Settembre 24, 2021

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

In Italia per mangiare in terrazza è meglio non avere il libretto sanitario

La tessera sanitaria ha le sue contraddizioni ovunque venga attuata, soprattutto in Italia. Dal 6 agosto, i nostri vicini di Transpoline possono richiedere un vaccino contro Govt-19 – o un test PCR negativo o un certificato di recupero – per accedere a determinate aziende, inclusi i ristoranti. Tuttavia, alcuni clienti hanno espresso la loro insoddisfazione quando hanno scoperto che in alcuni posti erano stati riservati dei posti a coloro che non erano stati vaccinati. Come riportato dai nostri colleghi, i titolari di tessera sanitaria sono costretti a mangiare all’interno Corriere della sera.

>>Leggi anche – Covid-19: anche l’Italia dominerà la sua salute

Paradosso fastidioso per i turisti stranieri

Gli internauti italiani hanno più volte lamentato che molti sui social non hanno esitato a qualificarsi come “discriminanti”. “Non andrò mai più in questa pizzeria”, si riferisce ad esempio ad un particolare Angelo. “Mi hanno costretto a mangiare dentro, vicino ai fornelli”, si rammarica, mentre ha adempiuto al suo “dovere etico” con la vaccinazione, quindi crede di avere il diritto di sedersi dove vuole. Alcuni clienti che vogliono cenare in terrazza o pranzare sono tentati di mentire e di dire di non avere il libretto sanitario.

Uberto Carrera, leader del movimento anti italiano della ristorazione “Lo Apro”, conferma il crescente conflitto nella ristorazione con i nostri omologhi italiani. “I clienti italiani sono molto comprensibili”, ha detto. Ma per i turisti stranieri che “vengono qui per il tramonto”, è molto difficile accettare di fare i bagagli nei ristoranti.

>>Leggi anche – Capo Salute: il severo monito di Bruno Le Meyer ai ristoranti