Maggio 29, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Le stazioni sciistiche nel nord-est sono state costrette a chiudere a causa del clima insolitamente caldo

Le stazioni sciistiche nel nord-est sono state costrette a chiudere a causa del clima insolitamente caldo

Le temperature insolitamente calde e la mancanza di neve nel nord-est hanno spinto alcune delle famose località sciistiche della regione a chiudere temporaneamente.

Nordest Ho visto molte temperature record Per iniziare il nuovo anno, gran parte del ghiaccio della zona si è sciolto.

Stazioni sciistiche del Vermont. Le temperature calde sono continuate Per ridurre la massa nevosa e impedire ogni possibilità di neve naturale o artificiale.

ha detto Spencer Spellman, caporedattore di Sulla neve.

Le precipitazioni che stanno andando d’accordo con il caldo nel nord-est hanno solo danneggiato le montagne, ha detto Spielman.

“Questo è in aggiunta a una combinazione di pioggia e temperature più calde che hanno sciolto molta neve là fuori”, ha detto.

Perché Calore incredibile E l’incapacità di fare la neve, molte stazioni sciistiche soffrono.

“Molte stazioni sciistiche nel New England hanno dovuto chiudere temporaneamente”, ha detto Spielman. “Mad River Glen e Camden Snow Bowl sono tra questi, ma dovrebbero riaprire non appena le condizioni lo consentiranno”.

Mad River Glen, una stazione sciistica a Waitsfield, nel Vermont, spera di mettere in funzione i suoi impianti di risalita una volta che il clima si farà più fresco.

“Dopo un fantastico periodo di snowboard durante la settimana di riposo, abbiamo dovuto sospendere le operazioni”, Libri di Mad River Glen.

A circa 40 miglia a nord-est, la famosa località sciistica di Burlington ha visto temperature di 25 gradi sopra il normale in vista del nuovo anno. Le temperature sono ancora di circa 10-15 gradi sopra la media all’inizio dell’anno.

Il freddo non è l’unica cosa che ci manca. Anche le stazioni sciistiche del Vermont soffrono a causa della neve insufficiente.

READ  Il terremoto in Nepal uccide almeno 69 persone

“Famose località sciistiche come Killington e Stowe hanno visto circa 50 pollici di neve, mentre le loro medie stagionali sono più vicine a 200”, ha affermato Spellman. “Quindi, sono in svantaggio a gennaio.”

Con le temperature che tornano alla normalità questo fine settimana, Brian Rivard di Ski Vermont spera che alcune di queste famose località inizieranno a consentire il ritorno di sciatori e snowboarder.

“Le aree sciistiche del Vermont sono abituate a operare con tempo instabile e saranno in grado di espandere rapidamente il terreno aperto una volta che le temperature scenderanno”, ha affermato Rivard. “Questo è uno dei vantaggi del Vermont che dispone di alcuni dei più potenti sistemi di innevamento artificiale al mondo: possono sfruttare qualsiasi finestra di tempo freddo per costruire le loro basi e il terreno in superficie”.

Secondo Rivard, molte delle 18 principali località alpine del Vermont hanno in programma di riaprire questo fine settimana e una di esse probabilmente riaprirà la prossima settimana.