Giugno 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’economia cinese sta rallentando a maggio, il che conferma la necessità di un maggiore supporto

L’economia cinese sta rallentando a maggio, il che conferma la necessità di un maggiore supporto

  • I dati di maggio indicano un rallentamento economico
  • La produzione industriale e la crescita delle vendite al dettaglio hanno deluso le aspettative
  • Il tasso di disoccupazione giovanile è ai massimi storici
  • Il declino degli investimenti immobiliari si è approfondito
  • La People’s Bank of China ha tagliato i tassi di interesse chiave per rilanciare la domanda

PECHINO, 15 giugno (Reuters) – L’economia cinese ha vacillato a maggio poiché la produzione industriale e la crescita delle vendite al dettaglio hanno deluso le aspettative, aggiungendosi alle aspettative che Pechino dovrà fare di più per sostenere una fragile ripresa post-pandemia.

La ripresa economica vista all’inizio di quest’anno ha perso slancio nel secondo trimestre, spingendo la banca centrale cinese questa settimana a tagliare alcuni tassi di interesse chiave, con aspettative che ne seguiranno altri.

La produzione industriale è cresciuta del 3,5% a maggio rispetto all’anno precedente, ha dichiarato giovedì il National Bureau of Statistics, più lentamente dell’espansione del 5,6% di aprile e leggermente inferiore all’aumento del 3,6% che gli analisti si aspettavano in un sondaggio Reuters, mentre i produttori faticavano. Con domanda debole in patria e all’estero.

Le vendite al dettaglio – una misura chiave della fiducia dei consumatori – sono aumentate del 12,7%, mancando le aspettative di crescita del 13,6% e rallentando dal 18,4% di aprile.

“Tutti i punti dati finora hanno inviato segnali coerenti che lo slancio economico si sta indebolendo”, ha affermato Qiu Zhang, presidente di Pinpoint Asset Management.

I dati che vanno dalle indagini sulle fabbriche e sul commercio alla crescita dei prestiti e alle vendite di case hanno mostrato segni di debolezza nella seconda economia più grande del mondo. La produzione di acciaio grezzo è aumentata sia su base annua che su base mensile a maggio, mentre anche la produzione giornaliera di carbone da aprile è diminuita, secondo i dati NBS.

READ  Ford dovrebbe scaricare parte della partecipazione di Rivian: rapporto

Il flusso regolare di dati ha sfidato le aspettative degli analisti per una scelta più netta, dati i confronti con le prestazioni molto scarse dello scorso anno, quando molte città erano sottoposte a severi blocchi per il coronavirus.

Le cifre rafforzano anche la necessità di maggiori stimoli poiché la Cina affronta rischi deflazionistici, l’aumento del debito pubblico locale, la disoccupazione giovanile registrata e la debole domanda globale.

“Una domanda interna inadeguata e una domanda esterna fiacca potrebbero far deragliare lo slancio nei mesi in corso, lasciando la Cina su un graduale percorso di ripresa a forma di U sulla sua traiettoria di crescita mensile”, ha affermato Bruce Pang, capo economista di Jones Lang LaSalle.

Pang ha affermato che l’introduzione di stimoli insieme a un ampio allentamento della politica sarebbe il primo passo. “Ma potrebbero essere necessari dai due ai tre anni per sostenere un rallentamento della ripresa economica”.

Grafica Reuters

Facilitazione della banca centrale

Giovedì la banca centrale cinese ha abbassato il tasso di interesse sulla sua linea di prestito a medio termine a un anno, il primo allentamento di questo tipo in 10 mesi, aprendo la strada a un taglio del tasso di prestito chiave (LPR) la prossima settimana.

Lo yuan ha toccato il minimo di sei mesi dopo il taglio dei tassi e il rally dei mercati azionari cinesi, con l’indice di riferimento CSI 300 in rialzo dello 0,6% e l’Hang Seng di Hong Kong in rialzo dell’1,2%.

I mercati scommettono anche su maggiori stimoli, comprese misure mirate al settore immobiliare in difficoltà, un tempo uno dei principali motori della crescita.

Mentre i responsabili politici di Pechino sono stati cauti nel dispiegare forti stimoli che potrebbero aumentare il rischio di fuga di capitali, gli analisti affermano che è necessario un maggiore allentamento.

READ  5 titoli al dettaglio che potrebbero brillare in un rallentamento

Le maggiori banche del paese hanno recentemente tagliato i tassi sui depositi per allentare la pressione sui margini di profitto e incoraggiare i risparmiatori a spendere di più.

Julian Evans-Pritchard, capo della Cina presso Capital Economics, ha affermato che mentre l’allentamento della banca centrale da solo non farebbe molta differenza, ha rivelato “crescenti preoccupazioni tra i funzionari per la salute della ripresa cinese”.

Ha aggiunto che il secondo trimestre si preannuncia più debole del previsto ed è probabile che sia necessario un maggiore sostegno politico per impedire all’economia di entrare in una nuova recessione.

Il portavoce della NBS Fu Lingwei ha dichiarato in una conferenza stampa che la crescita dovrebbe aumentare nel secondo trimestre a causa del basso effetto base dello scorso anno.

Ma ha avvertito che la ripresa deve affrontare sfide tra cui un “ambiente internazionale complesso e tetro, che rallenta la ripresa economica globale” e “una domanda interna insufficiente”.

Yi Gang, governatore della People’s Bank of China, ha promesso la scorsa settimana che la Cina lo avrebbe fatto Adeguamenti politici anticiclici per sostenere l’economia.

Gli investimenti immobiliari sono diminuiti a maggio al ritmo più veloce almeno dal 2001, in calo del 21,5% su base annua, mentre la crescita dei prezzi delle nuove case è rallentata.

Gli analisti di Goldman Sachs hanno affermato questa settimana che il settore immobiliare, un motore storicamente chiave della crescita economica cinese, dovrebbe lottare per anni con una “continua debolezza”.

Gli investimenti privati ​​in immobilizzazioni sono diminuiti dello 0,1% nei primi cinque mesi, in netto contrasto con la crescita degli investimenti da parte delle entità statali dell’8,4%, indicando una fiducia delle imprese più debole.

READ  Come vede la Casa Bianca il confronto sul tetto del debito con McCarthy?

Il dolore del mercato del lavoro è continuato mentre la disoccupazione giovanile è balzata a un record del 20,8%. Il tasso di disoccupazione nazionale basato sull’indagine è rimasto al 5,2% a maggio.

Grafica Reuters

Segnalazione aggiuntiva di Albie Zhang. Montaggio di Sam Holmes

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.