Febbraio 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Joe Biden avverte Benjamin Netanyahu di non cambiare rotta o rischiare di perdere il sostegno globale

Joe Biden avverte Benjamin Netanyahu di non cambiare rotta o rischiare di perdere il sostegno globale

Apri Editor’s Digest gratuitamente

Joe Biden afferma che Benjamin Netanyahu deve cambiare rotta, avvertendo che il “bombardamento indiscriminato” di Israele a Gaza minaccia di lasciare il Paese isolato.

Nella sua critica più dura alla coalizione di estrema destra guidata dal primo ministro israeliano da quando lo Stato ebraico ha iniziato l’offensiva militare in risposta all’attacco di Hamas del 7 ottobre, il presidente degli Stati Uniti ha affermato che Israele “ha cominciato a perdere…”. . . Supporto in tutto il mondo.

Parlando ai donatori durante una raccolta fondi politica, Biden ha descritto la coalizione di Netanyahu come “il governo più conservatore nella storia di Israele…”. . .[that]Non vuole una soluzione a due Stati”.

“Penso che debba cambiare, e con questo governo, questo governo in Israele, gli rende difficile muoversi”, ha detto Biden.

Finora, Biden ha ampiamente resistito alle pressioni pubbliche su Netanyahu, anche se i funzionari statunitensi affermano di aver avuto colloqui difficili in privato. Il presidente degli Stati Uniti è stato pubblicamente un forte sostenitore di Israele nel corso della sua carriera politica, compresi i suoi attuali sforzi bellici.

Un funzionario americano ha affermato che le dichiarazioni di Biden non facevano parte di un tentativo coordinato della Casa Bianca di fare pressione su Netanyahu, ma erano “improvvisate” e “casuali”.

Martedì più tardi, in una conferenza stampa congiunta con Volodymyr Zelensky, presidente dell’Ucraina, alla Casa Bianca, Biden ha affermato di aver “chiarito agli israeliani, e loro ne sono consapevoli…” . . La sicurezza dei palestinesi innocenti rimane una delle principali preoccupazioni”.

READ  Incendio in discoteca in Thailandia: 13 morti nell'incendio di un edificio

Il presidente degli Stati Uniti ha aggiunto che le azioni israeliane “devono essere coerenti con il tentativo di fare tutto il possibile per evitare che civili palestinesi innocenti vengano danneggiati, uccisi, uccisi, perduti, ecc.”

Biden ha detto di non poter verificare le “assicurazioni” che non ci fossero ostaggi nei tunnel di Gaza che Israele avrebbe dovuto allagare durante le sue operazioni militari. Ha detto: “Anche se so che ogni uccisione di civili è una tragedia assoluta, Israele ha annunciato la sua intenzione di far corrispondere le sue parole e intenzioni ai fatti”. “Ecco di cosa parlavo oggi.”

La scorsa settimana gli Stati Uniti hanno posto il veto a una risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ampiamente sostenuta, che chiedeva un cessate il fuoco immediato per motivi umanitari, una risoluzione alla quale Israele si è fermamente opposto.

Gli assistenti di Biden, tra cui il vicepresidente Kamala Harris, il segretario alla Difesa Lloyd Austin e il segretario di Stato Antony Blinken, hanno criticato Israele e il suo approccio ai suoi sforzi militari a Gaza. Secondo funzionari palestinesi, il bilancio delle vittime nella Striscia di Gaza ha superato le 18.000 persone.

Il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan si recherà in Israele questa settimana per avere un’idea migliore dei piani e dei tempi di guerra dello stato ebraico. Biden ha detto che Austin si recherà anche in Medio Oriente per discutere “gli sforzi internazionali per proteggere il libero flusso commerciale attraverso il Mar Rosso”. I funzionari statunitensi si aspettano che i combattimenti raggiungano una nuova fase entro gennaio.

READ  Deputato al Tesoro: le sanzioni della Russia degradano i suoi militari

L’amministrazione Biden sta anche lavorando ai piani per la Gaza del dopoguerra. Diplomatici occidentali e arabi affermano in privato che sarà praticamente impossibile raggiungere qualsiasi tipo di soluzione a due Stati finché Netanyahu rimarrà al potere.

Netanyahu ha già fatto una campagna promettendo che avrebbe impedito la creazione di uno Stato palestinese, e negli ultimi giorni ha fortemente criticato gli Accordi di Oslo, gli accordi degli anni ’90 che hanno portato alla creazione dell’Autorità Palestinese.

Martedì scorso, Netanyahu ha riconosciuto che il suo governo e l’amministrazione Biden non sono d’accordo su come gestire Gaza una volta terminata la guerra di Israele con Hamas, ma ha detto che spera che possano comunque raggiungere un accordo.

Benjamin Netanyahu ha detto che si aspetta che Israele abbia una presenza illimitata a Gaza, ed esclude che una forza internazionale possa svolgere un ruolo nella sicurezza dopo la guerra. © AP

Gli Stati Uniti stanno spingendo affinché l’Autorità Palestinese – che ha governato Gaza fino alla cacciata da Hamas nel 2007 ed esercita ancora un autogoverno limitato in alcune parti della Cisgiordania occupata – svolga un ruolo significativo nel governo di Gaza dopo la guerra.

Tuttavia, Netanyahu ha ripetutamente affermato che si sarebbe opposto al ritorno dell’Autorità Palestinese a Gaza, e ha ribadito tale posizione martedì. In un comunicato ha affermato: “Gaza non sarà né Hamastan né Fatehistan”, riferendosi al movimento Fatah guidato dal presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas.

Sì, c’è disaccordo sul “giorno dopo Hamas” e spero che anche qui raggiungeremo un accordo”.

Netanyahu, che è stato prominente nella politica israeliana per 15 anni, è tornato al potere lo scorso anno dopo un breve periodo all’opposizione, formando una coalizione con partiti religiosi e sionisti religiosi.

READ  Gli agricoltori francesi si avvicinano a Parigi mentre il governo fatica a calmare le proteste

Il suo gabinetto comprende il ministro della Sicurezza nazionale Itamar Ben Gvir, condannato nel 2007 per incitamento anti-arabo, e Bezalel Smotrich, un altro colono ultranazionalista da lui nominato ministro delle finanze.

Gli Stati Uniti hanno anche chiarito a Israele che non vogliono vedere lo stato ebraico occupare la Striscia di Gaza. Netanyahu ha detto che si aspetta che Israele abbia una presenza indefinita lì, e ha escluso che una forza internazionale possa svolgere un ruolo nella sicurezza dopo la guerra, scoppiata a causa degli attacchi di Hamas che hanno ucciso 1.200 persone, secondo funzionari israeliani.

“Penso che Israele avrà la responsabilità della sicurezza per un periodo indefinito”, ha detto Netanyahu ad ABC News il mese scorso. “Abbiamo visto cosa succede quando non abbiamo quella… responsabilità in materia di sicurezza, quello che abbiamo è un’esplosione del terrorismo di Hamas su una scala che non possiamo immaginare”.