Settembre 25, 2021

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

In Italia, tra il non applicato e la guerra apparente, un lasciapassare sanitario non qualificato

Storditi dall’uragano Lucifer, un “anticiclone tropicale” che imperversa in Italia da più di due settimane, Lorenzo e la moglie Lorenza hanno deciso di lasciare la capitale per due giorni. Quando sono usciti per la prima volta dall’autostrada hanno preso la strada principale che si estendeva come un lungo nastro. Hanno poi attraversato strade tortuose situate nella campagna, che portano al famoso borgo medievale di Whiterbo, il palazzo dei Poppers.

Situata a meno di cento chilometri da Roma, questa antica città etrusca fu scelta come residenza di molti sovrani a metà del XIII secolo e oggi è diventata una città del benessere grazie alle sue terme. Armati del loro “basso verde”, L’equivalente italiano del capo della salute francese, hanno persino stampato per precauzione, mentre la coppia ha attraversato la porta del bagno caldo di Oyasi situato all’uscita di Witherbo.

Alla reception, l’impiegato sorridente chiede loro di compilare un modulo che certifica che non hanno il virus corona. Lorenza estrae con orgoglio il suo prezioso documento dalla sua borsa da spiaggia. ” Ma no, non preoccuparti, non ne hai bisogno qui, non è necessario! Impiegato promette subito, segna l’ingresso negli spogliatoi gremiti di italiani senza costume e mascherine. Eppure la circolare del governo è chiara. Dal 6 agosto sarà obbligatorio il pass sanitario per l’ingresso in ristoranti, bar, musei, piscine, teatri e teatri, docce calde.

Per saperne di più: Italia: recuperati dai truffatori dopo aver acquistato pass sanitari falsi

I trasgressori, i clienti e gli operatori saranno multati da 400 a 1.000 euro per revoca temporanea della licenza commerciale. Ma a Viterbo come altrove, tutto questo non sembra così terribile. “ Era ovviamente strabiliante! Lorenza è seccata. Non abbiamo sentito nulla ma peggio ancora, il personale mi ha detto di non indossare mascherine dentro e fuori e il personale che ha osservato scottature, ombrelloni e sorveglianza intorno alle piscine non ha vaccinato! Con queste persone, non porremo mai fine all’epidemia! io

READ  Italia: al via le vendite del nuovo ITA

La partecipazione è bassa

Cambio di paesaggio. A Roma, questa volta, in un fantastico hotel cinque stelle lusso situato in Place de la Republic vicino alla stazione centrale. Ancora una volta non c’è bisogno di sorseggiare un aperitivo all’ombra delle piante nel magnifico giardino tropicale ricavato nella struttura tra il ristorante ei saloni barocchi. Nella Chinatown più alla moda tra le due grandi basiliche di San Giovanni e Santa Maria Maggiore, si dice che gli operatori non vogliano problemi con i clienti.

Nel nord del Paese, invece, la situazione varia a seconda delle città. ” Non siamo sceriffi. Se iniziamo a chiedere ai clienti la certificazione, non resterà nessuno. Inoltre, la maggior parte dei ristoranti e dei bar che non hanno terrazze sono bruciati a metà! Per me, non voglio chiedere ai miei clientis ”, accetta di essere un restauratore sotto anonimato. L’Associazione Nazionale Operatori, FIPE-Confcommercio, ha registrato un calo del 70% delle presenze dei ristoranti senza terrazza dall’introduzione della tessera sanitaria.

io Dopo essere stati schiacciati da tante serrature e restrizioni, stiamo per crollare un po’ di più come accade in piena estate. Non significa nulla », sconvolto Ristorante Stefano Rosie. Per protestare contro il pass sanitario, operatori arrabbiati vogliono formare una federazione e adire il tribunale esecutivo per abrogare il meccanismo governativo. Hanno anche aperto un gruppo costantemente aggiornato nel messaggio di Telegram per elencare altri luoghi della penisola che si rifiutano di chiedere il prezioso sesamo.

Per saperne di più: L’Italia segue le orme della Francia sulle tessere sanitarie obbligatorie