Maggio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Inondazioni improvvise in Afghanistan uccidono più di 300 persone mentre torrenti di acqua e fango spazzano i villaggi |  Afghanistan

Inondazioni improvvise in Afghanistan uccidono più di 300 persone mentre torrenti di acqua e fango spazzano i villaggi | Afghanistan

Il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite ha affermato che più di 300 persone sono state uccise nelle improvvise inondazioni che hanno colpito diverse province dell’Afghanistan, mentre le autorità hanno dichiarato lo stato di emergenza e si sono precipitate a salvare i feriti.

Diverse persone erano ancora disperse dopo che le forti piogge di venerdì hanno fatto scorrere fiumi impetuosi di acqua e fango attraverso villaggi e terreni agricoli in diverse province, causando quella che un’organizzazione umanitaria ha descritto come una “grave emergenza umanitaria”.

Sabato i sopravvissuti si sono spostati attraverso strade fangose ​​piene di detriti ed edifici danneggiati, mentre le autorità e le organizzazioni non governative hanno inviato soccorritori e aiuti, avvertendo che alcune aree sarebbero state isolate a causa delle inondazioni.

Secondo il Programma alimentare mondiale, la provincia settentrionale di Baghlan è stata una delle zone più colpite, con oltre 300 persone uccise solo lì e migliaia di case distrutte o danneggiate.

“Sulla base delle informazioni attuali: nella provincia di Baghlan ci sono 311 morti, 2.011 case distrutte e 2.800 case danneggiate”, ha detto Rana Diraz, responsabile delle comunicazioni dell’agenzia delle Nazioni Unite in Afghanistan.

Ci sono state discrepanze tra il bilancio delle vittime fornito dal governo e dalle agenzie umanitarie.

L’Organizzazione internazionale per le migrazioni delle Nazioni Unite ha dichiarato sabato che a Baghlan sono morte 218 persone. Il portavoce del ministero dell’Interno Abdul-Matin Qani ha detto all’AFP che a Baghlan sono state uccise 131 persone, ma il bilancio del governo potrebbe aumentare.

“Molte persone risultano ancora disperse”, ha aggiunto.

Ha aggiunto che altre 20 persone sono morte nella provincia settentrionale di Takhar e due nella vicina Badakhshan.

READ  Gli Stati Uniti si trovano ad affrontare ostacoli nel fornire aiuti a Gaza dopo il completamento della costruzione del molo

Inondazioni improvvise uccidono decine di persone nel nord dell’Afghanistan – video

“Centinaia di nostri cittadini sono morti in queste catastrofiche inondazioni”, ha detto su Twitter il portavoce del governo talebano Zabihullah Mujahid.

Ha aggiunto: “L’alluvione ha causato danni estesi alle proprietà residenziali, portando a significative perdite finanziarie”.

I funzionari hanno affermato che le forti piogge hanno causato gravi danni a Baghlan, Takhar e Badakhshan, così come nelle province occidentali di Ghor e Herat, in un paese colpito dalla povertà e che dipende fortemente dall’agricoltura.

“Le inondazioni hanno spazzato via la mia casa e tutta la mia vita”, ha detto Jan Muhammad Din Muhammad, residente nel capoluogo provinciale di Baghlan, Paul-e-Khamri.

Ha detto che la sua famiglia è riuscita a scappare su un terreno più elevato, ma quando il tempo si è schiarito e sono tornati a casa, “non era rimasto più nulla, tutte le mie cose e la mia casa sono state distrutte”.

“Non so dove portare la mia famiglia… non so cosa fare”.

Il personale di emergenza si è precipitato a salvare gli afghani feriti e bloccati. L’aeronautica militare ha dichiarato di aver iniziato le evacuazioni non appena il cielo si è schiarito sabato, aggiungendo che più di 100 persone ferite sono state portate in ospedale.

Dichiarando lo stato di emergenza in… [affected] Ha aggiunto che il Ministero della Difesa Nazionale ha iniziato a distribuire cibo, medicinali e pronto soccorso alle persone colpite nelle regioni.

Un’auto carica di cibo e acqua è stata vista nella zona centrale di Baghlan, oltre ad altre che trasportavano i morti per seppellirli.

I corpi degli afghani uccisi nelle inondazioni giacciono a terra nella provincia di Baghlan, nel nord dell’Afghanistan, sabato. Fotografia: Mehrab Ebrahimi/AFP

Il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha espresso la sua solidarietà al popolo afghano [and] Il suo portavoce Stephane Dujarric ha detto: “Egli offre le sue condoglianze alle famiglie delle vittime”, aggiungendo che le Nazioni Unite stanno lavorando con le autorità locali per fornire assistenza.

Anche l’International Rescue Committee (IRC) si sta preparando per una risposta rapida, aggiungendo che le inondazioni dovrebbero servire da “campanello d’allarme” per ricordare ai leader mondiali e ai donatori di non dimenticare un paese devastato da decenni di conflitti e alle prese con disastri naturali. .

“Queste recenti inondazioni hanno causato una grave emergenza umanitaria in Afghanistan, che continua a soffrire una serie di terremoti” quest’anno e gravi inondazioni a marzo, ha affermato Salma Benaissa, direttrice nazionale dell’International Rescue Committee.

Da metà aprile, inondazioni e altre inondazioni hanno ucciso circa 100 persone in 10 province afghane, hanno detto le autorità.

Ha inondato i terreni agricoli di un paese in cui l’80% della popolazione di oltre 40 milioni di abitanti dipende dall’agricoltura per sopravvivere.

L’Afghanistan – che ha avuto un inverno relativamente secco, rendendo difficile per il suolo assorbire le precipitazioni – è altamente vulnerabile ai cambiamenti climatici.

Il Paese, devastato da quattro decenni di guerra, è uno dei paesi più poveri del mondo e, secondo gli scienziati, uno dei peggio preparati ad affrontare le conseguenze del riscaldamento globale.

Il relatore speciale delle Nazioni Unite sui diritti umani in Afghanistan, Richard Bennett, ha affermato su Twitter/X che le inondazioni sono un “forte promemoria della vulnerabilità dell’Afghanistan alla crisi climatica”.

“I Talebani e gli attori internazionali hanno bisogno di aiuti immediati e di una pianificazione a lungo termine”, ha aggiunto.