Agosto 14, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Intel vuole ancorare in Francia, Germania e Italia

Contro la concorrenza a seguito della stagnazione tecnica, Intel Voglio tornare alla ribalta. Dalla nomina del suo nuovo CEO, Pat Kelsinger, l’azienda ha aperto la strada a se stessa. Non soddisfatta della ristrutturazione di una parte delle sue funzioni (ad esempio, Intel inizierà a bruciare chip per terzi nelle proprie fonderie.

In questa prospettiva e in un contesto Carenza globale di semiconduttori, Intel vuole soprattutto mettere radici Europa. Abbiamo appreso di recente Bloomberg, Il colosso californiano è sulla buona strada per affermarsi in Francia, Germania e Italia. Tre schieramenti strategici ancora da confermare del tutto, ma si tratta di rumor” La gente conosce le trattative », promettono i media americani.

Francia, Germania e Italia nel pensiero di Intel

In dettaglio, Intel prevede di istituire un centro di ricerca e progettazione in Francia (che potrebbe trovarsi a Parigi o Grenoble, si apprende), un impianto di test e assemblaggio in Italia e un grande sito di produzione di chip in Germania. Il progetto, che prevede di investire complessivamente decine di miliardi di dollari per questi tre nuovi complessi europei, rappresenterà una spesa enorme per Intel. Quando contattati da Bloomberg, i funzionari dei paesi interessati hanno rifiutato di commentare. Intel non è d’accordo a parlare a questo punto, leggiamo.

Bloomberg osserva che se l’iniziativa ripaga, potrebbe portare alla creazione di diverse migliaia di posti di lavoro. Ad esempio, i media ci ricordano che Intel vuole aprire una nuova fabbrica in Malesia per 7,1 miliardi di dollari. Il sito dovrebbe impiegare circa 4.000 persone.

READ  Villaggio di montagna sfuggito alla malattia di Govt per 2 anni catturato da Omigran

Tuttavia, i governi francese, italiano e tedesco devono giocare la partita dal punto di vista fiscale… il che sembra un buon inizio. Alcuni mesi fa, Pat Kelsinger ha invitato i legislatori, soprattutto su entrambe le sponde dell’Atlantico, a fornire finanziamenti pubblici ai produttori di chip sotto forma di agevolazioni fiscali e sussidi. Una condizione No. Installazione di questi tre siti nel vecchio continente.