Aprile 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il progresso del calcio americano ha portato Pele alla NASL, New York Cosmos per ringraziare

Il progresso del calcio americano ha portato Pele alla NASL, New York Cosmos per ringraziare

Il mondo del calcio ha perso la leggenda giovedì con Pelè è morto all’età di 82 anni. Pelé, il re del calcio brasiliano, ha compilato una lista di trofei in cui ha vinto tre volte la Coppa del Mondo, due volte la Confederations Cup, due volte la Copa Libertadores e sei volte il Brasileiro, ma è stato anche incoronato il titolo NASL con il New York Cosmos nel 1977. La sua influenza sul calcio americano non ha eguali.

Fondata nel 1968, la North American Soccer League è stata una delle leghe di calcio più popolari in America, fungendo da campionato di prima divisione che ha preceduto la Major League Soccer. E all’interno della NFL, i Cosmos erano i migliori del raccolto, conosciuti in tutto il mondo e avevano abbastanza per attirare giocatori come Franz Beckenbauer, Giorgio Chinaglia e la leggenda Pele.

Entrato a far parte del Cosmos dal Santos nel giugno 1975, Pelé fu una scelta sorprendente per una squadra di queste dimensioni all’epoca. Prima dell’arrivo della nave brasiliana, i Cosmos erano una squadra di nomadi, ma Pele ha dimostrato che la squadra faceva sul serio con una mossa ambiziosa e sconvolgente. Il suo contratto triennale con Cosmos per $ 2,8 milioni ha reso Pelé l’atleta più pagato al mondo all’epoca. Il Cosmos lo ha aiutato a ottenere altri contratti per assicurarsi che pagasse il minor numero di tasse possibile, uno dei quali lo ha visto elencato come artista discografico su Atlantic Records durante il suo periodo con il club, insieme al musicista brasiliano Sergio Mendes.

L’impatto di Pelé fu immediato nonostante avesse 34 anni all’epoca e non avesse giocato a calcio in maniera competitiva per otto mesi prima di entrare nell’Universo. Pelé ha fatto il suo debutto in prima squadra il 15 giugno 1975, segnando un gol e assistendo in un pareggio contro i Dallas Tornadoes. Quella partita è stata vista da 10 milioni di persone sulla CBS, un record per il pubblico televisivo di football americano all’epoca in cui i Kings attiravano l’attenzione da ogni parte del mondo. Pelé ha segnato cinque gol e ne ha assistiti altri quattro in sole nove partite, ma era titolare.

READ  RHP Robert Suarez rimane con i Padres: perché l'ex star della NPB ha ottenuto un raro contratto di 5 anni

Ascolta qui sotto e segui Nel calcio ci fidiamo: un podcast di calcio sportivo della CBS Dove tre dei tuoi ex giocatori USMNT preferiti coprono tutte le cose relative al bellissimo gioco.

Chinaglia si unì a Pelé la stagione successiva e ne seguì la magia. Pelé ha segnato 13 gol e 18 assist nella sua seconda stagione con il club vincendo il premio NASL Player of the Year. La stagione successiva è quando ha guidato il Cosmos al titolo di Soccer Bowl del 1977, che all’epoca era l’apice del calcio americano. La partecipazione del club sarebbe triplicata durante la sua permanenza lì con Pelé che giocava davanti a un Giants Stadium tutto esaurito contro il Santos.

Più di 77.000 tifosi hanno assistito a quella partita e Pelé si è assicurato di ricevere un’offerta per segnare un gol nella vittoria per 2-1 contro la sua ex squadra. L’arrivo e l’influenza di Pelé hanno dimostrato che il calcio poteva essere fatto in America e hanno gettato una base importante per la Coppa del Mondo del 1994 negli Stati Uniti.

Una leggenda dentro e fuori dal campo, l’impatto di Pelé sul football americano sarà indimenticabile tanto quanto il suo impatto sul calcio mondiale. L’unico giocatore a vincere tre Mondiali e segnare 1.281 gol in carriera (comprese le amichevoli), l’eredità di Pelé è intoccabile e senza di lui, probabilmente non ci sarà una Coppa del Mondo 2026 da aspettarsi in America, figuriamoci tutto ciò che è venuto prima . .