciato dubbi sul fatto che riuscirà a battere il record di Cole.


L’imprevedibile Nunez (ancora)

Ci sono stati momenti in questa stagione in cui Nunez sembrava sul punto di ambientarsi, ma è ancora incoerente. Mentre Haaland è una macchina nella sua efficienza sotto porta, Nunez oscilla tra il sublime e il ridicolo, non solo all’interno della stessa partita ma a volte all’interno della stessa mossa.

Le occasioni contro il Manchester City sono rare, quindi spietatezza e compostezza sono essenziali. Abbiamo visto queste qualità di Núñez a volte in questa stagione, in particolare in trasferta contro il Newcastle United, ma non in modo abbastanza affidabile.

Si fa passare da Dominik Szoboszlai al 17′, ma un brutto tocco lo vede chiudere da Dias. Poco dopo, ha sbagliato il cronometraggio della sua corsa e alla fine è stato chiamato in fuorigioco quando il Liverpool ha avuto di nuovo la possibilità di liberarlo. Nella ripresa si è reso pericoloso su passaggio di Salah, ma nonostante Ederson abbia bloccato la palla, il tiro sembrava diretto verso l’esterno della rete.

Ha tenuto impegnati i difensori del Manchester City per tutto il tempo, ma a volte sembrava comunque fuori posto in un attacco precedentemente costruito attorno alla versatilità di Roberto Firmino.

È opinione diffusa che prima o poi le cose andranno a posto e Nunes diventerà un giocatore di livello mondiale, ma non è sempre facile crederlo. Questa imprevedibilità sembra essere intrinseca.

Oliver Kay


Silva prende il posto di De Bruyne

Bernardo Silva potrebbe non essere il miglior calciatore della Premier League, ma potrebbe essere il giocatore più completo.

Pep Guardiola lo ha utilizzato quasi ovunque nelle ultime stagioni, dal terzino sinistro al centravanti, e Silva giocava qui a centrocampo facendo quello che sa fare meglio: controllare il gioco. Ha ricevuto comodamente passaggi in spazi ristretti e ha giocato alcuni passaggi penetranti in attacco.

Ma ciò che Silva ha fatto più di ogni altra cosa è stato spostarsi a sinistra e sfruttare l’enorme spazio tra Salah, che raramente si ritira, e Trent Alexander-Arnold, che era interessato a Jeremy Doku e aveva anche il compito di spostarsi a centrocampo. Nel complesso, Silva è andato senza alcun segnale da quella parte, sia che si stesse sovrapponendo o che stesse correndo nel canale.

A questo proposito Silva interpreta essenzialmente il ruolo di Kevin De Bruyne, che brilla quando fa qualcosa di simile dalla fascia opposta. Julian Alvarez è il sostituto diretto di De Bruyne in termini di posizione, ma Silva è avanti in termini di ruolo.

Michele Cox


La prima partita di Kaji corrispondeva alle aspettative di Klopp, ma c’erano altre ragioni

Prima della sosta per le nazionali, Jurgen Klopp ha espresso la sua antipatia per il calcio d’inizio delle 12:30 e temeva che ciò potesse compromettere la qualità della partita. La partita è stata sicuramente cauta durante tutto, a differenza dei precedenti incontri tra queste squadre.

READ  Rapporto: la NFL "è più probabile" ad accettare la sospensione della partita per 6-8 di Deshaun Watson e non fare appello

Tuttavia, ciò potrebbe essere stato previsto. Il pareggio per 4-4 del Manchester City contro il Chelsea due settimane fa è stato frenetico e caotico. La squadra di Guardiola ha mostrato un controllo molto maggiore sul Liverpool e ha limitato il numero di occasioni create dagli avversari. Nelle poche occasioni in cui il Liverpool ha aperto lo spazio al Manchester City in contropiede, Nunez si è spesso reso colpevole di aver preso la decisione sbagliata. L’xG del Liverpool è stato di appena 0,55, il più basso registrato dal Liverpool nella massima serie in questa stagione.

Ci sono somiglianze tra questa partita e la vittoria per 1-0 dell’Arsenal sul Manchester City il mese scorso poiché entrambe si basavano su errori individuali. Gabriel Martinelli ha segnato per l’Arsenal con un gol sciatto che ha preso una deviazione selvaggia da Nathan Ake, mentre il calcio errante di Alisson ha portato al gol di Haaland. Finora, gli incontri tra i contendenti al titolo in questa stagione sono stati più simili a complesse partite di scacchi che ad emozionanti battaglie di boxe dei pesi massimi.

Anche il pareggio di Alexander-Arnold all’80’ non ha cambiato nulla. Invece di provare a vincere all’Etihad Stadium per la prima volta da novembre 2015, Klopp ha sostituito Nunez e McAllister con Harvey Elliott e Wataru Endo. L’obiettivo era restare fermi a un punto e non rimanere bloccati nel superarne tre. Forse Klopp aveva ragione sugli orari del calcio d’inizio, dopotutto…

Jay Harris


Pochi i tocchi di Jota

Diogo Jota ha segnato in quattro delle sue ultime sei presenze con il Liverpool e ha segnato in due prima di questo fine settimana.

Tuttavia, all’Etihad Stadium, la storia era diversa poiché formava una figura desolata al vertice. Sembrava lontano dagli occhi e dalla mente per lunghi periodi mentre l’attaccante portoghese rimaneva bloccato, incapace di prendere la palla e provocare il suo solito caos.

I momenti di azione erano pochi e rari, rendendo la vita facile a Kyle Walker, il terzino destro del City incaricato di mantenerlo calmo.

Non c’erano segni chiari di crescita dell’alchimia nemmeno con Nunez, e quando è stato sostituito al 53′, Jota era uscito dal campo come il giocatore più inefficace in campo, con il minor numero di tocchi (12).

I 90 minuti giocati giovedì sera contro il Liechtenstein potrebbero aver avuto un ruolo nella sua prestazione.


Qual è il futuro del Manchester City?

Martedì 28 novembre: RB Lipsia (casa), Champions League 20:00 GMT, 17:00 ET

Il City si è già qualificato per la fase a eliminazione diretta dopo quattro partite, ma una vittoria o un pareggio garantiranno il primo posto nel Gruppo G.

Domenica 3 dicembre: Tottenham (H), Premier League, 16:30 GMT, 11:30 ET


Qual è il futuro del Liverpool?

Giovedì 30 novembre: LASK (H), Europa League, 20:00 GMT, 15:00 ET

Il Liverpool è in testa al Gruppo E con due punti di vantaggio e, in caso di vittoria, potrebbe rafforzare la propria posizione nella fase a eliminazione diretta.

Domenica 3 dicembre: Fulham (H), Premier League, 14:00 GMT, 9:00 ET


Suggerimenti per la lettura

(Immagine in alto: Sean Botterill/Getty Images)