Febbraio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’antica specie di tartaruga “Turtwig” è stata scoperta dopo aver risolto il mistero dei fossili

L’antica specie di tartaruga “Turtwig” è stata scoperta dopo aver risolto il mistero dei fossili

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di scoperte affascinanti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

Un nuovo studio rivela che i fossili di piante antiche che sconcertavano gli scienziati si sono rivelati non essere affatto piante.

Invece le piccole forme rotonde con un motivo a foglia erano un tempo i gusci delle piccole tartarughe vissute al tempo dei dinosauri. Gli scienziati hanno chiamato questo tipo di tartaruga “Turtwig“, dal nome del personaggio Pokémon che è metà tartaruga e metà pianta.

Secondo gli autori dello studio, la scoperta segna la prima volta che il carapace di una piccola tartaruga è stato trovato nella parte nordoccidentale del Sud America.

I risultati della loro ricerca sono stati pubblicati giovedì sulla rivista Fossili elettronici.

“Nel mondo dei Pokemon, incontri il concetto di combinare due o più elementi, come animali, macchine, piante, ecc.”, ha detto l’autore principale Hector Palma Castro, uno studente laureato in paleobotanica presso l’Università Nazionale della Colombia. un permesso.

“Quindi, quando si ha un fossile che inizialmente era stato classificato come pianta, e poi si scopre essere un cucciolo di tartaruga, vengono subito in mente alcuni Pokémon. In questo caso, Turtwig, un cucciolo di tartaruga con una foglia in testa.” .

Ma ci sono volute alcune indagini per risolvere questo mistero sui fossili iniziato decenni fa.

Tutto è iniziato quando il sacerdote colombiano Padre Gustavo Huertas ha scoperto dei fossili nella Formazione Baja. Questa formazione fa parte di un sito del patrimonio geologico in Colombia chiamato Marine Reptile Lagerstätte Corte Alto.

Precedenti reperti fossili rinvenuti nel sito includono dinosauri, plesiosauri, pliosauri, ittiosauri, tartarughe e parenti di coccodrilli chiamati coccodrillimorfi risalenti al periodo Cretaceo inferiore, tra 113 milioni e 132 milioni di anni fa.

READ  La Russia lancia la navicella spaziale "salvataggio" Soyuz verso la stazione spaziale

Huertas ha raccolto fossili e rocce nel sito, vicino alla città di Villa de Leyva, dagli anni ’50 agli anni ’70. Quando trovò rocce decorate con foglie, le considerò una pianta fossile. Huertas ha continuato a descrivere gli esemplari come Sphenophyllum colombianum in uno studio del 2003.

Ma altri scienziati sono rimasti sorpresi nel sentire che la pianta è stata scoperta nel nord del Sud America e risale a un periodo compreso tra 113 e 132 milioni di anni fa. Secondo i reperti fossili, la pianta ormai estinta, un tempo diffusa in tutto il mondo, si estinse più di 100 milioni di anni fa.

Precedenti ricerche sulla pianta avevano dimostrato che le sue foglie erano tipicamente a forma di cuneo con venature che si irradiavano dalla base della foglia.

L’età e la posizione dei fossili hanno incuriosito Palma Castro e Fabiani Herrera, curatore associato di paleobotanica presso il Negaunee Center for Integrative Research presso il Field Museum of Natural History di Chicago.

Herrera raccoglie e studia le piante da Periodo Cretaceo inferiore (da 100,5 milioni a 145 milioni di anni fa) nel nord-ovest del Sud America, una parte del continente dove viene condotta poca ricerca paleobotanica.

I due fossili, di circa 5 cm di diametro, sono conservati nelle collezioni del Dipartimento di Geoscienze dell’Università Nazionale della Colombia. Quando Herrera e Palma Castro esaminarono e fotografarono i fossili, pensarono che ci fosse qualcosa di strano.

“Quando lo guardi in dettaglio, le linee sui fossili non sembrano vene di piante – ero sicuro che molto probabilmente fossero ossa”, ha detto in una dichiarazione Herrera, l’autore senior dello studio.

READ  Gli scienziati risolvono un mistero della fisica di 80 anni

Herrera ha contattato il suo collega Edwin Alberto Cadena, docente senior e paleontologo che studia tartarughe e altri vertebrati presso l’Universidad del Rosario a Bogotá, in Colombia.

“Mi hanno inviato le foto e ho detto: ‘Sembra proprio un carapace’, il guscio osseo superiore di una tartaruga”, ha detto Cadena, uno degli autori dello studio, in una nota. “Ho detto: ‘Bene, è fantastico, perché questa non è solo una tartaruga, ma è anche un esemplare molto, molto piccolo.’

Cadena e uno dei suoi studenti, Diego Competa Romero, dell’Università Nazionale della Colombia, hanno confrontato i fossili con i gusci di altre tartarughe estinte e moderne.

“Quando abbiamo visto l’esemplare per la prima volta, siamo rimasti stupiti, perché al fossile mancavano i segni tipici che si trovano sulla parte esterna del guscio di una tartaruga”, ha detto in una nota Competa Romero, coautrice dello studio. “Era un po’ concavo, come una ciotola. In quel momento ci siamo resi conto che la parte visibile del fossile era l’altro lato del carapace, e stavamo guardando la parte del guscio che era all’interno della tartaruga.”

Analizzando i gusci, i ricercatori hanno stabilito che le tartarughe avevano al massimo un anno quando morirono.

Man mano che le tartarughe si sviluppano, i loro tassi di crescita e le dimensioni possono variare, ha affermato Competa-Romero. Ma i resti dei cuccioli di tartaruga sono rari da trovare perché le ossa nei loro gusci sono molto sottili.

“Queste tartarughe sono probabilmente parenti di altre specie del Cretaceo che raggiungevano i quindici piedi di lunghezza, ma non sappiamo molto su come siano effettivamente cresciute fino a raggiungere dimensioni così gigantesche”, ha detto Cadena in una nota.

READ  La missione Jupiter dell'Agenzia spaziale europea (ESA), JUICE, non è abbastanza potente per orbitare attorno a Europa. Ecco perché

I ricercatori non hanno incolpato Huertas per aver classificato erroneamente i fossili come piante. Ciò che pensava fossero foglie e steli erano in realtà vertebre e ossa costali all’interno del guscio della tartaruga.

“Abbiamo risolto un piccolo mistero riguardante le piante antiche, ma, cosa ancora più importante, questo studio mostra la necessità di riesaminare le collezioni storiche in Colombia. Il Cretaceo inferiore è un momento critico nell’evoluzione delle piante terrestri”, ha affermato Herrera.

Ha aggiunto che il gruppo di ricerca mira poi a scoprire le foreste che crescono nella regione.

“In paleontologia, la tua immaginazione e la tua capacità di sorprenderti sono sempre messe alla prova”, ha detto Palma Castro. “Scoperte come questa sono davvero speciali perché non solo ampliano la nostra conoscenza del passato, ma aprono anche una finestra sulle diverse possibilità di ciò che possiamo scoprire”.