Giugno 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Le notizie sull’industria dell’informazione stanno diventando più oscure

Le notizie sull’industria dell’informazione stanno diventando più oscure

Anche per gli standard di un business giornalistico le cui fortune sono in declino nell’era digitale, le ultime settimane sono state particolarmente cupe per il giornalismo americano.

Giornali importanti come il Washington Post stanno perdendo giornalisti ed editori e martedì il Los Angeles Times ha licenziato oltre il 20% della sua redazione. Gli ascolti per i canali di notizie sono diminuiti nel contesto di primarie presidenziali non competitive. Titoli prestigiosi come Sports Illustrated, già l'ombra di se stessi, furono distrutti da un giorno all'altro.

Mentre gli americani si preparano per un anno elettorale che sarà caratterizzato da guerre di disinformazione, incitamento generato dall’intelligenza artificiale e dibattito sul futuro della democrazia, l’industria dell’informazione mainstream – un tempo di fatto cane da guardia e facilitatore del discorso pubblico – sta lottando per rimanere a galla.

Il dolore è particolarmente evidente a livello comunitario. Secondo Reuters, una media di cinque giornali locali chiudono ogni due settimane Medill School della Northwestern University, dove più della metà delle contee americane sono ora chiamate deserti di notizie con un accesso limitato alle notizie sulle loro città natali. Delle 1.100 radio pubbliche e affiliate, solo una su cinque produce giornalismo locale.

“In un momento in cui l’America ha bisogno di una copertura giornalistica più solida che mai, è profondamente preoccupante vedere le forze economiche muoversi in modo così aggressivo contro le fonti di informazione tradizionali”, ha affermato. Andrea Haywardex presidente di CBS News che sta lavorando con un gruppo di ricercatori del MIT per studiare il futuro delle notizie e dell'informazione.

“Non è solo una questione di preoccupazione”, ha aggiunto. “è pericoloso.”

Questo declino continua da anni, ma una confluenza di sfide dolorose ha portato all’attuale carneficina.

Gli americani soffrono di stanchezza mediatica, poiché sono inondati di notizie importanti come le imminenti elezioni e le guerre in Medio Oriente e Ucraina. Coloro che seguono le notizie si sono rivolti sempre più ai social media e ai siti anti-establishment che esistono al di fuori delle organizzazioni tradizionali.

Le aziende stanno spendendo una quota maggiore dei loro budget pubblicitari per raggiungere gli utenti su grandi piattaforme tecnologiche come Instagram e Google, che a loro volta stanno diventando meno affidabili nel indirizzare i lettori alle fonti di notizie tradizionali. Twitter, ora X, si sta sbarazzando degli utenti E la sua importanza dopo la disordinata acquisizione da parte di Elon Musk, mentre Google e Meta licenziavano dipendenti chiave nel settore delle notizie e il capo dell’app Threads su Instagram ha affermato che non si sarebbe concentrata sulle notizie.

READ  La Commissione della città di New York vota per sospendere i depositi a Capital One

I problemi hanno interessato anche il livello aziendale.

L’aumento dello streaming e il declino della visione dei film hanno portato a stringere la cinghia da parte delle società madri di molti media. La Disney, proprietaria di ABC News, ha tagliato migliaia di posti di lavoro lo scorso anno. Con NBCUniversal che perde spettatori dalla sua formidabile divisione TV via cavo, NBC News Licenziato – temporaneamente licenziato Decine di dipendenti questo mese. A dare la notizia è stata la CNN, di proprietà della Warner Bros.. La Discovery, carica di debiti, ha avuto una serie di licenziamenti. Anche la Paramount, proprietaria di CBS News, prevede di effettuare tagli significativi, secondo una persona che ha familiarità con le discussioni.

Il New York Times, il New Yorker e il Boston Globe hanno avuto successo attirando abbonati digitali, e ci sono alcune opportunità verdi tra le startup di nicchia basate su abbonamento che sono in gran parte focalizzate su un singolo settore, come The Information for Tech, L'informazione per la tecnologia e l'informazione per la tecnologia. Cavigliere per Hollywood.

Eppure l’assalto di titoli dolorosi è un segnale inquietante degli sforzi dell’industria dell’informazione in generale per creare modelli di business sostenibili.

Il Washington Post e il Los Angeles Times sembravano pronti per un ritorno dopo che un miliardario esperto di tecnologia ha acquistato ogni giornale, il tipo di benefattore finanziario che l’industria spera possa offrire un’ancora di salvezza mentre i ricavi della stampa diminuiscono. Su entrambi i giornali si susseguirono concorsi di lavoro e premi Pulitzer.

Ma entrambi hanno perso decine di milioni di dollari l’anno scorso. Questo mese, Kevin Merida, l'editore ampiamente rispettato del Los Angeles Times, si è dimesso dopo aver litigato con il proprietario del giornale, il dottor Patrick Soon-Shiong. Poi sono arrivati ​​i massicci licenziamenti.

Il Post ha tagliato i costi sotto la guida del suo proprietario miliardario, il fondatore di Amazon Jeff Bezos. La popolarità del giornale è aumentata vertiginosamente durante l'amministrazione Trump, ma non è riuscita a sfruttare la crescita degli abbonati. Poco prima del nuovo anno, il Post ha annunciato che 240 dipendenti avevano accettato acquisizioni.

Anche il Baltimore Sun, il più grande quotidiano del Maryland, si trova ad affrontare un futuro incerto. È stato venduto questo mese a David D. Smith, un uomo d'affari che gestisce il conservatore Sinclair Broadcast Group. Molti giornalisti del Sun temono che Smith imponga i suoi interessi politici al giornale, che ha recentemente ammesso di aver letto a malapena negli ultimi 40 anni.

Il mondo delle riviste non ne è rimasto immune. La settimana scorsa, Sports Illustrated, un tempo gigante del giornalismo sportivo e la cui copertina era un ambito premio per i più grandi atleti del mondo, ha detto che avrebbe licenziato completamente gran parte del suo staff, e che il suo futuro era in dubbio poiché i suoi proprietari consideravano la possibilità di concedere in licenza la proprietà a investitori, quelli nuovi. Giorni fa, Condé Nast ha fuso Pitchfork, un tempo un re della musica intelligente, nella rivista GQ e ha licenziato il personale, compreso il caporedattore.

Martedì, i lavoratori sindacalizzati della Condé Nast hanno organizzato uno sciopero e una protesta presso la sede centrale del World Trade Center. Anche la rivista Time, di proprietà del miliardario Marc Benioff, fondatore di Salesforce, ha iniziato a licenziare il personale questa settimana.

L’ultima brutta notizia è, in un certo senso, la continuazione di quanto accaduto l’anno scorso. Nel 2023, Interessato al commercio, il Los Angeles Times e la NPR hanno tagliato almeno il 10% del loro personale; La sezione notizie di BuzzFeed è stata chiusa; Notizie Corp Tagliare fuori 1250 persone; Il National Geographic licenziò il resto del suo staff di scrittori; Vox Media è passato due Ciclo di licenziamenti. Vice Media ha dichiarato fallimento. Popular Science ha chiuso la sua rivista online. E ESPN e Condé Nast e notizie di Yahoo Tutte le funzioni di taglio.

“Una nuova realtà si è affermata tra i media legacy, sia le potenti società di stampa possedute da miliardari che alcuni dei principali attori digitali nazionali che hanno guadagnato tale attenzione dieci anni fa”, ha affermato Ken Doctor, imprenditore e analista dei media.

READ  L'imminente sciopero UPS sta spingendo alcune aziende a ripensare le catene di approvvigionamento

Ora, l’industria dell’informazione sta tenendo d’occhio i nuovi ostacoli posti dalla tecnologia AI. Alcuni media hanno espresso preoccupazione per il fatto che gli algoritmi di intelligenza artificiale, che generano risposte improvvisate alle domande dei lettori, potrebbero sostituire i siti di notizie online come fonti di eventi attuali.

Il New York Times ha citato in giudizio OpenAI e Microsoft per violazione del copyright, sostenendo che milioni di articoli pubblicati dal Times sono stati utilizzati per addestrare chatbot automatizzati che ora competono come fornitori di informazioni. Alcuni editori, come Axel Springer, hanno stretto accordi con OpenAI per ricevere pagamenti annuali per l'utilizzo dei loro archivi digitali.

Se c'è un punto positivo, potrebbe essere il notiziario televisivo locale.

Anche se le stazioni televisive locali hanno i loro problemi – carichi di lavoro pesanti per i giornalisti, anche se gli stipendi sono stagnanti – molte stanno ancora meglio dei giornali locali, ha detto Heyward, ex capo di CBS News, che ora lavora come consulente per un numero dei giornali locali. Agenzie di stampa locali.

“I telegiornali locali contengono molte notizie”, ha detto. “In effetti, ogni mercato di qualsiasi dimensione ha da tre a quattro redazioni concorrenti, il che è in netto contrasto con il giornale locale, dove il mercato è fortunato ad averne una. Se ne hanno una, generalmente sarà l'ombra di se stessa. “

Fondazione Gallup e Knight Sondaggio nel 2022 È emerso che gli americani si fidano delle fonti di notizie locali molto più che dei media nazionali. In un sondaggio Gallup, solo il 19% degli americani ha descritto la propria fiducia nei giornalisti come “alta” o “molto alta”. Rilasciato questa settimanaSotto di nove punti rispetto a quattro anni fa.

“Non può essere dipinta come una notizia falsa”, ha detto Hayward dei media locali. “Se c'è un semaforo rotto a Elm e Maple, la gente lo sa, e non ci sono fatti alternativi. Gli americani hanno difficoltà a trovare un terreno comune, ma nel mercato locale ce l'hanno.”