Aprile 17, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Kat Von D difende il tatuaggio di Miles Davis in un insolito processo sul copyright

Kat Von D difende il tatuaggio di Miles Davis in un insolito processo sul copyright

La famosa tatuatrice Kat Von D è apparsa martedì alla corte federale di Los Angeles per affrontare le accuse secondo cui avrebbe scattato una foto “iconica” della leggenda del jazz Miles Davis e l'avrebbe tatuata su un amico senza adeguato credito o compenso.

Appare l'ex star del reality Inchiostro di Miami E Inchiostro di Los Angeles Si è seduta davanti alla giuria mentre il suo avvocato ha detto nella sua dichiarazione di apertura che Von D aveva usato la famosa immagine solo come “ispirazione” perché aveva creato gratuitamente un'opera “completamente diversa” sul braccio della sua amica sette anni prima.

La foto del 1989 al centro del processo, creata dal pubblico ministero Jeffrey Sedlec, raffigura la leggenda del jazz Miles Davis che fissa direttamente nell'obiettivo della fotocamera mentre si mette il dito sulle labbra in quello che Sedelec ha descritto martedì come un gesto “shhhh”. È stato pubblicato per la prima volta con copertina rigida Jaziz La rivista è stata pubblicata nell'agosto 1989 e registrata presso il Copyright Office degli Stati Uniti nel 1994.

“Vedrete che ci sono molte differenze”, ha detto l'avvocato di Von D, Allen Bee. Grodsky, davanti alla giuria mentre presentava la sua difesa. Ha sottolineato “differenze nella posizione e nella forma delle ombre, differenze nell’uso della luce, differenze nelle acconciature e differenze nella forma e nell’incarnazione degli occhi”. Ha detto che il tatuaggio di Von D non aveva né una giacca né uno sfondo nero. “L'interpretazione di Kat Von D di Miles Davis era più triste di quella del signor Sedlake”, ha detto il suo avvocato. “E vedi che ha un movimento che non esiste nella sua mano. Kat Von D non ha tentato in alcun modo di monetizzare i suoi tatuaggi. Non ha scattato foto delle stampe che ha venduto. Non vendeva magliette o tazze. Non ha venduto i prodotti in alcun modo.

READ  Cecily Strong concluderà il Saturday Night Live stasera dopo 11 stagioni - Rolling Stone

Sedlik salì per primo sul banco dei testimoni, trascorrendo più di un'ora esaminando le sue credenziali. Il fotografo professionista e professore universitario ha raccontato di aver testimoniato davanti al Congresso sui diritti degli artisti e di aver fondato un'organizzazione no-profit incentrata sugli standard internazionali di licenza. Ha detto che gli ci sono voluti tre anni per progettare il ritratto di Davis, disegnando schizzi e consultandosi con lo stesso maestro di tromba.

“Sapevo che stava suonando piano per convincere il pubblico ad avvicinarsi e godersi ogni nota”, ha testimoniato Sedlik, spiegando come è arrivato al gesto “shhh”. “Sono entrato e ho messo le sue dita esattamente in questo arco per rappresentare la nota. Ci stavo costruendo cose subliminali.”

Sedlik ha intentato causa per la prima volta tre anni fa, sostenendo che Von D aveva riprodotto illegalmente la sua immagine protetta da copyright e l'ha utilizzata per promuovere il proprio marchio attraverso post sui social media su Instagram, Facebook e YouTube che hanno raccolto più di 100.000 Mi piace su tutte le piattaforme. La causa include collegamenti a vari post sui social media che mostrano Von D mentre lavora al tatuaggio sul braccio del suo fidanzato Blake Farmer da quasi sette anni. Un post datato 18 marzo 2017 (ovvero Martedì era ancora attivo sull'account di Von D) la mostra mentre applica l'inchiostro sul braccio del contadino con una stampa della foto di Sedlec appuntata sul muro accanto a lei.

“Non posso credere che questa sia la prima volta che tatuo una foto #Miles Davis“”, si legge nel suo commento. “Grazie Blake per avermi permesso di tatuarti!” Secondo Sedlik, il post raffigura Von D “che tenta di replicare accuratamente ogni aspetto della famosa immagine di Miles Davis sotto forma di tatuaggio”.

READ  'Killers Of The Moon Venus' di Martin Scorsese confermato a Cannes - Deadline

I giurati che esamineranno il caso dovranno ora decidere se la riproduzione di Von D rientra nella dottrina del “fair use” che consente un uso limitato di materiale protetto da copyright senza autorizzazione. Le rappresentazioni artistiche di opere protette da copyright possono essere protette dal fair use se “trasformano” il soggetto dell'opera in qualcosa di nuovo, come una parodia, una critica o una notizia.

Martedì, nella sua testimonianza, Sedlik ha detto che difende attivamente il diritto d'autore della sua immagine a Davis, anche per quanto riguarda il tatuaggio. Quando ha visto una foto precedente di un tatuaggio simile al suo nel 2014, ha contattato la persona e ha ricevuto una risposta “rispettosa”, ha testimoniato. Ha aggiunto che l'uomo ha rimosso la foto dai social media e si è scusato, spingendo Sedlik a concedergli una licenza retroattiva senza compenso finanziario per coprire l'incidente precedente. Sedlik ha detto che la vede come una “opportunità educativa”.

Con Von D, l’ex star dei reality sostiene che i tatuaggi da lei creati sono abbastanza “trasformativi” da qualificarsi come fair use.

Comune

I tribunali si sono confrontati per decenni con la questione del fair use. La sua applicazione è stata oggetto di una decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti lo scorso anno che è stata ampiamente interpretata come un decreto che rende difficile dimostrare il fair use. In un caso del 2023, i giudici hanno stabilito che il dipinto di Andy Warhol del musicista superstar Prince violava il copyright di una fotografia di Lynn Goldsmith su cui era basato. La decisione ha consentito di procedere alla causa di Goldsmith contro il patrimonio di Warhol. In seguito alla sentenza di Warhol, il giudice che presiede il caso di Sedlec ha ora consentito alla causa del fotografo di procedere nonostante le obiezioni di Von D e le rivendicazioni di fair use.

READ  Amy Schumer rivela di aver dovuto saltare le prove del SNL dopo che il terzo figlio è stato trasferito al pronto soccorso per RSV

La ripresa del caso è prevista per mercoledì. Si prevede che Vaughn D. testimonierà.