Aprile 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’equipaggio di una cisterna di carburante fatica a contenere l’incendio dopo l’attacco missilistico degli Houthi

L’equipaggio di una cisterna di carburante fatica a contenere l’incendio dopo l’attacco missilistico degli Houthi

Apri Editor's Digest gratuitamente

I membri dell'equipaggio stavano lottando per controllare un incendio sulla Marlin Luanda sabato, 18 ore dopo che la petroliera era stata colpita da un missile Houthi nel Golfo di Aden.

L’incendio scoppiato sulla nave ha reso questo l’attacco più dannoso tra gli oltre 30 attacchi lanciati dagli Houthi contro navi commerciali negli ultimi tre mesi. La nave trasportava un prodotto petrolifero raffinato prodotto dalla Russia per conto della società commerciale Trafigura.

Ha detto Trafigura di sabato A bordo della nave lunga 250 metri non sono state segnalate vittime o feriti.

Ma ha aggiunto: “L’equipaggio sta continuando i suoi sforzi per controllare l’incendio in una delle cisterne di carico della nave con il supporto di navi militari. La sicurezza dell’equipaggio rimane la nostra massima priorità”.

I precedenti attacchi Houthi, che hanno colpito principalmente navi portacontainer o navi portarinfuse, hanno causato pochi danni e gli eventuali incendi sono stati rapidamente estinti. È probabile che questo attacco spinga più armatori ad evitare il Mar Rosso meridionale e il Golfo di Aden.

“Condanno fermamente l'attacco alla petroliera Marlin Luanda, che ha messo in pericolo la vita dei marinai e ha sollevato lo spettro di danni ambientali”, ha scritto Arsenio Domínguez, segretario generale dell'Organizzazione marittima internazionale delle Nazioni Unite, sulla piattaforma social X.

Il missile che ha colpito la petroliera è stato il primo a colpire una nave commerciale da quando lunedì gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno lanciato una seconda serie di attacchi contro i militanti. Gli Houthi hanno devastato il commercio globale prendendo di mira la rotta vitale da e verso il Canale di Suez.

READ  14 persone sono state uccise e altre 25 ferite in una sparatoria di massa nel centro di Praga

Venerdì scorso, gli Houthi hanno lanciato un missile balistico antinave contro la USS Carney, una nave della Marina americana, nel Golfo di Aden. Il Comando Centrale degli Stati Uniti ha detto che Carney ha abbattuto con successo il missile.

Sabato, secondo il Comando Centrale degli Stati Uniti, le forze statunitensi hanno lanciato un attacco contro un missile antinave Houthi che si stava preparando per il lancio.

Yahya Saree, un portavoce degli Houthi, ha detto che il gruppo ha preso di mira la nave Marlin Luanda, che ha descritto come una “nave petrolifera britannica”. Sebbene la nave fosse gestita per conto della Trafigura con sede a Singapore, il suo proprietario registrato è Oceonix Services, una società con sede a Londra.

Trafigura ha affermato che la nave trasportava nafta di “origine russa”, un prodotto petrolifero, che sarebbe stato acquistato a un prezzo inferiore al prezzo massimo del petrolio del paese fissato dalle sanzioni internazionali.

Gli Houthi affermano di agire in solidarietà con i palestinesi di Gaza dopo che Israele ha dichiarato guerra a Hamas, il gruppo armato che ha attaccato Israele il 7 ottobre.

Inizialmente i ribelli yemeniti avevano affermato di aver preso di mira solo le navi legate a Israele, sebbene molte delle persone colpite non avessero alcun chiaro legame con lo Stato ebraico.

Da allora, gli Houthi hanno ampliato la loro lista di obiettivi per includere navi collegate agli Stati Uniti e al Regno Unito. Molti dirigenti del settore marittimo hanno ipotizzato, sulla base della promessa degli Houthi di non attaccare le navi russe e cinesi, che le navi che trasportano merci dirette da o verso la Russia o la Cina godrebbero di un certo grado di protezione.

READ  Gli aerei da combattimento della Marina americana hanno bombardato i lanciatori di missili Houthi nello Yemen, hanno detto i funzionari

Secondo il gruppo di servizi marittimi Clarksons, nelle ultime settimane gli arrivi di navi portacontainer nella regione sono diminuiti del 90% rispetto ai livelli di inizio novembre.

Invece, la maggior parte prende il percorso più lungo attorno al Capo di Buona Speranza, che ha aumentato significativamente i tempi e i costi di viaggio.

Mercoledì, gli Houthi hanno lanciato almeno tre missili contro due navi portacontainer battenti bandiera americana, la Maersk Detroit e la Maersk Chesapeake, mentre si dirigevano attraverso Bab al-Mandab alla foce del Mar Rosso.

Le navi, parte di una flotta di 20 navi battenti bandiera statunitense che trasportano quasi esclusivamente beni governativi statunitensi, erano accompagnate dalla USS Gravely. La nave della marina americana ha abbattuto due missili, mentre un altro è caduto in mare.

Maersk, la seconda compagnia di navigazione portacontainer più grande del mondo, ha dichiarato che non invierà più la sua flotta battente bandiera statunitense attraverso la regione. Da dicembre altre navi della compagnia con sede a Copenaghen transitano attraverso il Capo di Buona Speranza.