Giugno 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Le panoramiche generali sull’intelligenza artificiale di Google fraintendono il motivo per cui le persone utilizzano Google

Le panoramiche generali sull’intelligenza artificiale di Google fraintendono il motivo per cui le persone utilizzano Google

Urich Lawson | Immagini Getty

Il mese scorso abbiamo esaminato alcune delle risposte più sbagliate, pericolose e bizzarre generate dalla nuova funzionalità Panoramica AI di Google. Da allora Google ha offerto e fornito scuse/spiegazioni parziali per aver generato questo tipo di risultato Secondo quanto riferito, si è ritirato dal lancio della funzionalità Almeno per alcuni tipi di query.

Ma più riflettevo su questo argomento, più iniziavo a mettere in dubbio la saggezza dei risultati di ricerca basati sull’intelligenza artificiale di Google. Anche quando il sistema non fornisce risultati palesemente falsi, condensare i risultati della ricerca in un riepilogo pulito e compatto generato dall’intelligenza artificiale sembra in primo luogo un malinteso fondamentale su come le persone utilizzano Google.

Affidabilità e importanza

Quando le persone digitano una domanda nella barra di ricerca di Google, a volte desiderano solo il tipo di informazioni di riferimento di base che possono essere trovate su una pagina di Wikipedia o sul sito Web di un’azienda (o anche su uno snippet di informazioni di Google). Spesso cercano informazioni personali dove non esiste un’unica risposta “corretta”: “Quali sono i migliori ristoranti messicani a Santa Fe?” Oppure “Cosa dovrei fare con i miei figli in una giornata piovosa?” oppure “Come posso evitare che il formaggio scivoli sulla pizza?”

Il valore di Google è sempre stato quello di indirizzarti verso luoghi che ritieni esistano Possibile Per ottenere buone risposte a queste domande. Ma spetta ancora a te, utente, sapere quale di queste fonti è la più affidabile e adatta a ciò di cui hai bisogno in quel momento.

Per motivi di affidabilità, qualsiasi utente Internet intelligente utilizza una miriade di indizi contestuali quando giudica un risultato casuale di ricerca Internet. Hai riconosciuto l’esecutore o l’autore? Le informazioni provengono da qualcuno con esperienza/esperienza professionale o da un utente casuale del forum? Il sito è ben progettato? È in circolazione da un po’? Cita altre fonti di cui ti fidi, ecc.?

Ma Google non sa in anticipo quale risultato specifico si adatterà al tipo di informazioni che stai cercando. Quando si tratta di ristoranti a Santa Fe, ad esempio, sei dell’umore giusto per un elenco autorevole di un rispettato critico di giornali o per suggerimenti più non convenzionali da gente del posto a caso? O forse scorri un po’ verso il basso e ti imbatti in una storia vagamente correlata sulla storia delle influenze culinarie messicane della città.

Uno dei punti di forza invisibili dell’algoritmo di ricerca di Google è che l’utente può decidere quali risultati sono i migliori per lui. Finché c’è qualcosa di autorevole e pertinente nelle prime pagine dei risultati, non importa se gli altri collegamenti sono “sbagliati” per quella specifica ricerca o utente.