Giugno 13, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il Pentagono afferma che nessuno delle 569 tonnellate di aiuti consegnati al molo costruito dagli Stati Uniti ha raggiunto i palestinesi, alcuni dei quali sono stati “intercettati” dai ladri

Il Pentagono afferma che nessuno delle 569 tonnellate di aiuti consegnati al molo costruito dagli Stati Uniti ha raggiunto i palestinesi, alcuni dei quali sono stati “intercettati” dai ladri

Politica


Il Pentagono ha annunciato martedì che più di 569 tonnellate di aiuti umanitari hanno attraversato il pontile galleggiante costruito dagli Stati Uniti per raggiungere Gaza, ma nessuno di questi è stato consegnato ai civili palestinesi.

La struttura, eretta dalle forze armate statunitensi nel tentativo di alleviare la crisi umanitaria nella regione devastata dalla guerra, è stata completata giovedì scorso.

Ma diversi camion che trasportavano cibo e altri beni verso magazzini sulla terraferma di Gaza sono stati “intercettati”.

I soldati assegnati alla 7a Brigata di trasporto (Spedizione) utilizzano una corda per assicurare gli aiuti umanitari mentre vengono sollevati da una gru a bordo della nave MV Roy P. Benavidez nel porto di Ashdod, Israele, 14 maggio 2024. Foto dell’esercito americano/Sgt. Malcolm Cohens Ashley

“Ci aspettiamo che gli aiuti verranno distribuiti qui nei prossimi giorni, ovviamente, se le condizioni lo consentiranno”, ha detto il segretario stampa del Pentagono, il maggiore generale Pat Ryder. Lo ha detto ai giornalisti martedìSottolineando che gli aiuti “fluiscono” ma non sono ancora stati distribuiti ai palestinesi.

Alla domanda se gli aiuti fossero già stati consegnati martedì, Ryder ha risposto: “Non credo”.

Un portavoce del Pentagono ha riferito che alcuni camion, gestiti da organizzazioni non governative incaricate di portare aiuti in un’altra zona, sono stati saccheggiati dai ladri.

“Una parte degli aiuti iniziali che erano stati portati, mentre venivano trasportati lungo il percorso di trasporto, sono stati intercettati da alcune persone che li avevano prelevati da quei veicoli”, ha detto Ryder.

“Successivamente si sono svolte discussioni per garantire che esistessero percorsi alternativi in ​​modo che potesse essere consegnato ai magazzini”, ha aggiunto.

Gli aiuti umanitari vengono sollevati da una gru azionata da soldati assegnati alla 7a Brigata di trasporto (Spedizione) da un ponte marittimo nel porto di Ashdod, Israele. Foto dell’esercito americano/Sgt. Malcolm Cohens Ashley

Sabato il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, una delle ONG coinvolte nelle complesse operazioni logistiche, ha tentato di trasportare gli aiuti dalla spiaggia a un magazzino su 16 camion, solo cinque dei quali sono arrivati ​​a destinazione, secondo l’organizzazione. Agenzia di stampa.

READ  Blocco di Shanghai a causa del coronavirus: carenza di cibo, droni, animali affamati

Funzionari del Programma alimentare mondiale hanno affermato che 11 camion sono stati “sequestrati” da una folla di persone e che un palestinese è stato ucciso a colpi di arma da fuoco durante la scena terrificante.

Come parte del processo, prima che le forniture umanitarie possano raggiungere i palestinesi, vengono prima trasportate a Cipro, dove vengono caricate sulle navi dirette al molo galleggiante.

I soldati della 7a Brigata dei Trasporti (di spedizione) sostengono la costruzione del sistema logistico congiunto sopra la spiaggia al largo della costa di Gaza. Foto dell’esercito americano/Sgt. Malcolm Cohens Ashley

Gli aiuti vengono poi trasportati dal personale militare statunitense su un ponte che collega il molo alla terraferma.

Da quel momento in poi, vengono portati a terra da appaltatori non statunitensi e collocati in un’area di assemblaggio.

Le ONG poi raccolgono i pallet per distribuirli ai magazzini, dove verranno apparentemente consegnati ai civili bisognosi.

“Quando si tratta della sicurezza delle ONG, è una decisione che tutti prendono internamente”, ha detto Ryder a proposito delle notizie di saccheggi violenti. “Quindi non posso davvero parlare con loro.”

Sabato il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, una delle ONG coinvolte nelle complesse operazioni logistiche, ha tentato di trasportare gli aiuti dalla spiaggia a un magazzino a bordo di 16 camion, solo cinque dei quali sono arrivati ​​a destinazione. Foto dell’esercito americano/Sgt. Malcolm Cohens Ashley

Il funzionario del Pentagono ha dichiarato di aspettarsi un aumento della quantità di aiuti distribuiti, ma ha invitato alla pazienza.

“Siamo stati molto chiari fin dall’inizio che adotteremo un approccio gattonare, camminare, correre per garantire di implementare questo sistema in modo da affrontare i processi e le procedure, inclusa l’azione.” “Tenendo conto delle condizioni di sicurezza”, ha detto Ryder.

Ha aggiunto: “Quindi penso che, lavorando insieme, vedrete un aumento del volume degli aiuti e della capacità di distribuirli”.

“Ma non abbiamo mai detto che sarebbe stato facile, voglio dire ancora una volta, le condizioni con cui abbiamo a che fare qui sono difficili”.

READ  Venerdì Santo: il Vaticano afferma che il Papa salterà l'evento per preservare la salute prima di Pasqua

Il presidente Biden ha annunciato i piani per il porto temporaneo nel suo discorso sullo stato dell’Unione a marzo, e ha affermato che il molo consentirà a cibo, acqua, medicine e riparo temporaneo di raggiungere “ogni giorno” l’enclave assediata gestita da Hamas.




Carica altro…









https://nypost.com/2024/05/22/us-news/none-of-the-569-metric-tons-of-aid-delivered-to-us-built-pier-has-reached-palestinians- qualcuno-intercettato-dai-saccheggiatori-dice-il-Pentagono/?utm_source=url_sitebuttons&utm_medium=site%20buttons&utm_campaign=site%20buttons

Copia l’URL di condivisione