Dicembre 3, 2021

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’assassinio che ha sconvolto l’Italia e ha ispirato il film

“Un’eredità che porta al crimine.” Il verso del film La casa di GucciRilasciato mercoledì 24 novembre, incompleto. Perché Mauricio Gucci è stato assassinato il 27 marzo 1995, per ordine di sua moglie, Patricia Reggiano, a causa della vile storia di nome, potere e romanticismo dietro questa storia vera.

Un affare di famiglia

Gucci Fashion Empire (Maison Gucci) è nato nel 1921 a Firenze, in Italia, sotto la guida di Guccio Gucci. Ebbe 6 figli, tra cui Alto, Elder e Rodolfo. Quest’ultimo è stato lanciato con successo nel cinema con il nome di Mauricio D’Ancora. Ad un certo punto, ha incontrato Sandra Ravel nel 1944. Nel 1948, il loro unico figlio Mauricio è nato dopo il soprannome di suo padre. Ma quando Guccio muore, Rodolfo gestisce l’azienda di famiglia con i suoi fratelli.

Maurizio sta crescendo. Nel 1970 incontra Patricia Reggiano ad una festa. A Rodolfo non piaceva vederlo titolare. Due anni dopo si sposarono e si trasferirono a New York, dove Mauricio lavorava con lo zio Aldo. Hanno due figlie: Alessandra nel 1976 e Alegra nel 1981.

Guerra per l’Impero

Nel 1982 Mauricio e Patricia tornano a Milano. Nel maggio 1983 Rodolfo muore, donando tutte le sue azioni al figlio. Mauricio diventa l’azionista di maggioranza della Gucci House.

È qui che le cose si fanno tristi. Mauricio e suo zio Aldo stanno litigando per l’amministrazione di Gucci tramite intermediari. Alto ha perso la causa. Sta ancora facendo causa a suo nipote per frode, cosa che spinge Mauricio a fuggire in Svizzera nel 1986, fino a quando non viene rilasciato.

Nel 1988 ha venduto una quota del 47,8% di House a un fondo di investimento chiamato InvestCorp in Bahrain. Leader di Gucci nel 1989, Mauricio fu presto isolato quando il gruppo subì pesanti perdite. Nel 1993 ha venduto le quote rimanenti.

READ  Come ha visto l'Italia Gerd Mல்லller?

Moglie abbandonata

Parallelamente agli affari di famiglia, si svolge un dramma romantico. Un giorno del 1985, Mauricio avverte Patricia che andrà a Firenze per qualche giorno per motivi di lavoro. Il giorno dopo, la sua amica Oruti viene a dire a Patricia che la sta lasciando e che il matrimonio è finito.

Tuttavia, il divorzio non è stato firmato presto. Ma nel 1990, Mauricio si innamorò. Durante una festa a St. Moritz, in Svizzera, incontra Paula Franஞ்சois. Era un amico d’infanzia e ha anche partecipato ai matrimoni di Mauricio e Patricia. Anche Paola è nel bel mezzo di un divorzio. Si stabiliscono insieme a Milano.

Nel 1994 viene annunciato il divorzio. Allora sposiamoci con Mauricio Paula. Ma Patricia è arrabbiata: vuole una parte di Gucci e vuole impedire un nuovo matrimonio, che ridurrà drasticamente il suo sostentamento.

“La Vedova Nera della Civiltà”

Il 27 marzo 1995 Mauricio fu fucilato per strada. Molto presto, dopo che una persona ha testimoniato di essere coinvolto nell’omicidio di Gucci, la polizia si è interessata a Patricia. Patricia assunse Benito Cerro, noto anche come Benedetto Cerro, per assassinare il Pizzaolo sovraindebitato dal suo amico e spettatore Giuseppe “Pina” Ariemma.

Patricia, soprannominata la “Vedova Nera della Civiltà”, è stata condannata nel 1997 a 29 anni di carcere. È stata rilasciata sulla parola alla fine del 2014. L’unica condizione è che ci deve essere lavoro. Ha rifiutato di rilasciare nel 2011: “Non ho mai lavorato in vita mia e non voglio iniziare oggi”. Il suo avvocato lo ha trovato part-time a Bijoux Bozart. Quando è stata rilasciata dal carcere nel 2014, i giornalisti le hanno chiesto perché non fosse stata uccisa: “Ho problemi di vista e non voglio perdere il bersaglio”.

READ  WTA - Montreal> Georgia, nuovo record per l'Italia?

Patricia vive ancora a Milano ed è spesso vista con una scollatura sulla spalla. Secondo le prove, Non solo ha perso il suo sostentamento, ma ha perso il suo cognome soprattutto. Nel 2014, ha spiegato Repubblica “Mi sento ancora un bastone. Sono anche il più bastone di loro.”