Dicembre 3, 2021

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La Conferenza Internazionale sulla Libia è stata seguita da vicino da Italia e Russia

La crisi politica in Libia dura da 10 anni dopo la caduta del dittatore Moumar Gheddafi. La Libia è oggetto di un vertice internazionale tra Germania e Italia venerdì 12 novembre a Parigi. La Russia seguirà da vicino la situazione in questo paese, che è simile alla tensione con la Turchia.

Per quanto riguarda l’Italia, la stabilità politica ed economica della Libia è fondamentale

Al vertice parteciperà il presidente del Consiglio italiano Mario Draghi. La maggior parte degli immigrati che sbarcano sulla costa italiana a Lampedusa o in Sicilia, dalla Libia e dall’Italia, soprattutto dalla primavera araba, cercano da anni di frenare questi flussi di rifugiati mentre tunisini e poi libici e molti altri immigrati cercano di lasciare i loro paesi . All’epoca, la Libia era il principale alleato dell’Italia nel Mediterraneo. La Libia è stata una delle poche colonie italiane fino alla fine della seconda guerra mondiale. Il paese è precipitato nel caos dopo la caduta del colonnello Gheddafi. Da allora, l’Italia ha firmato accordi più o meno controversi con la Libia per combattere le organizzazioni criminali sequestratrici, ma l’Italia ha anche significativi interessi economici con l’esplorazione e l’esportazione di gas e petrolio in Libia. L’azienda italiana ENI è un produttore straniero leader in Libia. Quindi la stabilità economica del Paese è fondamentale per l’Italia per controllare l’immigrazione e fare soldi con le risorse naturali.

Quindi l’Italia sembra essere sulla stessa lunghezza d’onda della Francia. Ma non era così quando era al potere Matteo Salvini. I tempi sono molto cambiati. Matteo Salvini, il ministro dell’Interno tre anni fa, accusava la Francia di non citare, ma nessuno pensava male. Il leader di estrema destra ha accusato Parigi di mettere in pericolo la stabilità della regione per i propri interessi economici. A quel tempo, i combattimenti si intensificarono nella città di Tripoli, e per Matteo Salvini, l’intervento della Francia, la caduta e la morte di Gheddafi con la NATO nel 2001, fu responsabile della situazione attuale, in particolare dell’afflusso di profughi in fuga dal paese. Per raggiungere l’Europa attraverso l’Italia. Esiste ancora oggi, ma non nel governo Matteo Salvini e la collaborazione tra Mario Draghi ed Emmanuel Macron in Nord Africa è decisamente migliore. Roma, Parigi e Berlino sono sulla stessa linea per rafforzare il peso dell’Europa, soprattutto in Libia!

READ  Economia | Carrefour Italia taglia 770 posti di lavoro e torna alla redditività

Terra di conflitto tra Libia, Russia e Turchia

Il presidente russo Vladimir Putin non ha partecipato al vertice di Parigi, ma ha inviato il suo ministro degli esteri, Sergei Lavrov. Il territorio libico, per quanto riguarda la Russia, è teatro di uno scontro con un’altra forza della regione. Sia i russi che i turchi hanno scelto la loro base in Libia. Mentre i russi sostengono militarmente il potente maresciallo Habdar della Libia orientale, la Turchia ha inviato truppe nel Paese per un governo stabilito a Tripoli. L’anno scorso, quando le truppe del maresciallo Haftar erano spalleggiate da mercenari russi ed erano molto vicine alla riconquista della capitale libica, l’intervento dei consiglieri militari turchi e soprattutto dei droni realizzati da Ankara ha aiutato in modo decisivo e aiutato il popolo libico a controllare Tripoli. Oggi siamo in una sorta di conflitto congelato in cui ognuno sta nelle proprie posizioni.

Uno degli obiettivi della Conferenza di Parigi era ottenere il ritiro delle truppe straniere dalla Libia, soprattutto russe e turche. Questo non è facile perché Ankara non sembra avere molta fretta di ritirare le sue truppe, e da parte russa è ancora più complicato perché Mosca dice che non ha nulla a che fare con la presenza di diverse migliaia di mercenari del gruppo Wagner. , Una società di sicurezza privata, non ufficialmente in Russia, ma in diversi teatri dove il Cremlino trasporta le sue truppe. Lo stesso vale in Mali. Giovedì sera, 11 novembre, il campo di Marshall ha annunciato su richiesta della Francia che avrebbe deportato 300 mercenari stranieri a dispetto di tutti, ma non sappiamo la loro nazionalità.

READ  Gli ufficiali torneranno in ufficio il 15 ottobre

I russi ei turchi in particolare non hanno solo obiettivi militari in Libia. Ci sono anche motivi economici. La Libia ha le seconde riserve di petrolio dell’Africa. L’anno scorso, la Turchia ha firmato un accordo con il governo libico per condurre esplorazioni petrolifere. Poi ci sono motivi diplomatici. Russi e turchi a volte fanno il doppio gioco, si scontrano in Libia, ma firmano accordi di cooperazione militare. I russi hanno fornito in particolare missili antiaerei alla Turchia. Possono costruire rapidamente navi da guerra e aerei insieme. La Turchia può essere un membro della NATO, ma quando rimpiange Washington sarà come Mosca, e la Russia, ovviamente, non mancherà di cogliere questo tipo di opportunità.