Dicembre 3, 2021

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’Italia e la Repubblica Ceca affrontano la riforma della politica agricola comune

I deputati dovrebbero adottare i regolamenti sulla politica agricola generale (PAC) in una sessione plenaria a Strasburgo martedì 23 novembre. Insieme a UN La riforma della PAC prevede un budget di 387 miliardi di euro in sette anni, di cui 270 miliardi di aiuti diretti agli agricoltori. Dovrebbe entrare in vigore nel 2023 Gli enti di beneficenza volontari condannano la mancanza di ambizione, Vuole essere verde Allineando una quota di assistenza diretta, 25%, pratiche ambientali più elevate: progetti ambientali. Questa riforma ha avuto conseguenze significative in vari paesi d’Europa. Spotlight in Italia e Repubblica Ceca.

In Italia, sindacati dei dipendenti entusiasti

I sindacati italiani sono molto favorevoli alla nuova PAC. Hanno scritto agli eurodeputati italiani per votare per una politica agricola comune. Sono, infatti, i sindacati che, soprattutto, plaudono ai nuovi criteri di condizionamento dell’assistenza agricola. Le aziende e le aziende agricole che non rispettano i contratti e le leggi sulle condizioni di lavoro non possono più chiedere assistenza pubblica diretta. Questo è un grande passo verso una PAC più sociale e sostenibile, scrivono insieme i tre maggiori sindacati italiani. Uno svantaggio è che per sapere se le aziende agricole rispettano le regole, è necessario controllare il loro cortile. E le restrizioni non sono diffuse in Italia. Gli ispettori scarseggiano, mentre l’acromafia – la mafia agricola – sfrutta molti lavoratori, per lo più stranieri! Le sanzioni saranno commisurate alla gravità dei fatti e il sistema entrerà in vigore su base volontaria a partire dal 2023, ma sarà obbligatorio entro il 2025.

Le organizzazioni dei datori di lavoro sono meno interessate a questa nuova PAC. Secondo l’associazione dei datori di lavoro Confacricoldura, gli agricoltori perderanno gli aiuti, che condanna la riduzione al 15% complessivo, tenendo conto dell’assistenza nazionale. Secondo i calcoli della società, solo i fondi europei diminuiranno del 10%. Ad esempio, in Puglia, una regione con un’ampia popolazione di persone che lavorano nel settore agricolo, un rappresentante dell’associazione dei datori di lavoro ritiene che i posti di lavoro siano gravemente minacciati. Un altro aspetto che preoccupa le aziende è la condizione sociale dell’assistenza, ma anche la condizione ambientale attraverso la creazione di schemi ambientali: il 25% di tutta l’assistenza sarà fornita solo agli agricoltori che richiedono schemi ambientali. Dice che tutte queste condizioni per i datori di lavoro sono extra burocratiche. Infine, l’essenziale in questa nuova PAC è che gli Stati – quindi l’Italia – si uniscano: devono usare loro stessi questa PAC nei piani strategici!

READ  Secondo Luigi de Mayo, l'Italia è stato il primo Paese dell'UE ad espellere gli afghani

Nella Repubblica Ceca l’obiettivo è controllare le sovvenzioni europee ai gruppi più grandi

I partiti che hanno formato la coalizione per sconfiggere il primo ministro Andrzej Bobbi, dimessosi nelle recenti elezioni assembleari durante la campagna elettorale, stanno attaccando il sistema di distribuzione pubblica della politica agricola pubblica. “LLimiti alle sovvenzioni per le imprese più grandi” Citato per intero dSono gli accordi di alleanza di governo firmati di recente dai cinque partiti di centrodestra. Il mirino è principalmente l’impero agrochimico. Gruppo Agrofert, Stabilito da Andrzej Babi. È uno dei più grandi del paese. Finora ha ricevuto milioni di euro in sovvenzioni all’anno. Andrzej Babis, in conformità con la legge ceca, ha posto il gruppo in fondi fiduciari, ma questa manipolazione finanziaria non è stata sufficiente. Gli avvocati dell’UE hanno stimato che il miliardario che è entrato lui stesso in politica fosse un beneficiario diretto di Agrofert. Questa contraddizione nell’interesse del primo ministro uscente ha messo in imbarazzo La République en Marche ei suoi partner del gruppo Renew al Parlamento europeo, compresi gli eurodeputati francesi.

Non sarà un compito facile per questa nuova coalizione, poiché potenti lobby agricole e gruppi come Agrofert impiegano decine di migliaia di persone. Inoltre, Andrzej Babis non ha evitato la politica. Dovrebbe sicuramente unirsi ai ranghi dell’opposizione in pochi giorni, ma ora prevede pubblicamente di candidarsi alla presidenza tra un altro anno. Attualmente ha più opportunità. Mentre i privilegi del presidente sono legittimi soprattutto nella Repubblica Ceca, questo gli consentirà di mantenere un’influenza reale sulle decisioni prese a Praga.