Giugno 13, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

In che modo gli astronauti musulmani celebrano il Ramadan nello spazio?

In che modo gli astronauti musulmani celebrano il Ramadan nello spazio?

(CNN) Per secoli, il tramonto ha segnato la fine del digiuno rituale durante le festività come il Ramadan e lo Yom Kippur, e ha segnalato un pasto delizioso dopo un’intera giornata di astensione dal cibo e dalle bevande. Ma cosa succederebbe se l’orologio del sole cambiasse improvvisamente, come accade per gli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale? Il laboratorio orbitante orbita attorno alla Terra a 17.000 mph (27.600 km/h), offrendo ai passeggeri 16 albe e tramonti ogni giorno.

È una domanda con cui l’astronauta Sultan Al Neyadi è stato alle prese sin dalla sua epoca Arrivo alla stazione spaziale il 3 marzo. È uno dei meno di una dozzina di astronauti musulmani ad aver viaggiato nello spazio e alla fine della sua missione Tra circa cinque mesi sarà il primo astronauta degli Emirati Arabi Uniti a completare una permanenza di lunga durata nel laboratorio galleggiante.

Durante il suo soggiorno, i musulmani sulla terra celebreranno un mese Ramadan – Un tempo di digiuno, preghiera e meditazione a partire dalla sera del 22 marzo fino al 21 aprile.Si svolgono anche due festività islamiche – Eid al-Fitr, che segna la fine del Ramadan, e Eid al-Adha, che è una celebrazione di Eid al-Adha. Il pellegrinaggio annuale che i musulmani compiono alla Mecca, la terra santa dell’Arabia Saudita, che inizia il 28 giugno.

“Sei mesi sono un lungo periodo di tempo per la missione ed è una grande responsabilità”, ha detto Al Neyadi ai giornalisti durante una conferenza stampa. Gennaio Conferenza stampa.

Tuttavia, come ha spiegato Al Neyadi, in quanto astronauta, la definizione di “viaggiatore” si applica a lui, e lo esonera dal tentare di celebrare il Ramadan contemporaneamente ai musulmani diretti sulla Terra. Ha detto “possiamo effettivamente fare colazione”. “Questo non è obbligatorio.”

Ha aggiunto: “Il digiuno non è obbligatorio se non ti senti bene. Quindi, a questo proposito – qualsiasi cosa possa mettere a repentaglio la missione o possibilmente mettere in pericolo i membri dell’equipaggio – ci è già permesso mangiare cibo a sufficienza per prevenire qualsiasi escalation dovuta alla mancanza di cibo o nutrimento o Idratante”.

Neyadi anche ai giornalisti Durante una conferenza stampa a Dubai a febbraio, ha potuto digiunare secondo il Greenwich Mean Time, o Coordinated Universal Time, che viene utilizzato come fuso orario ufficiale sulla stazione spaziale.

“Se ne viene data l’opportunità, il Ramadan è sicuramente una buona occasione per digiunare, il che in realtà è salutare”, ha detto Al Neyadi ai giornalisti durante la sua conferenza stampa a gennaio. “Aspetteremo e vedremo come va”.

READ  La navicella spaziale SpaceX completa il primo volo di prova completo dopo essere sopravvissuta al rientro | Novità sullo spazio

Religione nello spazio: una storia

Astronauti e leader religiosi Cerca di dare alle attività extraterrestri un significato spirituale Dai primi giorni del volo spaziale.

Durante la missione Apollo 8 della NASA nel 1968, gli astronauti hanno condotto una lettura del Libro della Genesi, il primo libro della Bibbia, mentre si recavano in orbita attorno alla Luna. Anche Buzz Aldrin, che era con Neil Armstrong durante il primo allunaggio nel 1969, era tranquillo Ha preso la compagnia dal lander lunare Eagle – bevendo un sorso di vino e una pagnotta benedetta dal suo ministro presbiteriano a Houston – prima che gli uomini muovano i primi passi dell’umanità sulla Luna.

Nel 2007, l’astronauta malese Sheikh Muzaffar Shukar è diventato il primo musulmano praticante a rimanere sulla Stazione Spaziale Internazionale, e il Consiglio Fatwa Islamico Nazionale della Malesia ha emesso linee guida speciali per guidare le sue pratiche e quelle dei futuri astronauti musulmani.

Anche se il suo viaggio ha coinciso con il Ramadan, il Consiglio Egli ha detto Il suo digiuno può essere posticipato fino al suo ritorno sulla Terra oppure può digiunare in base al fuso orario del luogo da cui è partito. Fu anche sollevato dal dovere di tentare di inginocchiarsi durante la preghiera, un’impresa difficile a gravità zero. E il tentativo di affrontare la Mecca, come devono fare i musulmani durante la preghiera, o la preghiera quotidiana, è stato lasciato al meglio delle sue capacità, secondo la guida del Consiglio Fatwa.

Lo sceicco Muzaffar Shukar, il primo astronauta della Malesia, viene visto durante una cerimonia di addio al cosmodromo di Baikonur, in Kazakistan, il 10 ottobre 2007, prima del decollo verso la stazione spaziale.

Idee simili furono proposte da studiosi ebrei. Non tutti gli astronauti ebrei hanno tentato di osservare lo Shabbat, il giorno di riposo ebraico, che cade di sabato, durante il quale gli ebrei dovrebbero astenersi da ogni attività lavorativa. Ma l’astronauta israeliano Ilan Ramon ha provato proprio questo nel 2003, quando ha volato a bordo dello space shuttle Columbia in missione Secondo il consiglio di “eminenti esperti rabbinici”, ha annotato il sabato secondo il tempo di Cape Canaveral, in Florida, da dove proveniva. Ramon e i suoi sei compagni morirono quando l’orbiter Columbia si schiantò durante il loro ritorno sulla Terra il 1° febbraio 2003.

READ  La NASA pubblica una foto della “galassia nascosta” situata a 11 milioni di anni luce dalla Terra

Tra le altre celebrazioni religiose che si tengono a bordo della stazione spaziale di 20 anni ci sono le celebrazioni annuali del Natale, le festività della Pasqua ebraica e Hanukkah, incluso un memorabile episodio del 1993 che coinvolge l’astronauta della NASA Jeffrey Hoffman. Trasmissione Lui stesso fa girare il dreidel in condizioni di microgravità alla televisione nazionale.

“È un piccolo gioco – un dreidel – qualcosa che giri e poi vedi da che parte esce. A seconda di ciò, o vinci o perdi e stavo solo cercando di vedere come potresti reinterpretare le regole del volo spaziale perché non c’è su o giù”, ha spiegato alla telecamera. .

Jeffrey Hoffman, il primo astronauta ebreo della NASA, è stato visto girare un dreidel durante una missione dello shuttle nel 1993.

Osservando Yom Kippur in orbita

Per quanto riguarda ciò che la teologia dice su come gli astronauti ebrei dovrebbero osservare lo Yom Kippur nello spazio, non ci sono state direttive ufficiali – e infatti – il concetto ha suscitato disaccordi tra alcuni rabbini e studiosi religiosi.

Per secoli, i rabbini hanno affrontato il dilemma di come celebrare le festività al momento giusto quando il sole e la luna non rispettano gli standard con cui la maggior parte degli umani è familiare. UN Risposta del 2002o una risposta scritta di un rabbino a una domanda sulla legge ebraica, da parte del rabbino David Golinkin, presidente emerito dello Schechter Institute for Jewish Studies di Gerusalemme, passa in rassegna alcuni dei diversi argomenti.

Jacob Emden, un rabbino del XVIII secolo, non era a conoscenza dei viaggi nello spazio. Tuttavia, conosceva il concetto di viaggiare così vicino al Polo Nord o Sud della Terra che un viaggiatore potrebbe non vedere il tramonto per mesi. La sua decisione è stata semplicemente quella di contare i “giorni” come era consuetudine alle basse latitudini, segnando il passaggio di 24 ore. Un altro rabbino del XIX secolo, Yisrael Lifshitz, affermò che se un viaggiatore aveva un orologio che mostrava l’ora nel suo punto di origine, avrebbe dovuto celebrare le festività in base a quell’ora, secondo la risposta di Golinkin.

Di fronte al problema dei viaggi spaziali moderni, Golinkin ha scritto che gli astronauti della NASA dovrebbero impostare i loro orologi sul fuso orario centrale degli Stati Uniti seguito da Houston, dove si trova la maggior parte degli astronauti statunitensi.

READ  I ricercatori rivelano risultati "completamente inaspettati".

La questione di come celebrare le festività ebraiche in orbita è stata nuovamente sollevata quando lo ha fatto Jared Isaacman, il miliardario che ha finanziato un volo spaziale per sé e per tre persone. Compagni di squadra nel 2021, salì a bordo della SpaceX Crew Dragon e divenne il primo turista spaziale a volare in orbita dal suolo americano. All’epoca, ha detto alla CNN che sebbene sia ebreo, non ha intenzione di osservare lo Yom Kippur, che è iniziato al tramonto il giorno del suo lancio nel 2021.

“Ad essere molto onesto, in realtà non sono una persona religiosa”, ha detto, riconoscendo di essere un collaboratore di una sinagoga locale del New Jersey.

Jared Isaacman è visto durante il lancio di un razzo SpaceX Crew Dragon al Kennedy Space Center della NASA in Florida l’11 settembre 2021.

D’altra parte, il rabbino Dovid Heber scrive per un’organizzazione di certificazione kosher Star-K nel 2007, dicendo semplicemente “Idealmente, non si dovrebbe viaggiare nello spazio”. Ma, “se uno deve andare”, ci sono diverse opzioni che soddisferebbero i requisiti religiosi. Tuttavia, Heber sottolinea che è teoricamente possibile estendere quella che dovrebbe essere una vacanza di un giorno a tre giorni, a seconda di dove si trova esattamente l’orbita del veicolo spaziale.

Il rabbino della sinagoga approvato da Isaacman, Eli Kornfeld di Hunterdon, N.J., ha detto alla CNN di essere d’accordo con la valutazione di Golinkin. Se mai avesse vissuto nello spazio, osserverebbe ancora lo Yom Kippur veloce secondo gli orologi terrestri. Ha aggiunto che, nonostante ciò, probabilmente farebbe tutto il possibile per evitare di trovarsi nello spazio durante una cerimonia ebraica così importante. A Yom Kippur, gli ebrei non dovrebbero lavorare e coloro che sono strettamente religiosi evitano di usare l’elettricità, guidare automobili o salire a bordo di aerei.

Tuttavia, ha affermato Kornfeld, ha riconosciuto che se milioni di persone vivessero e lavorassero nello spazio, la fede ebraica si evolverebbe e si adatterebbe alle circostanze.

Ha detto: “Penso che una delle cose belle del giudaismo: come può essere rilevante, adattandosi a tutti i tipi di tecnologie, industrie e scoperte in evoluzione”.