Febbraio 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il rifiuto di Hey Calendar da parte di Apple rinnova una vecchia battaglia

Il rifiuto di Hey Calendar da parte di Apple rinnova una vecchia battaglia

Il nuovo anno avrebbe dovuto iniziare con un nuovo calendario. Ma circa 72 ore dopo l'annuncio del servizio di posta elettronica premium Hey Ultima funzionalità – Calendario integrato – Il co-fondatore David Heinemeier Hansson ha ricevuto alcune notizie indesiderate da Apple: stava rifiutando un'app iOS autonoma per Hey Calendar, perché gli utenti non pagati non potevano fare nulla quando aprivano l'app.

I nuovi utenti non possono iscriversi a Hey Calendar direttamente sull'app: Basecamp, che rende Hey, consente agli utenti di registrarsi prima tramite il browser. Le regole dell'App Store di Apple richiedono che la maggior parte dei servizi a pagamento offra agli utenti la possibilità di pagare e abbonarsi tramite l'app, garantendo all'azienda uno sconto fino al 30%. La regola controversa presenta molte aree grigie ed eccezioni (ad esempio app di lettura come Spotify e Kindle ottengono un'eccezione) ed è oggetto di battaglie antitrust in diversi paesi.

Ma come ha spiegato Hanson Su X E più tardi Post sul blogHa trovato offensivo il rifiuto di Apple anche per un altro motivo. Quasi quattro anni fa, la società ha rifiutato l'app iOS nativa di Hey per il suo servizio di posta elettronica per lo stesso identico motivo. “Apple ha appena chiamato per farci sapere che stanno rifiutando l'app HEY Calendar dall'App Store (nella sua forma attuale). Stesse tattiche di bullismo dell'ultima volta: inviare l'esatto rifiuto di una chiamata solo con il nome della persona che lo dirà con calma tu è il tuo portafoglio o le tue ginocchia. libri Hanson in un post su X.

L'esito della lotta del 2020 è andato a favore di Hey. Giorni dopo Avanti e indietro Tra l'Apple App Store Review Board e Basecamp, il team Hey ha approvato a Soluzione abbastanza creativa Suggerito dal dirigente Apple Phil Schiller. Hey offrirà un'opzione di app iOS gratuita, consentendo ai nuovi utenti di registrarsi direttamente. Ma il servizio di posta elettronica ha proposto una leggera svolta: gli utenti che si sono registrati tramite l’app iOS hanno ricevuto un indirizzo email anti-spam temporaneo e gratuito che ha funzionato per 14 giorni, dopodiché hanno dovuto pagare per l’aggiornamento. Attualmente, gli utenti di posta elettronica possono pagare solo tramite il browser.

READ  iPhone 15, nuovo Apple Watch e AirPods aggiornati

Dopo la saga Hey, Apple ha rivisto le regole dell'App Store che stabilivano che le app complementari gratuite per determinati tipi di servizi web a pagamento fossero… NO È necessario disporre di un meccanismo di pagamento all'interno dell'applicazione. Ma, come ha riferito Hanson a

“Dopo aver trascorso 19 giorni a rivedere la nostra applicazione, facendoci saltare la data di lancio da tempo pianificata del 2 gennaio, Apple ha rifiutato la nostra app complementare gratuita e autonoma “perché non fa nulla”. Questo perché gli utenti devono accedere con un account esistente Per utilizzare la funzione. libri Hanson in un post sul blog.

Come Hanson dettagli Nel post di X, Hey intende opporsi alla decisione di Apple, anche se non ha specificato quale strada avrebbero intrapreso. il bordo Ho contattato sia Hey che Apple per un commento.