Luglio 15, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Lo studio dimostra che la caccia alle balene ha portato ad una perdita di diversità genetica

Lo studio dimostra che la caccia alle balene ha portato ad una perdita di diversità genetica

Foto: Thomas Kelly // Unsplash


Inerzia

Una nuova ricerca della Oregon State University ha esaminato l’impatto genetico della caccia alle balene commerciale del 20° secolo. nuova carta, Pubblicato sulla rivista GeneticaDescrive la perdita di diversità genetica nelle balene che sopravvivono oggi, in particolare nella stirpe materna delle balene blu e delle megattere.

I ricercatori hanno confrontato il DNA delle ossa di balena trovate sulle spiagge vicino alle stazioni baleniere abbandonate con quello delle balene attuali. Le ossa sono state trovate principalmente nella Georgia del Sud, un’isola nell’Oceano Atlantico meridionale, 800 miglia a sud-est delle Isole Falkland. La prevalenza della caccia alle balene a fini commerciali nella zona, combinata con le temperature fredde che hanno contribuito a preservare gli esemplari, ha prodotto un gran numero di ossa scartate disponibili per l’analisi. Lo studio spiega: “È noto che queste ossa rappresentano la prima fase della caccia alle balene nel ventesimo secolo, e quindi la diversificazione di questi gruppi prima della caccia alle balene”. “La diversità post-caccia alle balene è stata descritta da studi precedentemente pubblicati che riportavano un ampio campionamento di balene vive nell’emisfero australe”.

Il risultato è stato che i ricercatori hanno trovato prove evidenti della perdita delle linee del DNA materno tra le balenottere azzurre e le megattere. “La discendenza materna è spesso legata alle memorie culturali di un animale, come i siti di alimentazione e di riproduzione che vengono tramandati di generazione in generazione”, ha affermato Angela Sremba, autrice principale dello studio. Lo ha detto alla redazione dell’Oregon. “Se si perde il lignaggio materno, probabilmente andrà perduta anche questa conoscenza”. Di conseguenza, le popolazioni locali di balene sono in gran parte scomparse dalla Georgia del Sud.

READ  Potenti brillamenti solari hanno colpito la Terra e le radio oscuranti in tutta Europa e Africa

Tuttavia, da quando la caccia commerciale è cessata, le balene hanno cominciato a tornare sull’isola. “Il numero di balene che ritornano in quest’area oggi non è ancora elevato, ma c’è la sensazione che potrebbero riscoprire questo habitat”, ha affermato Scott Baker, Ph.D., direttore associato del Marine Mammal Institute presso la Ohio State University. Consigliere Srimba. “Ciò offre l’opportunità di documentare la ricostituzione naturale di queste ex zone di alimentazione, simile a quanto è stato documentato per la balena franca australe intorno alla Nuova Zelanda”, ha spiegato lo stesso studio.

Anche se le balene stanno cominciando a ritornare nella zona, gli effetti della caccia commerciale potrebbero farsi sentire anche negli anni a venire. Poiché alcune specie di balene possono vivere fino a 100 anni, è probabile che un certo numero di balene che vivono oggi fossero vive durante l’era della caccia alle balene. Quando muoiono, ciò può portare alla perdita di più lignaggi materni. “È importante continuare a campionare queste popolazioni per monitorare il recupero e determinare se le popolazioni che si stanno riprendendo sono resti di popolazioni pre-caccia alle balene nella Georgia del Sud o rappresentano la riscoperta e la colonizzazione di questo habitat alimentare produttivo”, conclude lo studio.

“È notevole che queste specie siano sopravvissute. Tra altri 100 anni, non sappiamo cosa potrebbe essere cambiato, e non possiamo misurare alcun cambiamento ora se non abbiamo una buona comprensione del passato”, Sremba “Questo lavoro offre l’opportunità di ricostruire la storia delle popolazioni.” “Queste balene ci aiutano a capire cosa abbiamo veramente perso a causa delle attività di caccia alle balene”.