Maggio 29, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

In che modo Healy Van Leith si adatta alla LSU: playmaker sputafuoco nei curl

In che modo Healy Van Leith si adatta alla LSU: playmaker sputafuoco nei curl

All’inizio di ottobre, prima che le abitudini di qualsiasi squadra venissero rivelate al mondo, Louisville iniziò ad esercitarsi con un’esercitazione di tiro continuo. Su e giù per il pavimento, corri per correre in pose di salto, salti di media distanza e tre gettoni, e scatta fino a un punteggio predeterminato prima che scada il tempo. I Cardinals fallirono al primo tentativo, il che fu già abbastanza grave. Quando il secondo tentativo è stato un altro fallimento, il peso gravava sul centro di Keuber. Come se l’aria stessa fosse confinata, spremendo tutto l’ossigeno dallo spazio.

Gli allenatori non erano contenti. Questo era assolutamente ovvio e pungente. Inoltre non erano soli in questo. Haley Van Leith era in piedi sulla linea di fondo con le mani sui fianchi, ansimando e respirando pesantemente, spostando il peso da un lato all’altro. Ho aspettato che si aprisse. Poi il silenzio fu sottilmente riempito da una volta sicura che cadeva dal mezzanino.

“Se voi ragazzi non potete correre, ritenetevi responsabili e sedetevi”, ha detto Van Lith ai suoi compagni di squadra. “Se non puoi impiccarti, non correre.”

Quindi ecco cosa ottiene la LSU, se qualcuno avesse dei dubbi, nel più importante risultato del gate di transizione della stagione di basket del college femminile: soffiare fuoco nei Curls. Un asteroide personale non cancellerebbe l’atmosfera di Baton Rouge, ma la trasformerebbe in colori finora sconosciuti lungo lo spettro. I campioni nazionali in carica non avrebbero potuto essere resi più provocatori, nel senso letterale della parola. Quindi Hailey van Lith ha deciso che sarebbe andata lì adesso.

Vai più a fondo

Helle Van Leith si sta trasferendo alla LSU

Oh, che divertimento. “Tutto ciò di cui parla, lo sostiene”, ha detto Morgan Jones, che ha trascorso quattro anni a litigare con Van Leith allo stato della Florida prima di collaborare con lei a Louisville nel 2022-23. “Come se non fosse solo una giocatrice che parla e parla. Ci cammina anche sopra. Non puoi davvero discutere con lei, perché ci mette del lavoro e si vede in campo. È all’altezza di tutte le sue aspettative .”

Quelle aspettative sono aumentate con questa decisione. Ma forse è proprio questo il punto.

La LSU si trova in un contesto diverso rispetto al basket dopo gli eventi del 2 aprile 2023. È un programma in cui il meglio del meglio è l’unico standard che si applica più. (Le persone dell’ex scuola di Van Lith potrebbero obiettare che il pub non è da meno, ma la LSU ha un trofeo che Louisville ancora non ha.) La LSU non ha bisogno che Van Lith dimostri nulla. I suoi 1.553 punti e le due apparizioni nelle squadre NCAA Tournament All-Region non sono l’ultima parola sul suo valore aggiunto. È il punto di partenza per la discussione.

READ  Gli allenatori dei Lakers hanno spinto per l'accordo con Russell Westbrook entro la scadenza, afferma il rapporto

Van Leith passa dall’essere tutto all’essere parte di qualcosa, mentre allo stesso tempo viene spinta a trascendere qualsiasi cosa abbia fatto prima.

È una guardia di 5 piedi e 7 che ha una media di 15,7 punti a partita e alimenta, come ha detto un allenatore dell’ACC, un gioco “killer” dalla fascia media. Anche potenzialmente un regista per prosperare al livello successivo, Van Lith ha collettivamente più palle perse che assist nella sua carriera universitaria. Forse non è giusto assegnare la media di assist di Van Leith del 17,5% la scorsa stagione contro la leader della nazione in quella categoria – Caitlin Clark, al 48,4% – ma anche il 10° passante in classifica, pubblicato da Maura Hendrickson di Drexel, è un secondo vicino. 37,1%. Nel frattempo, le quote di vittorie di Van Lith per 40 minuti (.170) sono le più basse della sua carriera e non sono neanche lontanamente vicine al regno dei coetanei americani come la collega matricola Angel Reese (.435), Maddie Siegrist di Villanova (.404), South Carolina Alia Boston (.380) e Clark (.367).

Tuttavia, queste donne non hanno giocato in squadre con perdite a due cifre, portando anche oneri di produzione individuali. Forse Louisville, dal punto di vista del basket, aveva troppo bisogno di Van Leith. La LSU potrebbe aver bisogno di qualcos’altro. “È al suo meglio nelle situazioni di frizione, quando un avversario la turba e quando decide di mettere la squadra in fondo alla partita”, ha detto l’allenatore dell’ACC, che non è stato nominato, a un rapporto di scouting gratuito su Van Leith. . “La sua concentrazione e la sua efficienza possono affievolirsi durante la partita, soprattutto se non si sente coinvolta, si separa dai suoi compagni di squadra o fa fatica a segnare. E deve migliorare il suo tiro da 3 punti e il rapporto tra assist e palle perse”.

Non sappiamo quali saranno i risultati. Sappiamo esattamente quale sarà l’approccio.

Van Leith non è sicuro. È, più precisamente, inconsapevole che è possibile che non possa essere la migliore nelle cose. Vale a dire: lo scorso autunno, mentre discutevamo di alloggi presso la nuovissima Denny Crum Hall, la conversazione si è trasformata in una torta. Nello specifico, come Van Leith prepara il brownie più gustoso che qualcuno abbia mai assaggiato. La ricetta di sua nonna, che lei (Van Leith) tiene sotto chiave. Fatto solo ogni due mesi, perché vale tutto il mondo. O se si sente generosa, li abbatterà su una richiesta speciale, come quando suo fratello Tanner chiede loro ogni anno per il suo compleanno. “Direi che è famoso”, ha detto Van Lith. “Tutti dicono che è un 11 su 10. Quindi è abbastanza buono.”

READ  I Mets usano un attacco offensivo equilibrato contro il loro rivale Velez

Le sue capacità di cottura, ovviamente, non sono il punto. Né, infatti, è l’ossessione di essere migliori di tutti gli altri. Qualsiasi atleta ad alte prestazioni ce l’ha.

È più di quanto la maggior parte degli umani capisca che possono essere meno di, dopotutto, in tutto ciò che fanno. Questo non è successo a Hailey van Leith. C’è molto spazio vuoto dove dovrebbe esserci questa possibilità. Vivi nella negazione volontaria di qualsiasi altra realtà. Quando lei e altri bambini del suo quartiere di Wenatchee, Washington, giocavano, stabiliva delle regole e cacciava le persone, se necessario. “Ero solo una regina, immagino”, ha detto. “Dovevo dominare il campo”. Quando la sua famiglia ha giocato al gioco della vita, se Van Leith non è diventata un medico, ha ordinato un riavvio. “Ho dovuto (avere) il lavoro migliore”, ha detto.

È il suo modo, e non c’è altro modo. Perché la fine deve essere la fine, e non c’è fine diversa da quella che concepisci. E se non ti piace, beh, probabilmente non puoi appenderlo e devi sederti fuori. “Ho appena fatto incazzare la gente”, ha detto Van Lith, indossando quell’autovalutazione come un distintivo. “Ero così fastidioso e volevo dire che ero migliore di tutti gli altri. Sono sempre nato con questo vantaggio super competitivo per me. Ed è quello che è diventato quello che è oggi.”

Se immagini che questo sia difficile da gestire, considera l’onere di trattare con Hailey Van Leith quando sei Hailey Van Leith.

I suoi standard impossibili l’hanno quasi trasformata in un guscio all’inizio del suo periodo a Louisville, quando le cattive riprese erano in tutto il mondo, degenerando in una notte di sacrificio mentale con le luci spente nella sua stanza. Soprattutto come matricola, non riusciva a capire che il basket universitario è davvero duro e non sempre si piega ai suoi capricci. “Onestamente mi ha fatto odiare il basket”, ha detto Van Lith. Ha dato tanto allo sport. Perché lo sport non le ha dato quello che voleva in cambio?

READ  Playoff NFL 2023: classifiche per tutte e otto le squadre, con i Chiefs e gli Eagles in testa alla classifica dei talenti

“Tutto era la fine del mondo o la cima della montagna”, ha detto Van Lith. “Non c’era una via di mezzo. Mentalmente, mi distruggerei per qualsiasi fallimento, o per quello che potevo vedere come un fallimento. Era, come, un trauma. Questo è tutto quello che posso dire.”

Arriverai alla LSU un po’ libero da questo carico, ma forse solo un po’. A metà della sua seconda stagione, Van Lith ha iniziato a permettersi di sentirsi di nuovo felice nel gioco. Non si punisce più per cattiva pratica chiudendosi nella sua stanza per guardare un film e fare i compiti. “Mi sono permesso di essere una persona normale”, afferma. Ma anche la stagione 2021-22 si è conclusa con un round di Final Four che non ti è piaciuto appieno. Secondo Van Leith, gli outsider pensavano che Louisville non fosse necessariamente destinata a essere lì, e poi i Cardinals hanno perso contro la Carolina del Sud nelle semifinali nazionali, lasciandola presa in giro dal fatto che avrebbe lasciato che tutti avessero il diritto. Anche mesi dopo, con tutte le probabilità sul tavolo per la sua stagione da junior, Van Leith non poteva negare di essere ancora sconvolta. Nessuno dovrebbe avere ragione tranne lei.

È ragionevole aspettarsi che Van Leith non sia troppo infastidita ora, anche dopo che lei e la sua squadra hanno superato 11 sconfitte prima del torneo NCAA con una corsa all’Elite Eight. A un certo punto, a quanto pare, ha deciso che Louisville non era più un posto dove poteva avere ciò che le spettava. Quindi, sì, doveva andarsene. Perché lui sta venendo per lei. Questo è il suo credo. Questo non può essere negato.

Ora gli eroi in difesa, apparentemente bisognosi di molto, attingono alla salutare tensione del mondo di Hailey Van Leith. C’è del lavoro da fare alla LSU per acclimatarsi, per diventare ciò che ti aspetti di diventare come giocatore, per dimostrare di avere ragione, per prendere il controllo in generale. Abbastanza sicuro, sta venendo a Baton Rouge pensando che ci sia solo un modo in cui andrà a finire.

(Foto di Hailey van Lyth: Andy Lyons/Getty Images)