Febbraio 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’NBA sospende Draymond Green a tempo indeterminato, cita “storia ripetuta”

L’NBA sospende Draymond Green a tempo indeterminato, cita “storia ripetuta”

La NBA ha annunciato che l’attaccante dei Golden State Warriors Draymond Green è stato sospeso a tempo indeterminato dopo aver preso a pugni in faccia il giocatore dei Phoenix Suns Jusuf Nurkic durante una partita di martedì sera.

Green ha ricevuto un flagrante fallo 2 per aver colpito Nurkic ed è stato successivamente espulso per la terza volta in questa stagione. La sospensione a tempo indeterminato “tiene conto della ripetuta storia di atti antisportivi di Green”, secondo una dichiarazione della NBA.

La lega ha detto che gli sarà richiesto di soddisfare “determinate condizioni del campionato e della squadra” prima di tornare a giocare.

Green, il direttore generale dei Warriors Mike Dunleavy Jr. e l’agente di Green Rich Paul dovrebbero incontrarsi giovedì per iniziare a discutere un percorso di consulenza e aiutare Green ad andare avanti, hanno detto fonti ad Adrian Wojnarowski di ESPN. La Lega non ha voluto dare un numero specifico alla sospensione, ma ha permesso a Green di prendersi tutto il tempo necessario per affrontare le sfide che deve affrontare.

Al verde verranno addebitati $ 153.941 a partita se la sua sospensione è inferiore a 20 partite e $ 202.922 a partita se è superiore a 20 partite.

Le tre espulsioni di Green sono pari per la maggior parte in una sola stagione. Il suo primo fallo è arrivato dopo aver commesso due falli tecnici contro i Cleveland Cavaliers l’11 novembre. Il secondo è arrivato contro i Minnesota Timberwolves il 14 novembre quando ha schierato Rudy Gobert su un colpo di testa. L’NBA ha sospeso Green per cinque partite in seguito all’ultimo incidente, con la lega che ha citato la storia di Green come recidivo per tutta la durata della sospensione.

READ  L'incertezza circonda il giocatore dei Giants Kenny Goladay dopo la partita dei Jets

Green è stato espulso martedì con 8:23 rimasti nel terzo quarto dopo aver oscillato e colpito Nurkic alla testa mentre lo difendeva. All’inizio, con le spalle di Green rivolte a Nurkic, ha ripetutamente allontanato Nurkic da lui. Alla fine, Green si voltò e colpì Nurkic alla testa con il pugno. I funzionari hanno ritenuto che il fallo 2 fosse palese dopo aver esaminato il video.

Green ha detto dopo la partita: “Non sono una di quelle persone che si scusano per le cose che intendevo fare, ma mi scuso con Youssef perché non intendevo colpirlo”. “Vendo chiamate con il braccio… quindi stavo vendendo la chiamata… e ho sferrato e sfortunatamente l’ho colpito.”

I Warriors hanno chiarito a Green che hanno bisogno di lui in campo. Questa necessità è ora più grande che mai, dato che Golden State si trova sul 10-13, con due dei suoi giocatori più importanti, Klay Thompson e Andrew Wiggins, che continuano a lottare.

“Abbiamo bisogno di lui. Abbiamo bisogno di Draymond. Lui lo sa”, ha detto martedì l’allenatore dei Warriors Steve Kerr. “Abbiamo parlato con lui. Deve trovare il modo di mantenere l’equilibrio ed essere presente per i suoi compagni”.

Green ha riconosciuto la lettera di Kerr.

“Come ho detto, se avessi intenzione di fare questo, mi sentirei male a non essere lì”, ha detto Green. “Ma le mie intenzioni erano solo quelle di vendere il biglietto.”

READ  Kyle Shanahan: Non c'è niente di diverso da dire al riguardo, fa male

I Warriors hanno perso influenza nel disciplinare Green dopo aver fallito nel ritenerlo responsabile per aver preso a pugni l’ex compagno di squadra Jordan Poole nel campo di addestramento lo scorso anno, ha detto una fonte a ESPN il mese scorso.

Quando Green ha calpestato Domantas Sabonis di Sacramento durante il primo turno dei playoff della scorsa stagione, i Warriors si sono alzati e sono stati al suo fianco. Hanno fatto lo stesso dopo l’incidente con Gobert a novembre, anche se Kerr ha detto che le sue azioni erano “imperdonabili”.

Le informazioni di Bobby Marks di ESPN sono incluse in questo rapporto.