Giugno 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La corte dà al Dipartimento di Giustizia l'autorità di riaprire le indagini sugli intermediari

La corte dà al Dipartimento di Giustizia l'autorità di riaprire le indagini sugli intermediari

Venerdì una corte d'appello ha concesso al Dipartimento di Giustizia (DOJ) l'autorità di riaprire un'indagine antitrust sulla National Association of Realtors (NAR).

Con una decisione 2-1, un collegio di giudici della Corte d'Appello del Distretto di Columbia ha annullato la decisione di un tribunale di grado inferiore di “svuotare” un mandato di comparizione investigativo del 2021 da parte della Divisione Antitrust del Dipartimento di Giustizia emesso in un'indagine precedentemente chiusa sulla commissione della NAR. -politiche legate e scelte del venditore di case, secondo For Deposito del venerdì.

La NAR aveva già raggiunto un accordo con il Dipartimento di Giustizia durante l’amministrazione Trump. L'amministrazione Biden ha revocato l'accordo transattivo e ha scelto di continuare le indagini fino a quando un tribunale di grado inferiore non ne avrà bloccato la capacità di farlo nel 2023. La decisione del tribunale di venerdì ha stabilito che un caso precedentemente chiuso non significa che non potesse essere riaperto, consentendo al tribunale di annullare l'accordo transattivo. Il Dipartimento di Giustizia continuerà le sue indagini su potenziali comportamenti antitrust.

“A nostro avviso, il linguaggio semplice della contestata lettera del 2020 consente al Dipartimento di Giustizia di riaprire le sue indagini. “Pertanto annulliamo la sentenza del tribunale distrettuale”, ha scritto venerdì il giudice Florence Pan nella sentenza della maggioranza.

Al centro della battaglia legale contro la RTA ci sono gli alti tassi di commissione sulle vendite di case, pagati dall'acquirente, che stanno contribuendo a prezzi delle case sempre più alti.

La Realtors Association ha recentemente accettato di pagare 418 milioni di dollari in un accordo con i venditori di case sulle commissioni.

In dichiarazione Venerdì, presso il Dipartimento di Giustizia, Jonathan Kanter, viceprocuratore generale della divisione antitrust del Dipartimento di Giustizia, ha dichiarato: “[r]Le commissioni immobiliari negli Stati Uniti superano di gran lunga quelle di qualsiasi altra economia avanzata, e questa decisione ripristina la capacità della Divisione Antitrust di indagare su comportamenti potenzialmente illegali da parte della NAR che potrebbero contribuire a questo problema.

“La Divisione Antitrust è impegnata nella lotta per ridurre i costi di acquisto e vendita di una casa. Voglio elogiare il personale della Divisione Antitrust e i nostri colleghi della Divisione per aver raggiunto questo importante risultato”, ha continuato Kanter.

Il giudice Justin Walker ha citato il precedente accordo tra la NAR e il Dipartimento di Giustizia come motivo del suo dissenso, sottolineando che la NAR “ha stipulato un contratto con la Divisione Antitrust del Dipartimento di Giustizia”.

“Come in ogni contratto, ciascuna parte ha guadagnato qualcosa e ciascuna parte ha rinunciato a qualcosa”, ha detto Walker. “Gli intermediari hanno accettato di abbandonare quattro politiche che il Dipartimento di Giustizia riteneva anticoncorrenziali. In cambio, il Dipartimento di Giustizia ha promesso di aver 'chiuso' le indagini su altre due politiche.

La NAR ha criticato la sentenza in una dichiarazione POLITICODicendo che sta valutando come procedere.

“La NAR ritiene che il governo dovrebbe rispettare i termini dei suoi contratti”, ha detto al quotidiano il portavoce della NAR, Mantel Williams. “Stiamo rivedendo la decisione di oggi e valutando i prossimi passi”.

La collina è arrivata a NAR.

READ  Spotify prevede di tagliare 1.500 dipendenti nel suo terzo licenziamento quest'anno

Copyright 2024 Nexstar Media Inc. tutti i diritti sono salvi. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito.