Ottobre 2, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

An artist rendering of a bowfin fish attempting to sneak up on a frog floating at the surface of a pond while another bowfin regurgitates part of a recent meal of frogs and a salamander. The bowfin fish is the suspected predator of a 150 million-year-old vomit fossil discovered in southeast Utah.

Il vomito di 150 milioni di anni trovato nello Utah offre “uno scorcio raro” degli ecosistemi preistorici

Il disegno di un artista di una pulcinella di mare che cerca di avvicinarsi di soppiatto a una rana che galleggia sulla superficie di uno stagno mentre un’altra tazza riempie parte di un recente pasto a base di rane e tritoni. La pulcinella di mare è il sospetto predatore di un fossile di vomito di 150 milioni di anni scoperto nel sud-est dello Utah. (Brian Ing tramite il Dipartimento dei parchi statali dello Utah)

Tempo di lettura stimato: 3-4 minuti

VERNAL – Un fossile scoperto di recente nel sud-est dello Utah sembra mostrare di che tipo di prede si nutrissero i predatori nell’era dei dinosauri e quando l’area non era proprio il deserto lo è oggi.

I paleontologi nello Utah hanno scoperto un mucchio di ossa di anfibi che, secondo loro, sembrano essere state rigurgitate da una specie di predatore. Si pensa che questo vomito preistorico abbia 150 milioni di anni, secondo i paleontologi dello Utah Geological Survey, del Dipartimento dei parchi statali dello Utah e del Flying Heritage & Combat Armor Museum di Washington.

Le loro scoperte sono state Pubblicato sulla rivista Paleos il mese scorso.

“Questo fossile ci offre uno sguardo raro sulle interazioni degli animali negli ecosistemi antichi”, ha dichiarato martedì John Foster, curatore dello Utah State Field House Museum of Natural History e uno dei coautori dello studio.

Il team ha scoperto il fossile durante la ricerca formazione Morrison, un famoso sito fossile noto per i suoi fossili del tardo Giurassico, che vanno da circa 148 milioni di anni fa a 155 milioni di anni fa. È noto soprattutto per le sue ossa di dinosauro, ma è anche il luogo in cui gli scienziati hanno trovato tutti i tipi di altri animali, come pesci, salamandre e rane.

La sezione di formazione dello Utah sud-orientale è per lo più caratterizzata da piante preistoriche come ginkgo, felci e conifere. Tuttavia, i paleontologi hanno trovato anche anfibi e pulcinella di mare. Queste scoperte sono la ragione per cui ritengono che l’area fosse un tempo sede di un piccolo stagno o lago.

Ma durante un recente sondaggio, il team ha scoperto un fossile stranamente disposto. Era un insieme di ossa che includeva “elementi” di almeno una piccola rana o girino e sarebbe stato “il più piccolo esemplare di salamandra riportato dalla formazione”, hanno scritto i ricercatori nello studio. Alcune di queste ossa erano lunghe solo 0,12 pollici, tra il più piccolo gruppo di ossa in formazione.

Hanno aggiunto che la composizione chimica e scheletrica della fossa indicava che si trattava di rigurgito, una forma fossilizzata di vomito. Il team osserva che questa è la prima scoperta di questo tipo nella Formazione Morrison e anche nel Giurassico del Nord America.

Ciò che non è ancora chiaro 150 milioni di anni dopo è ciò che ha ucciso la specie all’interno del regurgitalite. Foster osserva che ricerche precedenti collocano le pulcinelle di mare nell’area in quel momento, che considera “l’attuale migliore corrispondenza” per il predatore dietro il fossile. Gli scienziati hanno scoperto specie di pesci, salamandre e rane nella Formazione Morrison per più di un secolo.

“Anche se non possiamo escludere altri predatori, la pulcinella di mare è attualmente il sospetto, per così dire”, ha detto, spiegando che i pesci – e altri animali – a volte vomitano i loro ultimi pasti quando vengono inseguiti o vogliono distrarre un predatore .

“C’erano tre animali che abbiamo ancora oggi, che interagiscono in modi noti anche tra quegli animali: prede mangiate dai predatori e predatori che potrebbero essere inseguiti da altri predatori”, ha aggiunto. “Questo di per sé mostra quanto alcuni ecosistemi antichi siano simili ai luoghi sulla Terra oggi”.

Questa è l’ultima scoperta fatta dal team nella regione. Anche due dei tre coautori dello studio stanno assistendo È stato scoperto un enorme insetto acquatico di 151 milioni di anniche ha portato a un documento pubblicato nel 2020.

Il paleontologo statale James Kirkland, coautore di entrambi gli studi, ha affermato che i paleontologi intendono continuare a cercare nel sito in cui è stato scoperto il vomito preistorico per vedere se riescono a trovare ulteriori prove dell’ecosistema passato dell’area.

“Ero così entusiasta di aver trovato questo sito, poiché i siti di vegetazione del Giurassico superiore sono molto rari”, ha affermato in una nota. “Ora dobbiamo sezionare attentamente il sito alla ricerca di altre piccole meraviglie tra il fogliame”.

Immagini

Storie correlate

Ultime storie di scienza

Carter Williams è un giornalista pluripremiato che si occupa di notizie generali, attività all’aperto, storia e sport per KSL.com. In precedenza ha lavorato presso Deseret News. Viene trapiantato nello Utah via Rochester, New York.

Altre storie che potrebbero interessarti

READ  Il 29 giugno 2022 è stato il giorno più corto della Terra a causa di una leggera "fluttuazione"