Settembre 25, 2021

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

In Italia è estate (ancora caldo) al cantiere della DGV Leon-Torino

“Attacco senza precedenti! Dopo gli ultimi attentati dei No TAV italiani contro il cantiere italiano della futura linea Lione-Torino, le autorità italiane hanno scelto di alzare i toni per non permettere che si risolva un rischio specifico quando si ripresenteranno le violenze estive .

“La DGV Leon-Torino è un’infrastruttura strategica per il nostro Paese ed è dovere del governo garantirne la sicurezza ogni giorno”.. Lunedì 9 agosto il ministro dell’Interno italiano ha subito colpito con un tamburo il suo pubblico in provincia di Torino. È stato invitato a questo vertice speciale sul “mantenimento dell’ordine pubblico” organizzato dai suoi servizi: il prefetto, il sindaco di Torino, il capo della polizia oi sindacati di pace.

Ogni estate un cantiere si trasforma in un campo di battaglia

Il 31 luglio, gli scontri tra i NO TAV (manifestanti edili di Leon-Torino) e la polizia sono stati particolarmente violenti, nonostante i recinti di sicurezza e altre recinzioni di filo spinato intorno al sito.

Tuttavia, per un decennio di lavoro ogni giorno, 200 persone stazionavano nei pressi della prima galleria italiana di accesso alla prima grande metropolitana italiana – nonostante il recente arrivo della futura sede dell’Autoporto di Sousa – molti militari – ogni estate, NA TAV non prendeva di nuovo in alto le braccia.

Sassi, fumo e bombe a mano a volte piene di parti metalliche, nel tentativo di penetrare nel sito con le forbici ai cancelli: nemici da tutte le parti d’Italia si incontrano per combattere con le forze di comando in Val di Susa.

Un discorso definitivo copiato

La polizia sta lavorando per stabilire lo stato di diritto. E voglio ringraziarli”., ha esordito il ministro. La determinazione della Louisiana Lamorges, esposta lunedì a Torino, è stata prima di tutto un messaggio di solidarietà inviato alle forze preposte al mantenimento dell’ordine. Il ministro dell’Interno ha fatto visita a due agenti di polizia rimasti feriti durante i recenti scontri.

READ  Il turismo peserà sul PIL nel 2020

“Di fronte a comportamenti violenti, i nostri agenti di polizia continueranno ad agire con moderazione, responsabilità e moderazione”., Lei disse. Un modo per tagliare l’erba sotto i piedi dei nemici che non esitano a postare sui social le foto di chi si fida “I loro martiri”.

Lo scorso aprile, a seguito di una feroce rissa con la polizia, Leon-Torino ha dovuto essere ricoverato all’antiospedale per una frattura di routine e due emorragie cerebrali. “Colpa del lacrimogeno sparato ad altezza d’uomo”, Secondo i suoi compagni combattenti. “La prova prima di tutte le reazioni della polizia”, Nessuna testata TAV inclusa.

Foto dell’attivista No Dave pubblicata sui social media dopo violenti scontri con la polizia al secondo piano di Lione-Torino, in Italia lo scorso aprile
io
© Movimento “No Dave”

Accuse replicate dalla Questura di Torino: “I gas lacrimogeni non provocano questo tipo di lesioni. Questa donna è caduta a terra, oppure è stata aggredita da pietre e altri proiettili lanciati dai suoi stessi amici..

Due cantieri italiani, due volte violenti

Al di là delle responsabilità di tutti, la Val di Susa ora è alle prese con non uno, ma due luoghi di tensione.

Sito “storico” di Siomonte: vi è stata completata dal 2017 la prima galleria di spionaggio italiana di 9 km (Galleria Geognostica), ma i lavori di ampliamento continuano. L’obiettivo, in particolare, è realizzare un nuovo sbocco dell’autostrada tra le gallerie Torino e Fruges. Ciò consentirà l’accesso diretto al primo cantiere italiano inaugurato nel 2011.

Ma dalla fine dello scorso anno anche i NO TAV sono in prima linea nel voler far sentire la propria voce: la voce di San DiDero.

Immagine del secondo sito italiano della futura linea Leon-Torino: San Diego Autoford vicino a Susa.  68.000 metri quadrati di stoccaggio e servizi della futura linea merci ad alta velocità.

Immagine del secondo sito italiano della futura linea Leon-Torino: San Diego Autoford vicino a Susa. 68.000 metri quadrati di stoccaggio e servizi della futura linea merci ad alta velocità.
io
© SITAF (Società Italiana del Tunnel dei Ghiacciati)

Un sasso è stato lanciato da una futura stazione di uscita in territorio italiano per la galleria di base di 57 chilometri, dove sono iniziati i lavori per il nuovo autoporto. 68.000 mq sono interamente dedicati ai mezzi pesanti. Un secondo piano è necessario per gli scopi di borseggiatori promessi dalla futura ferrovia.

READ  In Italia truffatori di tessere sanitarie colpiti da ricatto

Pertanto, molti degli attacchi sono già stati effettuati da oppositori della nuova nave da carico, che è stata ufficialmente rinviata al 2032 a causa dei ritardi causati dall’epidemia di Govt-19.

“L’occupazione militare impedisce ai civili di vivere normalmente”

Al di là di tutto ciò, una cosa è chiara: Leon-Torino sta andando avanti. Prima in Francia, intorno a Saint-Jean-di-Marrien (Savoia), il paesaggio sta lentamente cambiando, preparandosi alla nascita della Grande Stazione d’Ingresso in un tunnel sotto le Alpi di 57 chilometri. Ma in Italia, nonostante l’epidemia, la crisi economica, la presenza della polizia, i conflitti, Torino-Lione si muove ancora. Loretana Bellon, consigliere comunale di San Diego, è molto turbata.

“L’occupazione militare del nostro territorio è gravissimaLei giudica. È inaccettabile che l’esistenza della polizia stia sconvolgendo la vita quotidiana della nostra gente! “

Loredona non era tra gli ospiti del ministro Lamorges lunedì in provincia di Torino. Più che capo dell’Unione dei Comuni Montani della Valle di Susa, si lamentava anche di quello che i Walson avevano considerato per molti anni un sovrano. “Disprezzo istituzionale” Verso di loro. Insomma, i decenni si susseguono e sono simili tra loro. In “Torino-Lione”, ogni nuova pala, la sua psiche italiana.