Febbraio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La Russia dice che sta combattendo i raid transfrontalieri.  Niente a che fare con noi, dice l’Ucraina

La Russia dice che sta combattendo i raid transfrontalieri. Niente a che fare con noi, dice l’Ucraina

  • Governatore russo: agire per respingere gli intrusi
  • Il raid potrebbe essere stato uno dei più grandi del suo genere dall’inizio della guerra
  • Niente a che fare con noi, dice il governo dell’Ucraina

KIEV (Reuters) – La Russia ha dichiarato lunedì che stava combattendo un’offensiva transfrontaliera da parte di sabotatori che avevano fatto irruzione al confine dall’Ucraina, in quello che sembrava essere uno dei più grandi attacchi di questo tipo dall’inizio della guerra lo scorso anno.

Un anziano assistente del presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che Kiev non ha nulla a che fare con l’incursione nella regione russa di Belgorod, attribuendola alla graduale comparsa del “movimento di resistenza violenta” della Russia dal sottosuolo.

Vyacheslav Gladkov, governatore della regione di Belgorod al confine con l’Ucraina nord-orientale, ha affermato che l’esercito russo, le guardie di frontiera, la guardia presidenziale e l’FSB stanno adottando misure per respingere il raid.

Ha aggiunto che almeno tre persone sono rimaste ferite e tre case e un edificio amministrativo locale sono stati danneggiati.

Il canale Telegram Baza, collegato ai servizi di sicurezza russi, ha pubblicato filmati che mostrano apparentemente un veicolo blindato ucraino che avanza verso il checkpoint di frontiera. Sebbene ci siano state altre segnalazioni di raid transfrontalieri, l’infiltrazione con veicoli blindati sembra senza precedenti da quando la Russia ha invaso l’Ucraina 15 mesi fa.

READ  Ultimo aggiornamento dell'uragano Ian: la tempesta tropicale riacquista forza come uragano di categoria 1 mentre si avvicina alla Carolina del Sud

Baza ha detto che c’erano indicazioni di combattimenti in tre insediamenti sulla strada principale che porta dall’Ucraina nord-orientale alla Russia.

Un gruppo che si autodefinisce Esercito della libertà della Russia, che afferma di essere composto da russi che collaborano con le forze ucraine, ha dichiarato su Twitter di aver “completamente liberato” la città di confine di Kozynka e di aver raggiunto il centro della contea di Grivorun.

“Vai avanti. La Russia sarà libera!” Il gruppo ha scritto.

Lunedì scorso, ha pubblicato un video che mostrava cinque combattenti pesantemente armati. Uno di loro ha detto, di fronte alla telecamera: “Siamo russi come te. Siamo come te”. È tempo di porre fine alla dittatura del Cremlino.

Il media ucraino Hromadsky ha affermato che il servizio di intelligence militare ucraino ha attribuito l’operazione a “cittadini russi con tendenze all’opposizione”.

In una dichiarazione scritta a Reuters, il principale aiutante di Zelensky, Mykhailo Podolak, ha fatto eco all’intelligence militare ucraina.

“Il movimento di liberazione russo può diventare qualcosa che contribuirà alla corretta conclusione della guerra in Ucraina e accelererà in modo significativo l’inizio di eventi trasformativi nell’élite politica russa”, ha affermato.

“Il violento movimento di resistenza russo, i cui artefici sono solo cittadini russi, sta gradualmente emergendo dal sottosuolo. Sono indipendenti nelle loro decisioni, hanno una certa esperienza e non hanno paura”.

Gli utenti dei social media ucraini hanno regolarmente fatto riferimento a quella che hanno soprannominato la “Repubblica popolare di Belgorod” – un riferimento agli eventi nell’Ucraina orientale nel 2014, quando le milizie sostenute dalla Russia affermavano di ribellarsi contro il governo di Kiev proclamando “repubbliche popolari” nelle province orientali. Donetsk e Luhansk ucraini.

READ  La Casa Bianca annuncia nuove sanzioni contro gli oligarchi russi e gli "amici" di Putin - come è successo | Notizie dagli Stati Uniti

Reuters non ha potuto verificare la situazione nelle città di confine.

L’Ucraina vede progressi intorno a Bakhmut

L’incursione segnalata arriva due giorni dopo che la Russia ha dichiarato di aver catturato gli ultimi isolati della città ucraina orientale di Bakhmut, nella prima grande rivendicazione di Mosca alla vittoria dalla scorsa estate dopo la più sanguinosa battaglia di terra in Europa dalla seconda guerra mondiale.

Ma anche se i russi si sono spinti in avanti all’interno di Bakhmut, le loro forze nella periferia settentrionale e meridionale della città si sono ritirate la scorsa settimana al ritmo più veloce della guerra in sei mesi, dando a entrambe le parti ragioni per rivendicare lo slancio.

Mosca afferma che la cattura di Bakhmut ora apre la strada a ulteriori progressi nell’Ucraina orientale. L’Ucraina afferma che la sua avanzata sui fianchi delle forze russe è più importante del suo ritiro all’interno della stessa Bakhmut, e la Russia dovrà indebolire le sue linee altrove per inviare rinforzi per prendere la città distrutta.

“Attraverso il nostro movimento sui fianchi – a nord ea sud – riusciamo a distruggere il nemico”, ha detto lunedì il vice ministro della Difesa ucraino Hanna Malyar in un discorso televisivo.

“Muovendosi lungo i fianchi e occupando lì determinate altezze, le nostre forze armate hanno reso estremamente difficile per il nemico rimanere nella città stessa”.

Malyar ha detto che le forze ucraine stanno ancora avanzando, specialmente a sud di Bakhmut, anche se ha detto che i combattimenti sul fianco settentrionale sono ora meno intensi. Reuters non ha potuto verificare in modo indipendente la situazione in nessuno dei due siti.

READ  Ora rilasciato, un ostaggio israeliano descrive "l'inferno" di un terribile attacco di Hamas

Malyar ha anche affermato che l’Ucraina mantiene ancora un punto d’appoggio all’interno della città, sebbene osservatori indipendenti affermino che è improbabile che qualsiasi presenza ucraina residua sia significativa.

“È probabile che i mercenari del gruppo Wagner abbiano assicurato i confini amministrativi occidentali di Bakhmut, mentre le forze ucraine continuano a dare la priorità ai contrattacchi alla periferia di Bakhmut”, ha detto lunedì l’Istituto per lo studio della guerra.

La battaglia di Bakhmut ha rivelato una spaccatura tra le forze armate regolari russe e Wagner, un esercito privato il cui leader, Yevgeny Prigozhin, emette quotidianamente messaggi audio e video che scherniscono i generali.

Nel suo ultimo messaggio di lunedì, ha ribadito la sua promessa di ritirare le sue forze da Bakhmut e consegnarle alle forze regolari.

“Se le forze del Ministero della Difesa non sono sufficienti, allora abbiamo migliaia di generali: dobbiamo solo formare un battaglione di generali, dare loro tutte le armi e andrà tutto bene”, ha detto.

Il ministero della Difesa russo ha riconosciuto la caduta di alcune forze russe fuori Bakhmut la scorsa settimana, ma ha negato le ripetute affermazioni di Prigozhin secondo cui le ali stavano crollando.

(Segnalazione di Olena Harmarsh). Scritto da Peter Graff. A cura di Frank Jack Daniel

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.