Maggio 20, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L'”Orologio Cosmico” racconta la prima presenza umana in Europa

L'”Orologio Cosmico” racconta la prima presenza umana in Europa

Garba Romano

Uno strumento di pietra trovato a Korolevu, un sito archeologico in Ucraina, mostra che gli antichi esseri umani avevano molta roccia dura con cui lavorare.

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l'universo con notizie di scoperte affascinanti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

Un nuovo studio mostra che gli strumenti di pietra scoperti in una cava in Ucraina risalgono ad antichi esseri umani che li usavano più di un milione di anni fa.

Roman Garba, archeologo dell'Accademia ceca delle scienze di Praga, ha affermato che l'analisi della datazione moderna dei manufatti rivela la più antica presenza conosciuta di ominidi in Europa. Il rapporto rileva inoltre che i primi esseri umani ad abitare in Europa si spostarono da est a ovest.

La storia preliminare del sito archeologico di Korolevu, scoperto negli anni '70, indica che fu utilizzato per più di 800.000 anni. Gli archeologi hanno recuperato 90.000 strumenti di pietra dal sito, che si trova vicino ai confini sud-occidentali dell'Ucraina con l'Ungheria e la Romania.

Garba Romano

Nel sito sono stati rinvenuti circa 90.000 strumenti di pietra realizzati dai primi esseri umani, ma non sono stati trovati fossili umani.

Per determinare con maggiore precisione l'età degli strumenti in pietra nello strato archeologico inferiore, il team ha utilizzato un metodo di datazione relativamente nuovo che prevede l'analisi delle particelle radioattive all'interno dei grani minerali prodotti da… Raggi cosmici — Particelle cariche che viaggiano attraverso lo spazio e cadono sulla Terra.

“È come un orologio cosmico che mette in moto la storia umana”, ha detto Garba, l'autore principale. Dallo studio pubblicato mercoledì in Rivista sulla natura.

READ  Funzionari di Hamas arrivano al Cairo per i colloqui di tregua a Gaza, ma non c'è segno della presenza di Israele Notizie della guerra israeliana a Gaza

Una pioggia di radiazioni quando i raggi cosmici interagiscono con l'atmosfera può penetrare nelle rocce, creando nuclidi cosmici o isotopi. Gli scienziati misurano il tasso di decadimento di questi nuclidi per determinare per quanto tempo le rocce precedentemente esposte sono state protette dai nuclidi cosmici una volta sepolte sotto la superficie terrestre dove gli isotopi non potevano formarsi.

I colleghi di Garba hanno misurato due nuclidi, alluminio-26 e berillio-10, contenuti nei granelli di quarzo di sette ciottoli scoperti nello stesso strato degli strumenti di pietra. Utilizzando due metodi di calcolo, i ricercatori hanno determinato che avevano 1,4 milioni di anni.

“L'elaborazione dei campioni è molto complessa”, ha affermato Garba. “Ci vogliono dai due ai tre mesi di lavoro quotidiano per macinare, pulire e separare il campione.”

Istituto Archeologico NAS

Il sito è stato scoperto per la prima volta negli anni '70. Ecco una foto d'archivio scattata durante gli scavi a metà degli anni '80.

Nessun fossile umano è stato trovato nel sito all'aperto, poiché le condizioni esposte rendono difficile la conservazione dei fossili. Anche il terreno è acido, il che potrebbe accelerare la decomposizione dei manufatti, ha detto Garba.

Non è chiaro quale specie umana primitiva abitasse il sito in quel momento, ma lo studio ha indicato che avrebbe potuto essere l’Homo erectus. Gli scienziati ritengono che questa specie estinta sia stata il primo ominide a lasciare l'Africa e a camminare con un'andatura completamente eretta.

Secondo lo studio, i fossili umani più antichi scoperti in Europa provengono dal sito di Atapuerca in Spagna e risalgono a 1,1 milioni di anni fa. In Georgia, si ritiene che i fossili umani trovati vicino a Dmanisi abbiano 1,8 milioni di anni.

READ  Papa Francesco torna a casa dopo una breve degenza in ospedale

Le sedie di pietra del sito di Korolevu, datate con certezza, colmano “una lacuna nella presenza precoce di ominidi in Europa nel tempo e nello spazio”, ha affermato Brianna Popiner, paleontologa dello Smithsonian National Museum of Natural History di Washington, DC. t partecipare alla ricerca.

I risultati suggeriscono che almeno una dispersione di ominidi in Europa è avvenuta da est a ovest e che gli ominidi avrebbero potuto abitare a latitudini più elevate nell’Europa settentrionale prima di colonizzare l’Europa meridionale. “Naturalmente, non possiamo sapere se si tratta di un’incursione temporanea in quest’area o di una migrazione permanente, senza ulteriori dati provenienti da più siti”, ha affermato.

“Fortunatamente, gli ominidi hanno lasciato le loro carte d’identità – strumenti di pietra e talvolta ossa di animali macellati – sparse per il paesaggio come prova evidente della loro presenza”.

Il gruppo di studio ha anche esaminato il clima e gli habitat della regione negli ultimi due milioni di anni. I ricercatori hanno scoperto che il periodo interglaciale più caldo, quando le temperature erano più calde di oggi, coincideva con l’età degli strumenti di pietra. Garba ha affermato che i dati sui pollini indicano l'esistenza di un ecosistema forestale.

Garba ha detto che Korolevu era attraente per gli antichi umani perché si trovava vicino al fiume Tibisco, che porta al Danubio, e c'era una fonte facilmente disponibile di roccia dura necessaria per tagliare strumenti di pietra.

Garba e i suoi colleghi hanno detto che sperano di continuare le indagini su Korolevu.
Ha aggiunto che la guerra della Russia in Ucraina ha reso difficile lo scavo e l'accesso ai manufatti dal sito.

READ  Il cancro di Re Carlo fu scoperto presto. Il principe Harry vola a casa