Novembre 28, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il Qatar vieta la vendita di birra negli stadi dei Mondiali

Il Qatar vieta la vendita di birra negli stadi dei Mondiali

DOHA, Qatar – La birra viene lanciata negli stadi della Coppa del Mondo.

In un cambiamento sorprendente, i funzionari del Qatar hanno deciso che le uniche bevande che saranno vendute ai tifosi durante le partite durante il mese di Coppa del Mondo saranno analcoliche.

La decisione, arrivata due giorni prima dell’apertura del torneo di domenica, è stata è stato confermato Venerdì dalla FIFA proprietaria del torneo.

La FIFA ha annunciato che “a seguito di discussioni tra le autorità del paese ospitante e la FIFA, è stata presa la decisione di concentrarsi sulla vendita di bevande alcoliche al FIFA Fan Fest, altre destinazioni per i tifosi e luoghi autorizzati”. Ha aggiunto che la decisione significherebbe “rimuovere i punti vendita di birra dalle vicinanze dello stadio della Coppa del Mondo FIFA 2022 in Qatar”.

Il divieto della birra è l’ultimo e più drammatico cambiamento in Piano alcol avanzato Per diversi mesi, questo ha acuito le tensioni tra la FIFA, l’organo di governo globale del calcio, e il Qatar, il paese islamico conservatore in cui la vendita di alcol è strettamente controllata. Ma avrà anche un accordo di sponsorizzazione FIFA da 75 milioni di dollari con Budweiser; far incazzare i fan che stanno già vacillando per le restrizioni, i costi e gli inconvenienti dell’evento; Ancora una volta, gli organizzatori faticano ad adattarsi nelle ultime ore prima dell’inizio del torneo.

Ma ha anche indicato che la FIFA, che ha affrontato anni di intense critiche per la sua decisione di portare lo straordinario torneo in Qatar, potrebbe non avere più il pieno controllo delle decisioni chiave relative all’evento. Un decennio fa, ad esempio, l’ente calcistico fece pressioni sul Brasile Solo per il risultato opposto: invocare il governo brasiliano per modificare una legge che consenta la vendita di birra negli stadi, pratica vietata in Brasile dal 2003.

In Qatar, la FIFA ha acconsentito alle richieste della nazione ospitante. Ciò ha sollevato la possibilità che altre promesse contrarie alle leggi e ai costumi locali, anche su questioni come la libertà di stampa, le proteste di strada e i diritti dei visitatori LGBTQ, non fossero così forti come affermato dal Qatar e dalla FIFA.

READ  Alex Cora, Boston Red Sox, ha deciso di "pianificare di conseguenza" senza più giocatori vulnerabili a Toronto

La Football Supporters ‘Union, un gruppo di tifosi con sede nel Regno Unito, ha criticato la decisione.

“Ad alcuni tifosi piace bere una birra durante una partita e ad altri no, ma il vero problema è l’inversione di tendenza dell’ultimo minuto che parla di un problema più grande: la totale mancanza di comunicazione e chiarezza da parte del Comitato Organizzatore nei confronti dei tifosi”. ha detto il gruppo in una nota.

“Se possono cambiare idea su questo in qualsiasi momento, senza alcuna spiegazione, i sostenitori avranno comprensibili preoccupazioni sul fatto che manterranno altre promesse relative all’alloggio, ai trasporti o alle questioni culturali”.

Il divieto di consumo di alcol sembra valere solo per i tifosi che assistono alle partite. Birra e altre bevande, incl Champagne ufficiale FIFA E una gamma di vini selezionati dal sommelier, sarà ancora disponibile nelle lussuose suite dello stadio riservate ai funzionari della FIFA e ad altri ospiti facoltosi.

Il divieto della birra arriva una settimana dopo che un precedente decreto ha trasferito dozzine di tende da birra rossa a marchio Budweiser in luoghi più discreti negli otto stadi della Coppa del Mondo, lontano da dove passa la maggior parte dei tifosi.

Lo staff della Coppa del Mondo è stato informato che la mossa ha seguito i consigli di sicurezza. Ma la convinzione che il cambiamento abbia avuto origine con lo sceicco Jassim bin Hamad bin Khalifa Al Thani – fratello dell’emiro del Qatar al potere e membro più attivo della famiglia reale nella pianificazione quotidiana del torneo – suggerisce che non sia così negoziabile.

Uno dei funzionari coinvolti nel processo ha affermato che i funzionari della FIFA erano d’accordo perché temevano che se non lo avessero fatto avrebbero rischiato di vedere le franchigie Budweiser chiuse completamente.

Gli organizzatori della Coppa del Mondo sembravano desiderosi di placare Budweiser e la sua casa madre, la multinazionale belga Anheuser-Busch InBev, dicendo: “Gli organizzatori del torneo apprezzano la comprensione e il continuo supporto di AB InBev al nostro impegno condiviso per soddisfare le esigenze di tutti”.

I rappresentanti di Budweiser, che la scorsa settimana avevano suggerito di essere rimasti sorpresi dai precedenti cambiamenti apportati dal Qatar alla loro strategia di vendita per la Coppa del Mondo, non hanno risposto alle richieste di commento.

L’unica dichiarazione pubblica della società è stata una presa in giro del suo account Twitter, che ha scritto: “Beh, è ​​imbarazzante…” Il tweet è stato cancellato dopo circa 90 minuti e poco prima che la dichiarazione della FIFA fosse rilasciata.

La scorsa settimana, gli organizzatori del Qatar hanno tentato di minimizzare la crescente tensione sulle vendite di birra, un appuntamento fisso della Coppa del Mondo da generazioni, affermando che i piani operativi erano ancora in fase di elaborazione e che erano ancora in corso modifiche alla “posizione di alcune aree per i tifosi”. ha anche osservato che “i tempi di flusso e il numero di destinazioni del flusso” sono rimasti gli stessi in tutti e otto gli stadi.

Budweiser, che paga alla FIFA 75 milioni di dollari per ogni ciclo quadriennale di Coppa del Mondo, ha affermato che sta lavorando con gli organizzatori per “trasferire i punti vendita in franchising nelle località come indicato”.

Il nuovo piano significa che le tende rosse del birrificio potrebbero ora non essere visibili in tutti gli stadi; Sono allo studio alternative bianche senza marchio. I famosi frigoriferi rossi dell’azienda saranno probabilmente sostituiti con quelli blu, che è il colore associato al marchio analcolico di Budweiser, Budweiser Zero.