Giugno 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La scomparsa di Sheryl Sandberg, COO di Facebook, segna la fine di un'era per le donne nella tecnologia

La scomparsa di Sheryl Sandberg, COO di Facebook, segna la fine di un’era per le donne nella tecnologia

Segnaposto durante il caricamento delle azioni dell’articolo

Per anni, il COO di Facebook, Sheryl Sandberg incoraggiare le donne Per scalare la scala aziendale promuovendosi sul posto di lavoro e chiedendo più aiuto ai propri coniugi a casa.

Ora, la sua uscita da Facebook come una delle principali donne dirigenti aziendali d’America segna un segno la fine dell’era Nel suo marchio di femminismo auto-potenziante, lo ha sostenuto come uno strumento fondamentale per combattere la discriminazione di genere sul posto di lavoro.

Sandberg, 52 anni, ha annunciato mercoledì di esserlo dimettersi dalla posizione di COO Dopo aver trascorso 14 anni in un’azienda, ha contribuito a trasformarsi da un sito di social media per studenti universitari in un’enorme società di pubblicità digitale. Sandberg, un’autoproclamata sostenitrice delle donne sul posto di lavoro, ha detto che lascerà Facebook per trascorrere più tempo con la sua famiglia e il suo lavoro di beneficenza.

“Mi piace pensare che la carriera che ho e le carriere di altre donne leader ispirino le donne a sapere che possono guidare”, ha detto in un’intervista al Washington Post. “Se fossi cresciuto 100 anni fa, non avresti conosciuto una sola donna nel mondo degli affari. Se fossi cresciuto oggi, ne conosci alcuni. Spero che le mie figlie crescano in un mondo in cui c’è così tanto. “

Il CEO Sheryl Sandberg lascia Facebook

Come uno dei miliardari self-made più ricchi del mondo, Sandberg è stata un’icona in cui una donna può raggiungere la vetta industria dominata dagli uomini Come le aziende tecnologiche della Silcon Valley. Il suo consiglio alle donne che vogliono salire al livello successivo nella loro carriera era semplicemente di “appoggiarsi” o essere più assertive nelle loro carriere, che è diventato un fenomeno culturale. Il suo libro bestseller TED Talk del 2010 e Lean In senza scopo di lucro l’hanno spinta verso il tipo di celebrità istituzionale di cui godono pochi direttori operativi quando sono i numeri due nelle loro aziende.

Sandberg è da anni tra i deputati più fidati del CEO di Facebook Mark Zuckerberg e la gente ha parlato dei due in modo informale come “co-CEO”, rendendola una delle poche donne influenti al timone del gigante tecnologico.

“Si tratta di un’enorme perdita in termini di semplice rappresentazione delle donne nella Silicon Valley in modo significativo”, ha affermato Crystal Patterson, ex direttore senior di Facebook e attuale direttore del Washington Media Group. “Non c’è nessun’altra Cheryl.”

READ  "Sembra che il nemico sia dentro" i Boeing, dice il pilota che ha volato per l'aeronautica militare durante l'operazione Desert Storm

Nel corso degli anni, Sandberg ha lottato per mantenere la sua voce di campionessa femminile, poiché Facebook, che ha cambiato nome in Meta l’anno scorso, ha continuato a inghiottire il dibattito politico durante il suo mandato. Sandberg ha affrontato critiche per, tra le altre cose, Disinformazione virale sul covid E il ruolo dell’azienda nel diffondere il ruolo dell’ex presidente Donald Trump False accuse che le elezioni presidenziali del 2020 È stato falsificato.

“Il suo valore come giornalista è sicuramente cambiato nel tempo con le fortune dell’azienda”, ha aggiunto Patterson.

Mentre le donne hanno ottenuto piccoli guadagni nell’ascesa ai livelli più alti del potere aziendale, il terzo gruppo è ancora dominato dagli uomini. Nel 2021, il 26% di tutti gli amministratori delegati e i manager erano donne, rispetto al 15% del 2019, secondo il Rapporto dal gruppo di difesa femminista Catalyst.

Il movimento per ottenere più donne in ruoli migliori nell’America aziendale si è bloccato negli ultimi anni. Di fronte a scelte difficili su come bilanciare le aspirazioni di carriera con le esigenze di prendersi cura dei propri cari durante il blocco indotto dalla pandemia, molte donne si sono voltate. Rapporto 2021 di McKinsey in collaborazione con LeanIn.Org È emerso che una donna su tre aveva preso in considerazione l’idea di lasciare la forza lavoro o di cambiare carriera, il che è un aumento rispetto alla percentuale di donne che ha affermato lo stesso durante i primi mesi della pandemia.

Chi è Sheryl Sandberg, COO uscente di Facebook?

Le lavoratrici, soprattutto nelle minoranze etniche, sono state spesso sovrarappresentate nei lavori duramente colpiti dalla pandemia. Un recente rapporto pubblicato dal National Women’s Legal Center ho trovato Che c’erano ancora meno donne nella forza lavoro nel gennaio 2022 rispetto a febbraio 2020, mentre gli uomini per lo più hanno riguadagnato il lavoro perso durante questo lasso di tempo.

Sandberg ha dichiarato in un’intervista a The Post che crede che la campagna Lean In possa sopravvivere e supererà la sua partenza da Facebook..

READ  Le aspettative di inflazione hanno toccato il minimo di due anni nell'ultimo sondaggio della Federal Reserve di New York

Ci sono altre donne importanti nel campo della tecnologia che potrebbero riprendere da dove si era interrotta Sandberg. L’anno scorso, Fidji Simo ha lasciato la sua posizione di capo dell’app di Facebook per diventare CEO di Instacart. Deborah Liu, anche lei ex CEO di Facebook, diventa CEO di Ancestry.com. Susan Wojcicki è l’amministratore delegato di YouTube e Safra Katz detiene quel titolo presso la società di software Oracle.

Jennifer Newsted, chief legal officer di Facebook e chief commercial officer, Marne Levine, ha recentemente assunto ruoli più ampi nel gigante dei social media.

“Ci sono ancora molti problemi per le donne nella tecnologia, ma Cheryl si sta lasciando alle spalle una lunga carriera di dirigenti donne che possono assumere il ruolo”, ha affermato Katie Harpath, ex dipendente di Facebook e CEO della società di consulenza Anchor Cheng.

Per prima cosa mi sono fidato dell’alt-right. Ora sta arrivando per la criptovaluta.

L’immagine di Sandberg come femminista aziendale è stata rifinita per la prima volta dopo TED Talk 2010, raccontando quelle che vedeva come le ragioni per cui le donne lottano ancora per competere con gli uomini per il progresso nell’azienda. Ha sostenuto, tra le altre cose, che le donne spesso si disabilitano non prendendo il merito dei propri guadagni o non cercando opportunità più ambiziose per paura di non essere in grado di soddisfare le esigenze della loro vita familiare.

“Nessuno arriva alla scrivania d’angolo sedendosi di lato, non al tavolo”, ha detto. “E nessuno ottiene una promozione se pensa di non meritare il suo successo”.

Sandberg ha seguito la conversazione con un libro del 2013, “Appoggiarsi: donne, lavoro e volontà di guidare” Il che l’ha aiutata a spingerla sotto i riflettori. Successivamente, ha creato la Lean In Foundation, che aiuta a organizzare gruppi di networking per le donne per sostenersi a vicenda nelle loro carriere.

La fine dell’inclinazione verso l’interno: come il messaggio di responsabilizzazione di Sheryl Sandberg è completamente crollato

Ma le idee di Sandberg sono state presto criticate per non aver tenuto conto delle ulteriori barriere che devono affrontare le donne di colore e quelle che non lavorano in contesti aziendali. Altri hanno affermato che stava sottovalutando le barriere sistemiche che tengono le donne lontane dalle sale del consiglio e sopravvalutando il livello di azione personale in materia.

READ  Le azioni lucide scendono mentre le consegne subiscono un duro colpo dalla guerra dei prezzi di Tesla

Amy Nelson, fondatrice e co-CEO di una startup congiunta di donne chiamata Riveter, ha affermato di sperare che Sandberg si concentri sul portare maggiore uguaglianza nella conversazione avviata da Lean In.

“Stava parlando di qualcosa di fronte a molte persone riguardo alla necessità per le donne professioniste di avere una comunità e difendersi a vicenda, e penso che Lean In abbia svolto un ruolo cruciale nel cambiarlo”, ha detto Nelson. “Ma penso anche che sia molto chiaro che essere in grado di magra è un privilegio in gran parte posseduto dalle donne bianche, e la discussione è lasciata alle spalle dalle donne che non hanno i soldi, le connessioni o il supporto”.

“Penso che dobbiamo avere quella conversazione”, ha continuato Nelson. Non sarebbe bello se Cheryl guidasse quella discussione?

La strategia di Lean In ha anche affrontato le sfide filosofiche del movimento #MeToo, che ha messo in luce la cultura pervasiva delle molestie sessuali e della discriminazione che persiste anche per le donne di grande successo nelle loro carriere.

Tuttavia, mercoledì, le donne dentro e fuori Facebook si sono congratulate con lei per aver fatto il passo.

“Penso che abbia avviato quel movimento”, ha affermato Debbie Frost, ex CEO di Facebook e attuale consulente di Lean In. “Non credo che se ne vada quando te ne vai. In effetti, penso che l’impatto che puoi avere su più aziende e organizzazioni ora sarà la cosa più profonda ed eccitante”.

Per quanto riguarda il futuro di Sandberg, ha detto, deve ancora essere completamente deciso. In un post di Facebook che annunciava la sua partenza, ha detto che si sarebbe sposata di nuovo presto e che avrebbe continuato a crescere i suoi figli.

“Non sono del tutto sicura di cosa riserverà il futuro – ho imparato che non c’è assolutamente nessuno”, ha detto nel post. “So che comporterà concentrarsi maggiormente sulle mie fondamenta e sulla mia filantropia, che è più importante per me che mai, dato quanto sia importante questo momento per una donna”.