Febbraio 25, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Le Nazioni Unite chiedono il rilascio di un prigioniero di Guantanamo torturato dalla CIA

Le Nazioni Unite chiedono il rilascio di un prigioniero di Guantanamo torturato dalla CIA

Il Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite ha esortato gli Stati Uniti a rilasciare immediatamente Abu Zubaydah, un prigioniero a Guantánamo Bay e il primo detenuto affondato dalla CIA dopo gli attacchi dell’11 settembre 2001.

IL Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulla detenzione arbitraria Ha anche detto che dopo aver esaminato altri casi a Guantánamo negli ultimi 15 anni, aveva visto uno schema che potrebbe “costituire crimini contro l’umanità”.

Il prigioniero, il cui vero nome è Zain al-Abidin Muhammad Hussain, è stato arrestato durante un raid in Pakistan nel 2002 e dal 2006 è detenuto senza accuse nella base navale statunitense di Cuba.

Gli Stati Uniti hanno sostenuto che la base per la sua detenzione a tempo indeterminato nella guerra al terrore è che, sebbene non fosse un membro di al-Qaeda, ha aiutato i jihadisti ad arrivare in Afghanistan per l’addestramento prima degli attacchi dell’11 settembre.

La commissione, che non dispone di alcun meccanismo di esecuzione, ha anche rilevato che ad Abu Zubaydah è stata negata una significativa revisione del suo arresto ed è stato quindi detenuto illegalmente. “Il rimedio appropriato è rilasciare immediatamente il signor Zubaida e concedergli un diritto esecutivo al risarcimento e ad altri risarcimenti, in conformità con il diritto internazionale”. Il gruppo ha detto in un parere.

È stato il primo prigioniero del “sito nero” della CIA, una rete globale di prigioni segrete all’estero che ha tenuto oltre 100 uomini al di fuori della portata della legge statunitense e del Comitato internazionale della Croce Rossa dal 2002 al 2006.

Due psicologi a contratto della CIA hanno ideato un programma di tortura di “tecniche di interrogatorio avanzate”, specificamente per l’uso in una prigione dell’agenzia in Thailandia, dove è stato sottoposto a waterboarding, privato del sonno e rinchiuso in una scatola simile a una bara.

READ  I leader russi hanno messo le truppe in "buchi" nel terreno come punizione: informazioni britanniche

Nel 2019, Abu Zubaydah ha disegnato schizzi di come è stato torturato. I suoi avvocati hanno reso pubbliche le accuse e il volto del detective è stato inciso dietro una scatola nera.

Il rapporto ha criticato altri sei paesi in cui gli Stati Uniti hanno detenuto Abu Zubaydah, vale a dire Pakistan, Afghanistan, Tailandia, Polonia, Marocco e Lituania. Nel 2018, la Corte europea dei diritti dell’uomo ha criticato la Lituania e la Romania per la loro complicità nel programma della CIA.

L’ONU ha anche denunciato la Gran Bretagna, le cui agenzie di intelligence hanno chiesto agli inquirenti americani di interrogare il prigioniero in luoghi neri nonostante fossero a conoscenza dei suoi “gravi maltrattamenti”.

È l’ultima di una serie di condanne nei confronti degli Stati Uniti emesse da quando il gruppo delle Nazioni Unite, con sede a Ginevra, ha adottato il parere di 19 pagine a novembre. Il documento è stato reso pubblico venerdì.

Altre indagini sui diritti umani delle Nazioni Unite hanno criticato aspramente l’assistenza sanitaria e la politica delle carceri militari statunitensi in tempo di guerra È considerato un’opera d’arte di un detenuto È di proprietà del governo degli Stati Uniti.

L’avvocato di Abu Zubaydah, il tenente colonnello Chantelle M. Higgins, del Corpo dei Marines degli Stati Uniti, ha affermato che la condanna dovrebbe fornire “più incentivi agli Stati Uniti per trovare un posto dove andare a rilasciarlo”.

Sebbene Abu Zubaydah sia nato in Arabia Saudita, è un palestinese che non ha un paese vicino dove accoglierlo.

Helen Duffy, l’avvocato internazionale per i diritti umani che ha portato il suo caso all’organismo delle Nazioni Unite, ha dichiarato lunedì che Abu Zubaydah “ha un fondato timore di ulteriori abusi se viene inviato in Arabia Saudita, e speriamo di raggiungere il Stati Uniti e altri paesi su siti di reinsediamento alternativi.” .

READ  Elon Musk afferma che SpaceX continuerà a finanziare gratuitamente il servizio Starlink dell'Ucraina

Il colonnello Higgins ha suggerito che il Qatar potrebbe essere un luogo adatto, osservando che il paese “è stato generoso e ha avuto successo nell’accogliere gli stranieri detenuti a Guantanamo”.