Luglio 14, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Troppo di una cosa buona?  L’energia verde in Spagna potrebbe superare la domanda

Troppo di una cosa buona? L’energia verde in Spagna potrebbe superare la domanda

Fonte immagine, Jay Hedgeco

Commenta la foto, La Spagna ha investito molto nei parchi eolici, come quelli nella Sierra del Romeral

  • autore, Jay Hedgeco
  • Ruolo, BBC News, nella Spagna centrale

Le pianure di Castilla-La Mancha, nella Spagna centrale, un tempo erano famose per i loro mulini a vento.

Ma ora le turbine eoliche, le loro controparti moderne, stanno diventando più visibili sullo skyline della regione.

Le 28 imponenti turbine della Sierra del Romeral, situate sulle colline non lontano dalla storica città di Toledo, dominano questo paesaggio.

È gestito dalla società spagnola Iberdrola e fa parte di una tendenza che ha accelerato la produzione di energia rinnovabile in Spagna negli ultimi cinque anni, rendendo il Paese una presenza importante nel settore.

La capacità totale di generazione di energia eolica della Spagna, la principale fonte di energia rinnovabile negli ultimi anni, è raddoppiata dal 2008. La capacità di energia solare, invece, è aumentata di otto volte nello stesso periodo.

Ciò rende la Spagna uno stato membro dell’Unione Europea Il secondo più grande Infrastrutture per le energie rinnovabili, dopo la Svezia al primo posto.

All’inizio di quest’anno, il primo ministro spagnolo del Partito Socialista dei Lavoratori, Pedro Sanchez, ha descritto il suo paese come “una forza trainante per la transizione energetica su scala globale”.

“L’impatto del Covid è stato molto positivo sul nostro settore”, afferma José Donoso, amministratore delegato dell’UNEF, l’associazione spagnola del fotovoltaico, che rappresenta il settore dei pannelli solari. “Le persone hanno risparmiato denaro, si sono prese il tempo per pensare a cosa farne e molti hanno deciso che era meglio investirlo sui propri tetti piuttosto che nelle proprie banche”.

Allo stesso tempo, il governo ha introdotto nuovi obiettivi ambiziosi, tra cui la copertura dell’81% del fabbisogno elettrico della Spagna con fonti energetiche rinnovabili entro il 2030.

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto, La Spagna ha visto un boom nel numero di persone che installano pannelli solari sui propri tetti

Dietro questa storia di successo si nascondono però le preoccupazioni del settore elettrico causate da uno squilibrio tra domanda e offerta, con elettricità talvolta in surplus.

Sebbene l’economia spagnola si sia ripresa fortemente dallo shock della pandemia di Covid e stia crescendo più rapidamente di tutte le altre principali economie del blocco, il consumo di elettricità è diminuito negli ultimi anni.

L’anno scorso, la domanda di elettricità è stata addirittura inferiore a quella osservata durante l’anno pandemico 2020, e la più bassa dal 2003.

“Quello che abbiamo visto fino al 2005 è che quando il PIL è aumentato, la domanda di elettricità è aumentata più del PIL”, afferma Miguel de la Torre Rodriguez, responsabile dello sviluppo del sistema presso Red Electrica (REE), la società che gestisce la rete nazionale spagnola.

Ci sono diverse ragioni per il recente calo della domanda. Includono la crisi energetica causata dall’invasione russa dell’Ucraina nel 2022, che ha portato le imprese e le case di tutta Europa a ridurre i propri consumi.

Anche l’efficienza energetica è migliorata ed è diventata più popolare.

Anche il crescente utilizzo delle energie rinnovabili ha contribuito a ridurre la domanda di energia elettrica dalla rete nazionale.

Durante le ore diurne, quando la produzione solare è particolarmente forte, l’equilibrio tra domanda e offerta può sbilanciarsi, influenzando i prezzi, afferma Rodriguez.

“Dato che il sistema energetico deve essere sempre in equilibrio – la domanda deve eguagliare la produzione – significa che in quelle ore c’era una produzione in eccesso”, dice.

“Ciò ha portato a prezzi più bassi, soprattutto in determinate ore, quando i prezzi erano pari a zero o addirittura negativi.”

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto, Pedro Sanchez vuole che la Spagna sia una “forza trainante” per le energie rinnovabili

Sebbene questi prezzi bassi siano benvenuti per i consumatori, potrebbero rappresentare un problema quando si tratta di attrarre investimenti nel settore.

“Ciò potrebbe rendere più difficile per gli investitori investire di più in nuova elettricità rinnovabile”, afferma Sara Pezzinato, esperta di energie rinnovabili presso Greenpeace Spagna.

“Questo potrebbe rappresentare un collo di bottiglia per la transizione energetica”.

Le preoccupazioni per un surplus di elettricità in Spagna hanno portato alla discussione sulla necessità di accelerare l’“elettrificazione” dell’economia, che include l’allontanamento dai combustibili fossili. Il governo Sanchez si è posto l’obiettivo di rendere il 34% dell’economia dipendente dall’elettricità entro il 2030.

“L’elettricità è il modo più economico e competitivo per produrre energia pulita.

“Abbiamo bisogno di strutture che utilizzino l’elettricità invece dei combustibili fossili”.

Il passaggio alla completa dipendenza dall’elettricità è considerato irrealistico, poiché alcuni settori importanti come quello chimico e dei metalli troveranno questo passaggio difficile.

Tuttavia, Donoso e altri vedono ampie possibilità per un’elettrificazione più rapida. Ad esempio, la Spagna è in ritardo rispetto a molti dei suoi vicini europei per quanto riguarda l’installazione di pompe di calore nelle case e l’uso di auto elettriche, che costituiscono solo circa il 6% dei veicoli in circolazione.

La Pezzinato concorda sul fatto che l’elettricità è fondamentale, ma afferma che ci sono altri modi per affrontare l’impasse tra domanda e offerta, tra cui l’eliminazione graduale dell’uso delle centrali nucleari più rapidamente e l’aumento della capacità di stoccaggio dell’energia.

“Abbiamo bisogno di coinvolgere più persone e più industrie nella gestione dal lato della domanda, per garantire che sia presente la flessibilità necessaria nel sistema per far sì che la produzione e la domanda corrispondano meglio durante il giorno e durante la notte”, afferma.