Maggio 30, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Civiltà Maya: gli archeologi trovano un’antica città nella giungla

Civiltà Maya: gli archeologi trovano un’antica città nella giungla

  • Scritto da Vanessa Buschloter
  • notizie della BBC

fonte dell’immagine, Evan Sprajk / Ina

didascalia foto,

Gli archeologi hanno identificato una serie di edifici tra cui questo con gradini in pietra

Gli archeologi in Messico hanno scoperto i resti di un’antica città Maya nel profondo della giungla della penisola dello Yucatan.

Gli esperti hanno trovato molte strutture piramidali alte più di 15 metri (50 piedi).

Le ceramiche scoperte nel sito sembrano indicare che fu abitato tra il 600 e l’800 d.C., il periodo noto come Tardo Classico.

Gli archeologi hanno chiamato il sito Ocomtún (il nome Maya per il pilastro di pietra).

fonte dell’immagine, Evan Sprajk / Ina

didascalia foto,

L’abbondanza di colonne di pietra ha ispirato il nome che i ricercatori hanno dato alla città

Considerata una delle più grandi civiltà dell’emisfero occidentale, la civiltà Maya è famosa per i suoi templi piramidali e i possenti edifici in pietra in un’area che si trova nell’attuale Messico meridionale, Guatemala e Belize.

Questi ultimi resti sono stati trovati in una riserva ecologica nello stato di Campeche, un’area così densamente vegetata da non essere stata molto esplorata.

L’Istituto Nazionale di Storia e Storia del Messico (INAH) ha affermato che la sua scoperta è stata il risultato di un lavoro sul campo volto a documentare l’archeologia della pianura Maya centrale, un’area di 3.000 chilometri quadrati di giungla disabitata.

INAH ha affermato che la scansione laser aerea condotta dall’Università di Houston ha aiutato il gruppo di ricerca a scoprire “numerose concentrazioni di strutture preispaniche”.

Su quel terreno elevato, hanno trovato molti edifici di grandi dimensioni, tra cui un certo numero di edifici a forma di piramide alti più di 15 metri.

“Il sito doveva fungere da importante hub regionale”, ha affermato Sprajc in una dichiarazione dell’INAH.

Ha aggiunto che le colonne cilindriche in pietra che hanno spinto i ricercatori a nominare il sito di Ocomtún erano probabilmente ingressi alle stanze nelle parti superiori degli edifici.

Secondo Sprajc, il sito potrebbe aver subito importanti cambiamenti tra l’800 e il 1000 d.C. prima di cadere vittima del declino della civiltà dei Maya bassi nel X secolo.