Ottobre 3, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Jerome Powell ha appena avvertito che il mercato immobiliare statunitense ha bisogno di una "dura correzione" in modo che le persone possano acquistare di nuovo case ⁠, ma ecco perché non sembrerà il 2008

Jerome Powell ha appena avvertito che il mercato immobiliare statunitense ha bisogno di una “dura correzione” in modo che le persone possano acquistare di nuovo case ⁠, ma ecco perché non sembrerà il 2008

Jerome Powell ha appena avvertito che il mercato immobiliare statunitense ha bisogno di una “dura correzione” in modo che le persone possano acquistare di nuovo case ⁠, ma ecco perché non sembrerà il 2008

Gli investitori immobiliari hanno fatto abbastanza bene negli ultimi anni. Ma con l’aumento dei tassi di interesse, le cose potrebbero cambiare.

La Federal Reserve degli Stati Uniti ha alzato i tassi di interesse di riferimento di 0,75 punti base mercoledì, il terzo aumento di questo tipo consecutivo.

Tassi di interesse più elevati si traducono in pagamenti dei mutui più elevati, non buone notizie per il mercato immobiliare. Ma l’abbassamento dei prezzi delle case fa parte di ciò che deve essere fatto per controllare l’inflazione.

non perdere

“A lungo termine, ciò di cui abbiamo bisogno è che l’offerta e la domanda siano meglio allineate, in modo che i prezzi delle case salgano a un livello ragionevole, a un ritmo ragionevole e le persone possano acquistare di nuovo case”, ha affermato mercoledì il presidente della Fed Jerome Powell. “Forse noi nel mercato immobiliare dovremo passare attraverso una correzione per tornare in quel posto”.

“Dal punto di vista del ciclo economico, questa difficile correzione dovrebbe riportare il mercato immobiliare a un migliore equilibrio”.

Queste parole possono sembrare spaventose, soprattutto per coloro che hanno vissuto la recente crisi finanziaria: il mercato immobiliare ha attraversato una correzione molto difficile.

Ma gli esperti dicono che ci sono buone ragioni per credere che, non importa come andranno le cose, non sarà un ritorno al 2008.

Standard di prestito più elevati

Pratiche di prestito discutibili nel settore finanziario sono state un fattore importante che ha portato alla crisi immobiliare nel 2008. La liberalizzazione della regolamentazione finanziaria ha reso più facile e redditizio offrire prestiti rischiosi, anche a coloro che non potevano permetterseli.

READ  L'economia statunitense si è ridotta dello 0,6% nel secondo trimestre, indicando una recessione

Così, quando un numero crescente di mutuatari non è stato in grado di rimborsare i propri prestiti, il mercato immobiliare è esploso.

Ecco perché il Dodd-Frank Act è stato promulgato nel 2010. La legge ha imposto restrizioni al settore finanziario, inclusa la creazione di programmi per impedire alle società di mutui e agli istituti di credito di concedere prestiti loschi.

Dati recenti indicano che gli istituti di credito sono già molto più severi nelle loro pratiche di prestito.

Secondo la Federal Reserve Bank di New York, il punteggio di credito medio per i nuovi mutui emergenti è stato di 773 per il secondo trimestre del 2022. Nel frattempo, il 65% del debito ipotecario emergente era destinato a mutuatari con punteggi di credito superiori a 760.

Nella sua relazione trimestrale sul debito e il credito delle famiglie, la Federal Reserve Bank di New York ha affermato che “i punteggi di credito sui mutui di nuova origine rimangono molto alti e riflettono standard di prestito rigorosi continui”.

Proprietari di abitazione in buone condizioni

Quando i prezzi delle case sono aumentati, i proprietari di case hanno costruito più equità.

Secondo il fornitore di dati e tecnologia ipotecaria, Black Knight, i titolari di mutui possono ora accedere a ulteriori $ 2,8 trilioni di azioni nelle loro case rispetto allo scorso anno. Ciò rappresenta un aumento del 34% e più di $ 207.000 di capitale aggiuntivo disponibile per ciascun mutuatario.

Inoltre, la maggior parte dei proprietari di case non è andata in default sui propri prestiti anche al culmine della pandemia di COVID-19, poiché le chiusure hanno provocato onde d’urto in tutta l’economia.

READ  I futures su azioni sono scesi dopo la chiusura di Wall Street ad agosto con perdite

Naturalmente, sono stati questi programmi ipotecari a salvare i mutuatari in difficoltà: sono stati in grado di sospendere i pagamenti fino a quando non hanno riguadagnato la stabilità finanziaria.

Il risultato sembra ottimo: la Fed di New York ha affermato che la quota dei saldi ipotecari a 90 giorni più scaduti è rimasta allo 0,5% alla fine del secondo trimestre, vicino a un valore storico.

Domanda e offerta

In un recente episodio di The Ramsey Show, il conduttore Dave Ramsey ha notato che il grosso problema nel 2008 è stato “un enorme eccesso di offerta perché i pignoramenti sono andati ovunque e il mercato si è semplicemente bloccato”.

Il crollo non è stato dovuto ai tassi di interesse o alla salute dell’economia, ma piuttosto a un “panico immobiliare”.

Al momento, la domanda di alloggi rimane forte mentre l’offerta è ancora scarsa. Questa dinamica potrebbe iniziare a cambiare mentre la Fed cerca di frenare la domanda aumentando i tassi di interesse.

Ramsay riconosce il rallentamento del tasso di aumento dei prezzi delle case in questo momento, ma non prevede una crisi come il 2008.

“Non è sempre così semplice come la domanda e l’offerta, ma lo è sempre”, afferma.

Questo articolo fornisce solo informazioni e non deve essere interpretato come un consiglio. Viene fornito senza garanzie di alcun tipo.