Aprile 17, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La Terra si sta preparando per due tempeste solari a partire da oggi, che hanno il 75% di probabilità di causare blackout – e un fisico dice al Daily Mail cosa ci si può aspettare di vedere nei prossimi giorni

La Terra si sta preparando per due tempeste solari a partire da oggi, che hanno il 75% di probabilità di causare blackout – e un fisico dice al Daily Mail cosa ci si può aspettare di vedere nei prossimi giorni

Questa settimana il Sole ha rilasciato due potenti flussi di particelle energetiche, che hanno una probabilità del 75% di causare un blackout radio quando colpiscono la Terra.

Un fisico ha detto a DailyMail.com che martedì e mercoledì sono previste tempeste solari, con alcuni effetti avvertiti giovedì, ma la tempesta arriva dopo quella di lunedì che ha interrotto le comunicazioni sull'Oceano Pacifico.

La dottoressa Tamitha Skov ha detto che il bagliore di domenica è stato “il più grande che abbiamo visto nelle ultime settimane” e ha già causato interruzioni radio di breve durata sull'Australia e sulla regione dell'Asia-Pacifico.

“La NOAA ci dà una probabilità del 75% che si verifichino razzi di classe M [radio black out causing flares] Nei prossimi tre giorni [two sunspots] “È ancora largo quanto la Terra”, ha detto Skov.

«Insieme agli avvertimenti specifici sull'HF [high frequency] Si consiglia agli utenti di radio GPS di rimanere vigili, soprattutto nelle ore vicine all'alba e al tramonto a causa del GPS/GNSS. [Other Global Navigation Satellite Systems] La ricezione del segnale può facilmente deteriorarsi nei momenti in cui i bruciatori sono attivi.

La dottoressa Tamitha Skov ha detto che il bagliore di domenica è stato “il più grande che abbiamo visto nelle ultime settimane” e ha già causato un breve blackout radio sull'Australia e sulla regione dell'Asia-Pacifico.

Le due macchie solari attive, 3559 e 3561, hanno sparato espulsioni di massa coronale (CME) a ​​solo un giorno di distanza, la prima domenica.

Un’espulsione coronale potrebbe espellere miliardi di tonnellate di materiale coronale dalla superficie del Sole. La materia è costituita da plasma e campi magnetici.

READ  La NASA interrompe i tentativi di riparare il fastidioso pannello solare di Lucy

La National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) utilizza un sistema a cinque livelli, chiamato scala S, per indicare la gravità di una tempesta di radiazioni solari.

L'agenzia indica una probabilità del 15% che tali tempeste si verifichino da oggi fino a giovedì.

I dati hanno mostrato che il bagliore del 3559 aveva già interrotto le comunicazioni radio nel Pacifico meridionale, nelle Fiji e nella costa nord-orientale dell'Australia.

La NOAA ci dà una probabilità del 75% che si verifichino razzi di classe M entro i prossimi tre giorni [two sunspots] La dottoressa Tamitha Skov ha detto a DailyMail.com:

“La NOAA ci dà una probabilità del 75% che si verifichi un brillamento di categoria M entro i prossimi tre giorni.” [two sunspots] “È ancora largo quanto la Terra”, ha detto la dottoressa Tamitha Skov a DailyMail.com.

SWPC mostra un avviso di tempesta G1 in vigore fino a giovedì.  Si tratta di una piccola tempesta che potrebbe indebolire le fluttuazioni della rete elettrica e influenzare le operazioni dei satelliti

SWPC mostra un avviso di tempesta G1 in vigore fino a giovedì. Si tratta di una piccola tempesta che potrebbe indebolire le fluttuazioni della rete elettrica e influenzare le operazioni dei satelliti

Le due macchie solari attive, 3559 e 3561 (flare nella foto), hanno sparato espulsioni di massa coronale (CME) a ​​solo un giorno di distanza l'una dall'altra

Le due macchie solari attive, 3559 e 3561 (flare nella foto), hanno sparato espulsioni di massa coronale (CME) a ​​solo un giorno di distanza l'una dall'altra

“La tempesta, iniziata il 21, dovrebbe colpire oggi e sembra già che sarà anche un fulmine (questa volta verso il sud della Terra)”, ha detto Skov, che ospita le previsioni meteorologiche spaziali su Instagram. Youtube.

“Lo dico perché sono osservatori di neutroni [ground-based detectors that measure particles from space] Ciò indica che ora c’è una grande tempesta solare nelle vicinanze della Terra.

Potremmo ancora ottenere un passaggio laterale dal suo lato (o bordo) più tardi oggi, ma le previsioni Moon to Mars (M2M) dello Space Weather Analysis Office della NASA per questo scenario mostrano solo condizioni attive, il che significa che non avremo nemmeno una tempesta G1. Livelli.

READ  Il direttore della NASA elogia l'India per il suo riuscito atterraggio sul Polo Sud della Luna Ultime notizie dall'India

SWPC mostra un avviso di tempesta G1 in vigore fino a giovedì.

Si tratta di una piccola tempesta che potrebbe indebolire le fluttuazioni della rete elettrica e influenzare le operazioni dei satelliti.

Skov ha spiegato che il bagliore del 3559 è stato il più grande visto da settimane e aveva già interrotto le comunicazioni radio sul Pacifico meridionale, sulle Fiji e sulla costa nord-orientale dell'Australia.
Nella foto è 3559 sul Sole

Skov ha spiegato che il bagliore del 3559 è stato il più grande visto da settimane e aveva già interrotto le comunicazioni radio sul Pacifico meridionale, sulle Fiji e sulla costa nord-orientale dell'Australia.

Skov ha spiegato che il secondo bagliore del 3561 è stato
Nella foto 3561 sul sole

Skov ha spiegato che il secondo brillamento del 3561 (nella foto) è stata “la tempesta solare più visivamente sbalorditiva mai registrata ieri” e aveva una componente diretta verso la Terra.

Gli animali migratori sono colpiti a questo livello e a livelli superiori; L'aurora boreale è comunemente visibile alle alte latitudini (Michigan settentrionale e Maine), ha condiviso SWPC sul suo sito web.

Il secondo bagliore del 3561 è stato “la tempesta solare più visivamente sbalorditiva mai registrata ieri”, ha spiegato Skov, e contiene una componente diretta verso la Terra.

Quella regione ha rilasciato un bagliore M4.3, classificato come di medie dimensioni e che causa brevi interruzioni radio che colpiscono le regioni polari della Terra.

Tuttavia, Skov ha osservato che ciò ha portato ad alcuni problemi minori per le comunicazioni radio ad alta frequenza vicino all'equatore e nelle regioni del Sud America.

“Mentre il modello della NASA e della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) è in esecuzione, le prime previsioni prevedono che arrivi nel pomeriggio del 25 gennaio alle 9:00 ET, ma le previsioni indicano anche che potrebbe muoversi più lentamente.

“In questo caso, potrebbe accadere la mattina presto del 26 gennaio all’1:00 ET.

“NOAA SWPC ha regolato l'allarme tempesta al livello G1 da oggi al 26 gennaio.”

READ  La navicella spaziale Artemis 1 Orion ha visto una forte oscillazione ore prima di volare vicino alla luna