Maggio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Le azioni asiatiche sono destinate a crollare mentre il meta rallenta nelle grandi aziende tecnologiche: i mercati si chiudono

Le azioni asiatiche sono destinate a crollare mentre il meta rallenta nelle grandi aziende tecnologiche: i mercati si chiudono

(Bloomberg) — I mercati azionari asiatici sono crollati dopo che le prospettive deludenti di Meta Platforms Inc. hanno scatenato… Ti preoccupa il fatto che il settore che ha alimentato il mercato rialzista delle azioni sia andato troppo oltre.

I più letti da Bloomberg

Gli indici azionari in Giappone e Corea del Sud sono scesi, così come sono crollati anche i futures di Hong Kong. I mercati finanziari australiani sono chiusi per ferie. Lo yen è stato scambiato in un intervallo ristretto dopo essere sceso oltre i 155 yen rispetto al dollaro per la prima volta in più di tre decenni mercoledì, aumentando le possibilità di intervento.

Un fondo quotato in borsa da 250 miliardi di dollari che replica il Nasdaq 100 ha subito un duro colpo dopo la chiusura delle normali negoziazioni statunitensi, poiché la società madre di Facebook è scesa di oltre il 15%. Meta prevede che le vendite del secondo trimestre saranno inferiori alle aspettative degli analisti e ha aumentato le stime di spesa per l'anno.

“Le metarisorse sono enormi, ma non sono infinite”, ha affermato Sophie Lund-Yates, analista di Hargreaves Lansdowne PLC. “Il linguaggio che circonda i piani di spesa è diventato di nuovo più audace, e questo potrebbe essere ciò che spaventa i mercati”.

Nel periodo che precede i risultati, l'indice S&P 500 ha faticato a guadagnare slancio, attestandosi intorno a 5.070, mentre i trader si preparavano ai dati economici che contribuiranno a modellare le opinioni sui prossimi passi della Fed. I titoli del Tesoro hanno aperto con poche variazioni in Asia dopo che i rendimenti sono saliti mercoledì.

In Giappone, lo yen è sceso a 155,37 yen rispetto al dollaro mercoledì, segnando la prima volta dal giugno 1990 che la valuta ha superato il livello di 155. Gli operatori saranno attenti a qualsiasi commento da parte dei funzionari di Tokyo giovedì che suggerisca uno stato di rialzo disponibilità all'intervento.

READ  La FCC ripristina la neutralità della rete in cambio degli ISP

L'amministratore delegato della Japan Airlines, Mitsuko Tottori, ha affermato in un'intervista di gruppo che la debolezza della valuta del Giappone è un “grosso problema”, aggiungendo che un tasso di interesse più forte rispetto al livello attuale di circa 155 yen per dollaro sarebbe migliore.

SK Hynix della Corea del Sud ha dichiarato di aspettarsi una piena ripresa del mercato delle memorie dopo che la domanda di intelligenza artificiale ha spinto il produttore di chip a registrare il ritmo di espansione dei ricavi più rapido almeno dal 2010.

Altrove, il petrolio ha registrato un calo modesto, con un tono di avversione al rischio nei mercati più ampi a fronte di un calo delle scorte statunitensi. L’oro è cambiato poco.

I profitti si sviluppano

La società madre di Facebook ha registrato un fatturato di 36,5 miliardi di dollari nel primo trimestre, con un incremento di oltre il 27% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Si è trattato di una piccola vittoria, con gli analisti che prevedevano un fatturato medio di 36,1 miliardi di dollari, secondo le stime compilate da Bloomberg. I profitti sono raddoppiati a 12,4 miliardi di dollari.

“Incoraggiamo gli investitori a concentrarsi sugli aspetti positivi”, ha affermato Tejas Desai di Global X ETFs. “I fondamentali dell'azienda continuano a mostrare forza, e questa è la storia principale.”

Per Mark Hackett di Nationwide, sebbene i giganti tecnologici del G7 abbiano ottenuto buoni risultati negli ultimi due anni grazie alla crescita degli utili superiore rispetto al mercato più ampio, tale vantaggio potrebbe diminuire nel 2024 e in modo più significativo nel 2025.

READ  I mercati asiatici sono per lo più al ribasso, con il Giappone che si aggira vicino ai massimi degli ultimi 33 anni

“Il 'Game Seven' non è più forte come una volta”, ha detto Hackett. “Consideriamo questo uno sviluppo positivo per gli investitori che desiderano diversificare lontano dai nuovi leader di mercato”.

Per settimane, i trader hanno ridotto il numero di tagli dei tassi di interesse che si aspettano dalla Federal Reserve in mezzo a una serie di dati economici resilienti. Gli economisti intervistati da Bloomberg prevedono che il PIL probabilmente scenderà intorno al 2,5% nel primo trimestre, anche se i numeri indicano ancora pressioni inflazionistiche persistenti.

“Domani arriverà un rapporto cruciale sul PIL, con gli operatori di mercato che sperano in un numero debole che porterà a tagli dei tassi di interesse il più presto possibile”, ha affermato Jose Torres di Interactive Brokers. “Ci aspettiamo numeri più forti del previsto. Sarebbe ottimo per le prospettive di crescita dei ricavi, ma negativo per i tempi e l’entità dei tagli dei tassi di interesse.

Principali eventi di questa settimana:

  • PIL USA, scorte all'ingrosso, richieste iniziali di disoccupazione, giovedì

  • Giovedì gli utili di Microsoft, Alphabet e Airbus

  • Decisione sul tasso di interesse del Giappone, IPC di Tokyo, aspettative di inflazione e PIL, venerdì

  • Reddito e spesa personale degli Stati Uniti, deflatore della spesa per consumi personali, fiducia dei consumatori dell'Università del Michigan, venerdì

  • Venerdì gli utili di Exxon Mobil e Chevron

Alcuni movimenti chiave nei mercati:

I negozi

  • I futures S&P 500 erano in ribasso dello 0,6% alle 9:09 ora di Tokyo.

  • I futures sull'Hang Seng scendono dello 0,4%

  • I futures S&P/ASX 200 scendono dello 0,8%

  • L'indice giapponese Topix è sceso dello 0,8%.

  • I futures sull'Euro Stoxx 50 scendono dello 0,5%

READ  Dow Jones Futures: rally di mercato come Nvidia e AMD Lead Chip; Nio guadagni misti

Valute

  • L'indice Bloomberg Dollar Spot è rimasto poco cambiato

  • La variazione dell'euro a 1,0704 dollari è stata minima

  • Lo yen giapponese ha registrato una variazione minima a 155,26 rispetto al dollaro

  • Lo yuan nelle transazioni esterne ha registrato una variazione minima, a 7,2711 rispetto al dollaro

Valute digitali

  • Bitcoin è salito dello 0,4% a 64.329,07 dollari

  • Ethereum è salito dello 0,5% a 3.144,18 dollari

Obbligazioni

Merce

Questa storia è stata prodotta con l'assistenza di Bloomberg Automation.

–Con l'aiuto di Rita Nazareth.

I più letti da Bloomberg Businessweek

©2024 Bloomberg L.P