Aprile 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il popolare rapporto sull'occupazione supporta la pazienza della Fed mentre attende di tagliare i tassi di interesse

Il popolare rapporto sull'occupazione supporta la pazienza della Fed mentre attende di tagliare i tassi di interesse

I funzionari della Federal Reserve hanno lasciato i tassi di interesse invariati questa settimana e hanno indicato che il loro prossimo passo sarebbe stato probabilmente un taglio, ma hanno anche indicato che non avevano fretta di apportare quel cambiamento. I dati sull'occupazione di venerdì probabilmente rafforzeranno la loro posizione cauta.

A gennaio i datori di lavoro hanno assunto molto più rapidamente del previsto e la retribuzione oraria media è aumentata del 4,5% nel corso dell’anno, il ritmo più veloce da settembre e un’inversione di tendenza dopo mesi di rallentamento.

Il presidente della Fed Jerome Powell ha chiarito durante la sua conferenza stampa di mercoledì che la banca centrale non è intenzionata a mantenere alti i tassi di interesse solo per rallentare il mercato del lavoro, ma il rapporto indica che l’economia potrebbe non raffreddarsi quanto previsto dai politici.

Considerata questa continua forza, è improbabile che la Fed senta la pressione di tagliare i tassi di interesse alla prossima riunione 19-20 marzo. I politici non vogliono mantenere i costi di finanziamento troppo alti per troppo tempo rischiando di cadere in una dolorosa recessione, ma i dati suggeriscono che una potenziale contrazione rimane altamente improbabile. Invece di vacillare, il mercato del lavoro è fiorente.

Il tasso di interesse della banca centrale è ora fissato al 5,25-5,5%, un livello abbastanza alto da far credere agli economisti che raffredderà l’economia mentre scorre attraverso i mercati finanziari e colpisce mutui, carte di credito e prestiti alle imprese.

L'obiettivo della Fed nel tentativo di calmare l'economia è quello di tenere sotto controllo l'inflazione, e gli aumenti dei prezzi hanno iniziato a rallentare: negli ultimi sei mesi, i dati sull'inflazione sono stati vicini al tasso normale.

READ  Il rating creditizio della New York Community Bancorp è stato declassato a spazzatura a causa di preoccupazioni relative al settore immobiliare

Ma ciò è avvenuto senza un rallentamento economico più ampio. Le opportunità di lavoro sono diminuite e il mercato immobiliare ha rallentato in risposta all’aumento dei tassi di interesse, ma l’occupazione e la spesa al consumo sono rimaste sorprendentemente resilienti.

Questa settimana Powell ha suggerito che la Fed vorrebbe vedere maggiori prove del fatto che l'inflazione è sotto controllo prima di iniziare a tagliare i tassi di interesse e che è improbabile che disponga di dati sufficienti per sentirsi fiduciosa al riguardo prima della riunione di marzo.

I mercati hanno ridotto drasticamente le possibilità di un taglio dei tassi in quel rally dopo i dati sull’occupazione di gennaio.

In particolare, Powell ha affermato che la Fed è disposta a essere paziente – piuttosto che cauta e reattiva – in attesa che la crescita dei salari rallenti e ritorni a livelli normali. Alcuni economisti ritengono che il ritmo relativamente rapido degli aumenti salariali potrebbe impedire che l’inflazione si stabilizzi al 2% nel tempo, se persiste.

“Penso che il mercato del lavoro, sotto molti aspetti, sia pari o quasi alla normalità, ma non del tutto tornato alla normalità”, ha affermato Powell. “Le opportunità di lavoro non sono più quelle di una volta” e gli aumenti salariali “non sono più quelli di una volta”.

Ha aggiunto che gli aumenti salariali “potrebbero richiedere un paio d’anni per tornare alla normalità, e va bene”.

Il forte dato salariale di gennaio è dovuto in parte al fatto che i dipendenti hanno lavorato meno ore, il che significa che le retribuzioni orarie sono state misurate rispetto a una base più piccola, potenzialmente gonfiandole. Detto questo, l’elevata inflazione mensile dovrebbe essere presa con “un pizzico di sale”, ha scritto Omair Sharif, fondatore di Inflation Insights.

READ  L'S&P 500 scende mentre i mercati si preparano a chiudere una settimana, un mese e un trimestre miserabili

Ma gli altri segnali di forza contenuti nel rapporto erano piuttosto ampi.

Visti i commenti di Powell – e quanto l'inflazione è scesa negli ultimi mesi – Kathy Posjancic, capo economista di Nationwide, ha detto che la Fed potrebbe ancora procedere con tagli dei tassi di interesse quest'anno anche con un mercato del lavoro molto forte. Si prevede una mossa più piccola a maggio o giugno.

“L'inflazione sembra essere il motore principale”, ha detto Bostiancic, in contrasto con la forza dei nuovi numeri di posti di lavoro. “Ciò dovrebbe avere un impatto molto modesto sui tempi – e anche sull’entità – dei tagli dei tassi di interesse”.