Ottobre 2, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La ricerca di una vita intelligente sta per ottenere più attenzione

La ricerca di una vita intelligente sta per ottenere più attenzione

Il telescopio Webb può guardare sia vicino che lontano. Durante il suo primo anno, circa il 7% del suo tempo sarà dedicato all’osservazione del nostro sistema solare, secondo Heidi B. Hamill, uno scienziato interdisciplinare che ha lavorato allo sviluppo del telescopio. Webb può analizzare le atmosfere di pianeti vicini come Giove e Marte utilizzando sensori a infrarossi. Queste capacità potrebbero anche essere dirette ad alcuni degli esopianeti più vicini alla Terra, come quelli che circondano la piccola stella Trappist-1, a 40 anni luce di distanza.

Uno degli obiettivi di questo focus è discernere una biofirma – un’indicazione che la vita esiste (o è stata) in quei mondi. Sulla Terra, la firma biologica potrebbe essere il guscio scartato di una vongola, una piuma caduta di un uccello, una felce pietrificata sommersa nelle rocce sedimentarie. Su un esopianeta, una certa proporzione di gas, ad esempio ossigeno, metano, H₂O e CO₂, potrebbe indicare la presenza di microbi o piante. Nicole Lewis, professore associato di astronomia alla Cornell University il cui team è stato approvato per 22,5 ore di osservazione Webb quest’anno per osservare Trappist-1e, uno dei sette pianeti in orbita attorno alla stella Trappist-1, mi ha detto prima di annunciare la scoperta di un biomarcatore, doveva determinare con attenzione l’atmosfera del pianeta e la possibilità di abitabilità. Dice: “Prima dobbiamo vedere se c’è aria, e poi possiamo chiedere: ‘Beh, cosa c’è nell’aria?'” Dire che c’è una firma vitale.

Le firme biometriche e tecniche puntano allo stesso modo: verso la vita. Ma per ora, sono perseguiti da due comunità scientifiche separate. Un motivo è storico: lo studio della biometria, iniziato negli anni ’60, all’interno di una nuova disciplina di esobiologia, è stato sostenuto per decenni dalla NASA e dalle istituzioni accademiche. Ma la “firma tecnica” è stata coniata solo di recente, nel 2007, da Jill Tarter, figura di spicco dell’astronomia che ha trascorso la sua carriera conducendo ricerche sulle trasmissioni spaziali. Jason Wright, professore di astronomia e astrofisica alla Penn State e membro del gruppo CATS di Frank, afferma di credere che l’idea di Tarter sia quella di “rinominare” la ricerca dell’intelligenza extraterrestre, che è stata a lungo respinta ai margini scientifici. “Quando Jill ha coniato la frase, stava cercando di sottolineare che la NASA stava cercando microbi, melma e bio-impronte nell’atmosfera, ma le impronte tecniche erano davvero sotto lo stesso ombrello”, mi ha detto Wright. Wright afferma che qualsiasi ricerca di impronte biometriche su un pianeta lontano si sovrapporrebbe logicamente alla ricerca di impronte tecniche, una volta giunto il momento di spiegare le osservazioni insolite. La lettura telescopica suggerisce un’atmosfera che sostiene la vita? O forse è anche un segno della tecnologia? In altre parole, anche gli scienziati che cercano la biometria possono incontrare segni di tecnologia.

READ  È stato scoperto un tipo completamente nuovo di onda magnetica che attraversa il nucleo esterno della Terra

Pertanto, Wright, Frank e il resto del team CATS sono preoccupati per i segni atmosferici che probabilmente non si sarebbero mai verificati naturalmente. Una recente ricerca di coorte, ad esempio, originariamente scritta da Jacob Haq-Misra, un membro del CATS presso il Blue Marble Space Institute senza scopo di lucro, esamina come I CFC, un sottoprodotto industriale, danno un segnale spettrale distinto Può essere raccolto dal web. Haq Misra è stato anche il primo autore di un recente documento di ricerca a indicarlo Un esopianeta con l’agricoltura – “exofarms” – Può emettere emissioni allarmanti nell’atmosfera. Altre ricerche, scritte principalmente da Ravi Coparabo, un membro del CATS che lavora al Goddard Space Flight Center della NASA, mostrano che l’emissione di Il biossido di azoto, un sottoprodotto industriale, può indicare una strana tecnologia. Queste emissioni possono essere osservate dal telescopio spaziale della NASA, noto come LUVOIR (Large Ultraviolet Optical Infrared Surveyor), previsto per il dispiegamento dopo il 2040. Questi scenari potrebbero sembrare alieni che gestiscono fabbriche, ad esempio, o alieni che guidano trattori al momento del raccolto. Improbabile, ma gli scienziati che lavorano sulle firme tecniche sono a proprio agio con le probabilità basse. “Se ci concentriamo su ciò che può essere scoperto, sulla base di questi strumenti che stiamo costruendo, questa è davvero la domanda chiave”, mi ha detto Haque Misra.

Quando ho visitato Wright nel suo ufficio in Pennsylvania in primavera, ha spiegato che le firme tecniche non solo sono più rilevabili della biometria, forse, ma sono anche più abbondanti e di lunga durata. Ha detto di guardare la terra come esempio. La sua tecnologia si estende già in tutto il sistema solare. Abbiamo spazzatura sulla luna. I nostri rover stanno girando intorno a Marte; Abbiamo satelliti in orbita attorno ad altri pianeti. Inoltre, diversi veicoli spaziali – tra cui due astronauti, due Voyager e la sonda Plutone New Horizons, tutti lanciati dalla NASA – si stanno avventurando oltre il confine del sistema solare nello spazio interstellare. Tali impronte tecniche possono durare per miliardi di anni. E abbiamo solo 65 anni nell’era dell’esplorazione spaziale. Un’antica civiltà potrebbe seminare nella galassia migliaia di impronte tecniche, rendendole più facili da individuare.

READ  L'Agenzia spaziale europea sospende la cooperazione con la Russia sulla missione ExoMars a causa dell'invasione dell'Ucraina

“Senti, non so davvero se c’è qualcosa che posso trovare”, ha detto Wright. Nel 1961, ha osservato, L’astronomo Frank Drake Ha introdotto quella che ora è conosciuta come l’equazione di Drake, che consiste in molte variabili e tenta di aiutare a calcolare il numero di civiltà intelligenti in altre parti della galassia. Ma con così pochi dati da inserire nelle variabili, non c’è ancora una soluzione all’equazione.