Febbraio 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La missione Parker della NASA si sta preparando per un atterraggio solare nel 2024

La missione Parker della NASA si sta preparando per un atterraggio solare nel 2024

Dal suo lancio nel 2018, la sonda solare Parker della NASA si è avvicinata al Sole ogni anno che passa, facendo luce sui principali processi solari. Entro la fine del 2024, avrà stabilito un nuovo record, sfiorando la nostra stella da una distanza di poco più di 6 milioni di chilometri, scavando in profondità nei suoi roventi strati esterni.

Emesso il:

2 minuti

Una delle missioni più audaci nella storia dell'esplorazione spaziale, la Parker Solar Probe è la prima navicella spaziale a volare attraverso l'atmosfera esterna del Sole, nota agli scienziati come corona. Si prevede che aprirà nuovi orizzonti a fine dicembre, coprendo il 96% della distanza che separa il nostro pianeta dalla sua ardente stella.

In tal modo, Parker raggiungerà una velocità di circa 700.000 chilometri orari (o 435.000 miglia orarie), sufficiente per viaggiare da New York a Tokyo in un minuto, rendendolo il veicolo costruito dall’uomo più veloce della storia. Raggiungerà questa velocità oscillando attorno a Venere, sfruttando la gravità del pianeta per restringere la sua orbita attorno al Sole e guadagnare ulteriore velocità.


“Sarà un risultato straordinario per tutta l'umanità. Equivarrà allo sbarco sulla Luna nel 1969”, ha affermato in una conferenza stampa il dottor Nour Rawafi, uno scienziato del progetto Parker della Johns Hopkins University. Intervista alla BBC. “Stiamo praticamente per atterrare su una stella.”

nel forno

La missione di Parker è quella di compiere ripetuti passaggi attorno al Sole, avvicinandosi alla stella mentre viaggia attraverso la sua atmosfera esterna, che, paradossalmente, è 300 volte più calda della sua superficie reale. Ciò significa affrontare condizioni inimmaginabili, comprese temperature che si avvicinano ai 1.400 gradi Celsius e venti solari carichi di particelle ad alta energia.

READ  Gli scienziati della NASA hanno scoperto un indizio sul mistero della contrazione planetaria

Il trucco di Parker è tuffarsi rapidamente in questo inferno, facendo affidamento sulla sua velocità superiore e sullo spesso scudo termico in composito di carbonio. Lo scudo protegge una serie di strumenti che misurano particelle cariche e fluttuazioni magnetiche e catturano immagini e suoni.

Nel 2020, le registrazioni effettuate vicino alla stella hanno fornito le prime clip audio del vento solare, un flusso di particelle ad alta energia che fluisce continuamente dal Sole.


Previsione delle tempeste solari

L’obiettivo della missione è acquisire una migliore comprensione dell’attività solare e far luce su molti dei misteri che circondano il coronavirus, poiché le temperature possono raggiungere un milione di gradi Celsius e oltre, rispetto ai soli 6.000 gradi Celsius sulla superficie del Sole. Gli scienziati sperano che i dati raccolti da Parker aiutino a capire perché l'atmosfera esterna del sole è più calda della sua superficie.

La corona è anche il luogo in cui viene generato il vento solare, che a volte si trasforma in “brillamenti” e “tempeste” solari, che possono disturbare il campo magnetico del nostro pianeta, degradare le comunicazioni e rappresentare rischi per la salute degli astronauti. In definitiva, le scoperte di Parker potrebbero aprire la strada a un servizio meteorologico spaziale in grado di prevedere e monitorare tali eventi.

Un'immagine del Sole scattata a circa metà strada dal nostro pianeta dal Solar Orbiter dell'Agenzia spaziale europea il 16 luglio 2020. © ESA/EUI/NASA tramite AFP

Il volo di fine anno della sonda rappresenterà la migliore opportunità per acquisire una maggiore comprensione dei principali processi solari. Sarà anche il suo ultimo incontro: da dicembre l'orbita della sonda non le consentirà più di ruotare attorno a Venere, impedendole di avvicinarsi troppo al Sole.

READ  Gli scienziati hanno scoperto un terrificante buco gravitazionale sul fondo dell'oceano

Questo articolo è stato tradotto dall'originale in francese.