Agosto 14, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L'economista afferma che la forza del dollaro è più preoccupante dell'inflazione in Asia

L’economista afferma che la forza del dollaro è più preoccupante dell’inflazione in Asia

Timur Baig, amministratore delegato di DBS Bank a Singapore, ha dichiarato giovedì alla CNBC che un tasso di cambio debole a fronte di un dollaro USA forte è una preoccupazione più grande per l’Asia rispetto all’inflazione.

“Non siamo particolarmente preoccupati per la politica che guida l’inflazione, ma per il tasso di cambio debole, l’esaurimento della liquidità del dollaro e queste cose [are] problema più grande, [and issues such as] Angolo della bilancia dei pagamenti”, ha detto Page a “Street Signs Asia” della CNBC.

“Se i prezzi dei fattori di produzione aumenteranno davvero il prossimo anno, anche un paese come l’India – che produce molto cibo per se stesso ed esporta nel resto del mondo – inizierà a sentirsi un po’ insicuro riguardo all’approvvigionamento alimentare del 2023, ” Egli ha detto. .

Page, che è anche capo economista di DBS, ha affermato che la crisi energetica globale che sta alimentando l’inflazione potrebbe portare a un inverno cupo.

“Trovo molto difficile vedere come la situazione del gas in Europa si risolverà presto… La Cina non è ancora fuori… dalla politica no-coronavirus. [The energy crisis] Non è solo una questione di mantenere le case calde, ma è anche un fattore molto importante nel determinare le aspettative di inflazione alimentare per il prossimo anno”.

“Il problema riguarda l’Europa, ma ciò influisce sui prezzi dell’energia in tutto il mondo”, ha affermato, aggiungendo che è molto probabile che l’inflazione dal lato dell’offerta rimanga alta per tutto il 2023 con “ripercussioni negative” sull’economia globale.

Scelte di titoli e tendenze di investimento da CNBC Pro:

L’economista ha affermato che c’è “spazio e necessità” per i paesi asiatici di sostenere le loro economie attraverso politiche fiscali.

READ  Elon Musk ha risparmiato 143 milioni di dollari ritardando la divulgazione della sua partecipazione su Twitter, afferma la causa: NPR

“Sul fronte della politica monetaria, sfortunatamente non c’è tregua. Devono aumentare i tassi di interesse per rallentare le economie per mantenere le partite correnti su base sostenibile”, ha affermato Page.

“Ed è per questo che anche un paese come l’India, che è così popolare tra gli investitori in questi giorni, penso che abbia ancora grandi venti contrari entro il 2023. E, naturalmente, l’altro grande vento contrario in Asia è la Cina, per ragioni proprie”, ha disse.

Separatamente, Richard Martin di IMA Asia ha dichiarato alla CNBC che il dollaro si sta avvicinando al suo picco. L’amministratore delegato dell’IMA ha dichiarato giovedì che le banche centrali delle principali economie emergenti continueranno ad aumentare i tassi di interesse in previsione di un’ulteriore stretta negli Stati Uniti.

“Man mano che il divario di rendimento si riduce, l’ulteriore corsa alle attività in dollari USA inizia a diminuire”, ha detto Martin a “Street Signs Asia” della CNBC.

Ha aggiunto che non si aspetta che le valute dei mercati emergenti, alcune delle quali sono scese dal 6% all’8% nell’ultimo anno, scendano ulteriormente. Ha previsto che queste valute inizieranno a riprendersi ai livelli precedenti all’inizio del prossimo anno.