Febbraio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Lo straordinario skyline marziano catturato dall’orbiter Odyssey della NASA

Lo straordinario skyline marziano catturato dall’orbiter Odyssey della NASA

L’orbiter Mars Odyssey della NASA ha catturato immagini straordinarie di Marte e della sua luna Phobos, fornendo una prospettiva unica sul paesaggio curvo e sull’atmosfera del pianeta. Questo risultato tecnico fa avanzare la nostra comprensione di Marte e aiuta l’esplorazione futura. Fonte immagine: NASA/JPL-Caltech

NASA‘S Marte L’orbiter Odyssey ha fornito nuove immagini panoramiche di Marte e della sua luna Phobos, fornendo nuove informazioni sul paesaggio e sull’atmosfera di Marte.

L’orbiter Odyssey ha catturato nuvole e polvere nel cielo del Pianeta Rosso, insieme a una delle sue due piccole lune.

Gli astronauti spesso reagiscono con stupore quando vedono la curvatura della Terra sotto di loro Stazione Spaziale Internazionale. Ora gli scienziati di Marte stanno avendo un assaggio di cosa significhi, grazie all’orbiter Mars Odyssey del 2001 della NASA, che ha completato la sua missione. Anno 22 sul pianeta rosso Lo scorso mese.

La navicella spaziale ha catturato una serie di immagini panoramiche che mostravano il paesaggio marziano curvo sotto strati traslucidi di nuvole e polvere. Cucite l’una accanto all’altra, le 10 immagini non solo forniscono una nuova straordinaria visione di Marte, ma forniscono anche informazioni che aiuteranno gli scienziati ad acquisire nuove conoscenze sull’atmosfera marziana.

Mars Horizon NASA Odyssey Themis Orbiter Fotocamera

Questa insolita visione dell’orizzonte marziano è stata catturata dall’orbiter Odyssey della NASA utilizzando la telecamera THEMIS, in un processo che ha richiesto agli ingegneri tre mesi di pianificazione. È stata scattata da circa 250 miglia sopra la superficie di Marte, la stessa altitudine alla quale la Stazione Spaziale Internazionale orbita attorno alla Terra. Fonte immagine: NASA/JPL-Caltech/Arizona State University

La sonda spaziale ha scattato le immagini a maggio da un’altitudine di circa 250 miglia (400 chilometri), la stessa altitudine alla quale la stazione spaziale vola sopra la Terra.

READ  Il misterioso e ripetitivo suono radio veloce agisce come un fischio celeste

“Se ci fossero astronauti in orbita attorno a Marte, questa è la prospettiva che avrebbero”, ha affermato Jonathan Hale dell’Arizona State University, responsabile delle operazioni per la fotocamera Odyssey, chiamata Thermal Emission Imaging System. Themis. “Nessun veicolo spaziale marziano ha mai avuto questo tipo di visione prima.”


La navicella spaziale Mars Odyssey della NASA ha catturato le prime vedute di Marte che mostrano l’orizzonte curvo e gli strati dell’atmosfera, simili a ciò che un astronauta vedrebbe la Terra dalla Stazione Spaziale Internazionale. Anche se non ci sono ancora astronauti su Marte, questa visione ci dà un’idea di cosa potrebbero vedere. Laura Kerber, vice scienziata del progetto per l’orbiter Mars Odyssey della NASA, spiega come e perché la navicella spaziale ha catturato una vista del Pianeta Rosso simile alla vista della Terra dalla Stazione Spaziale Internazionale. Credito: NASA/Laboratorio di propulsione a reazione-Istituto di tecnologia della California

Come è stato fatto?

Il motivo per cui questa offerta non è popolare è a causa delle sfide legate alla sua creazione. Gli ingegneri del Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California, che gestisce la missione, e della Lockheed Martin Space Corporation, che ha costruito Odyssey e co-conduce le operazioni quotidiane, hanno trascorso tre mesi a pianificare le osservazioni di THEMIS. La sensibilità della fotocamera a infrarossi al calore le consente di mappare ghiaccio, rocce, sabbia e polvere, insieme ai cambiamenti di temperatura, sulla superficie del pianeta.

Può anche misurare la quantità di acqua ghiacciata o polvere nell’atmosfera, ma solo in una stretta colonna direttamente sotto la navicella. Questo perché THEMIS è fissato in posizione sull’orbiter; Di solito punta dritto verso il basso.

READ  Su Nettuno sono state rilevate variazioni impreviste della temperatura atmosferica

La missione voleva una visione più ampia dell’atmosfera. Sapere dove si trovano gli strati di nuvole, polvere e ghiaccio d’acqua l’uno rispetto all’altro – se c’è uno strato o più strati impilati uno sopra l’altro – aiuta gli scienziati a migliorare i modelli dell’atmosfera marziana.

“Penso che sia come vedere una sezione trasversale, o una fetta, dell’atmosfera”, ha affermato Jeffrey Plaut, scienziato del progetto Odyssey al JPL. “Ci sono molti dettagli che non è possibile vedere dall’alto, ed è così che THEMIS solitamente effettua queste misurazioni.

NASA Mars Odyssey Orbiter THEMIS Fotocamera Phobos

Nel 2001, l’orbiter Mars Odyssey della NASA ha utilizzato la fotocamera THEMIS per catturare questa serie di immagini di Phobos, una delle due piccole lune del Pianeta Rosso. Fonte immagine: NASA/JPL-Caltech

Poiché THEMIS non può ruotare, la regolazione dell’angolazione della telecamera richiede la regolazione della posizione dell’intero veicolo spaziale. In questo caso, il team aveva bisogno di ruotare l’orbiter di circa 90 gradi assicurandosi che il sole continuasse a splendere sui pannelli solari della navicella ma non su apparecchiature sensibili che potrebbero surriscaldarsi. La direzione più semplice si è rivelata essere quella in cui l’antenna dell’orbiter puntava lontano dalla Terra. Ciò significava che la squadra non era in contatto con Odyssey per diverse ore fino al completamento dell’operazione.

La missione Odyssey spera di acquisire immagini simili in futuro, catturando l’atmosfera marziana in più stagioni.

Oltre la Luna

Per sfruttare al meglio i propri sforzi, la missione ha anche scattato immagini della piccola luna di Marte, Phobos. Questa è la settima volta in 22 anni che l’orbiter punta THEMIS verso la Luna per misurare le variazioni di temperatura sulla sua superficie.

READ  Il Webb Space Telescope cattura le caratteristiche un tempo nascoste di una protostella

“Abbiamo ottenuto un’angolazione e condizioni di illuminazione diverse per Phobos rispetto a quelle a cui siamo abituati”, ha detto Hill. “Questo lo rende una parte unica del nostro set di dati Phobos.”

Le nuove immagini forniscono informazioni sulla composizione e sulle proprietà fisiche della Luna. Ulteriori studi potrebbero aiutare a risolvere il dibattito sulla questione se Phobos, che è largo circa 25 chilometri, sia un asteroide catturato o un antico pezzo di Marte espulso dalla superficie a seguito dell’impatto.

La navicella spaziale JAXA MMX su Marte

Un concept artistico della navicella spaziale MMX della Japan Aerospace Exploration Agency su Marte. Credito: JAXA

La NASA sta collaborando con la JAXA (Japan Aerospace Exploration Agency) su un prototipo di missione di ritorno su Phobos e sulla sua luna gemella Deimos, chiamata Mars Moon eXplorer, o MMX. Le immagini di Phobos di Odyssey saranno utili agli scienziati che lavorano sia su Odyssey che su MMX.

Maggiori informazioni sulla missione

THEMIS è costruito e gestito dall’Arizona State University di Tempe. JPL è una divisione del California Institute of Technology di Pasadena.