Maggio 30, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Le proteste si trasformano in mafia, il Primo Ministro avverte la polizia

Le proteste si trasformano in mafia, il Primo Ministro avverte la polizia

  • Scritto da Jennifer McKernan e Doug Faulkner
  • notizie della BBC

Il primo ministro Rishi Sunak ha messo in guardia i capi della polizia dal “crescente consenso sul fatto che il governo della folla sta sostituendo il governo democratico”.

Vuole risposte più forti da parte della polizia, che secondo lui è necessaria per proteggere i politici e i processi democratici.

Ciò include una “risposta immediata” da parte della polizia alla protesta intimidatoria nelle case dei parlamentari.

Ma il gruppo per i diritti umani Amnesty International afferma che il primo ministro sta “esagerando drammaticamente questo problema”.

Sunak ha parlato il giorno dopo che il Ministero degli Interni ha annunciato un pacchetto da 31 milioni di sterline volto a proteggere i parlamentari, spiegando che si trattava di una risposta all’impatto del conflitto in corso tra Israele e Hamas.

I capi della polizia sono stati ora convocati a Downing Street, dove il Primo Ministro li ha esortati a utilizzare i poteri esistenti per reprimere “urgentemente” intimidazioni, disordini e atti vandalici.

“Semplicemente non possiamo permettere questo modello di comportamento sempre più violento e intimidatorio che mira, per quanto ne sa, a sopprimere il libero dibattito e a impedire ai rappresentanti eletti di svolgere il proprio lavoro”, ha affermato.

“Questo è semplicemente antidemocratico… Farò tutto il necessario per proteggere la nostra democrazia e i valori che ci stanno a cuore”, ha aggiunto.

“Questo è ciò che il pubblico si aspetta. È fondamentale per il nostro sistema democratico. È anche vitale per mantenere la fiducia del pubblico nella polizia”.

Il documento del Ministero dell'Interno afferma: “I rappresentanti eletti sono stati minacciati e le loro case sono state prese di mira. Le riunioni del Consiglio sono state ripetutamente interrotte e, in alcuni casi, cancellate… Mercoledì scorso, i manifestanti hanno minacciato di costringere il Parlamento a 'chiudere i battenti' .”

“Questi non sono incidenti isolati o mezzi legittimi per ottenere un cambiamento attraverso la forza di argomentazioni pacifiche… Sono tanto anti-britannici quanto antidemocratici.

“Se vogliamo mantenere la fiducia del pubblico e preservare l’integrità del processo democratico, non possiamo permettergli di continuare”.

La Palestine Solidarity Campaign – uno dei gruppi dietro una serie di manifestazioni di massa che hanno avuto luogo a Londra e in altre città negli ultimi mesi – ha affermato di non sostenere le proteste fuori dalle case dei parlamentari ma di difendere il diritto di organizzare proteste pacifiche fuori dagli uffici dei parlamentari. e sale consiliari.

Resta inteso che i laburisti ritengono che le proposte siano sensate, ma il linguaggio del Primo Ministro non lo è.

La conservatrice Donna Jones, presidente dell'Associazione dei commissari di polizia e della criminalità, ha dichiarato alla BBC Newsnight che la polizia attualmente ha poteri sufficienti e li sta usando per arrestare i manifestanti.

La signora Jones, che era presente all'incontro di Downing Street, ha detto: “Abbiamo tutti sentito il messaggio ora dai gruppi filo-palestinesi. Lo abbiamo sentito, lo sappiamo, capiamo cosa stanno cercando di dire – ma questo tipo di comportamenti illeciti deve cessare.

Commenta la foto,

La settimana scorsa i manifestanti filo-palestinesi hanno chiesto un cessate il fuoco a Gaza davanti al parlamento

Ma il ministro della Giustizia Mike Freer, che si dimetterà alle prossime elezioni per motivi di sicurezza, ha detto che i soldi extra “non andranno alla radice” del motivo per cui le persone si sono sentite incoraggiate a prendere di mira i parlamentari.

Ha detto che se non affrontiamo la questione, avremo un “anello d'acciaio attorno ai rappresentanti” e quindi “il nostro intero stile democratico cambierà”.

Tom Southerden, direttore del dipartimento Diritto e diritti umani di Amnesty International UK, ha messo in guardia contro l’erosione dei diritti fondamentali.

Ha aggiunto: “Parlare di “governo della mafia” esagera enormemente la questione e rischia di delegittimare il diritto alla protesta pacifica”.

“La libertà di espressione e di riunione sono diritti assolutamente fondamentali in ogni società libera e giusta.

“Il Regno Unito ha assistito a una significativa repressione dei diritti di protesta negli ultimi anni, con metodi di protesta pacifici criminalizzati e alla polizia con ampi poteri per impedire che le proteste abbiano luogo”.