Luglio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il nuovo team Piattaforme e dispositivi di Google si occupa di intelligenza artificiale

Il nuovo team Piattaforme e dispositivi di Google si occupa di intelligenza artificiale

L’intelligenza artificiale sta prendendo il sopravvento su Google e l’azienda sta cambiando radicalmente per cercare di realizzarlo più velocemente. Il CEO di Google Sundar Pichai ha annunciato giovedì importanti riorganizzazioni interne, inclusa la creazione di un nuovo team chiamato “Piattaforme e dispositivi” che supervisionerà tutti i prodotti Google Pixel, tutti Android, Chrome, ChromeOS, foto e altro ancora. Il team sarà guidato da Rick Osterloh, che in precedenza è stato vicepresidente senior dei dispositivi e dei servizi, dove ha supervisionato tutte le attività hardware di Google. Hiroshi Lockheimer, da lungo tempo responsabile di Android, Chrome e ChromeOS, si occuperà di altri progetti all'interno di Google e Alphabet.

Questo è un grande cambiamento per Google e probabilmente non sarà l'ultimo. C'è solo una ragione per tutto questo, dice Osterloh: l'intelligenza artificiale. “Non è un segreto, vero?” Lui dice. Unire i team “ci aiuta a essere in grado di realizzare innovazione end-to-end quando è necessario”, afferma Osterloh. Usa l'esempio della fotocamera Pixel: “Dovevi avere una profonda conoscenza dei sistemi hardware, dai sensori e gli ISP, a tutti gli strati dello stack software. E a quel tempo, tutti i primi modelli HDR e ML che eseguivano l'elaborazione della fotocamera… penso… L'integrazione hardware/software/AI ha davvero mostrato come l'intelligenza artificiale possa trasformare l'intera esperienza dell'utente e questo è ancora più vero oggi.

Osterloh offre le GPU come altro esempio: Google ha investito risorse nei suoi prodotti Tensor per stare al passo con Nvidia e altri, e mantenere hardware e software vicini e consapevoli del lavoro degli altri rende più facile migliorare rapidamente. Questo è il genere di cose che puoi provare a fare con due squadre, dice, ma quando si tratta di una squadra con un leader e un obiettivo, tutto può andare più velocemente.

Mentre parliamo, Osterloh e Lockheimer sono seduti nel suo ufficio e mi parlano tramite Google Meet. I due uomini sono amici e colleghi da decenni e giurano che questo cambiamento non è il risultato di una lotta di potere interna. (Anche quando ne parlo per scherzo, mi sparano forte e velocemente.) Erano più di due anni che parlavano con Pichai della possibilità di effettuare questo passaggio e ora finalmente hanno ritenuto che fosse il momento giusto, afferma Lockheimer.

READ  Discord promette agli utenti arrabbiati che non memorizzerà le registrazioni delle chiamate - per ora - Ars Technica

Rick Osterloh ha trascorso gli ultimi otto anni a costruire il futuro dell'intelligenza artificiale in Google.
Fotografia di Dieter Bohn/The Verge

Riunendo i team, afferma Osterloh, Google può ora muoversi molto più velocemente per integrare l’intelligenza artificiale in tutti i suoi prodotti. “Abbiamo un modo davvero veloce per ottenere le ultime ricerche, gli ultimi modelli, da DeepMind”, afferma, sottolineando anche che Jay Yagnik, ricercatore e ingegnere di lunga data del team AI di Google, verrà ora nel team di Osterloh, in parte . Per facilitare tale interazione. Un modo per considerare questi cambiamenti è semplificare il percorso: ora c’è un team che si occupa di ricerca sull’intelligenza artificiale e un team che si occupa di prodotti AI. “Spesso ciò significa sapere come creare una nuova app basata sui risultati del nostro modello più recente ed essere in grado di convincere rapidamente le persone a farlo”, continua Osterloh. Google, inciampata sotto molti aspetti dalla rivoluzione dell’intelligenza artificiale, sa che deve fare tutto il possibile per muoversi il più rapidamente possibile.

Per anni, Google ha affermato di voler separare attentamente i propri sforzi hardware dal lavoro con il più ampio ecosistema Android per non privilegiare i propri dispositivi o complicare i rapporti con aziende come Samsung. Negli ultimi due anni, questo rapporto è cambiato: il team hardware di Google ha cercato di costruire ottimi dispositivi e mostrare al resto del mondo Android dove possono arrivare le cose.

Un modo per considerare questi cambiamenti è semplificare il percorso: ora c’è un team che si occupa di ricerca sull’intelligenza artificiale e un team che si occupa di prodotti AI

READ  Logitech vuole che tu premi il nuovo pulsante AI

Osterloh si arrabbia quando suggerisco che questa riorganizzazione potrebbe segnare la fine del firewall tra Pixel e Android. “Abbiamo sempre mantenuto team distinti tra Android, i nostri partner dell'ecosistema e il nostro impegno nei dispositivi proprietari”, afferma. Sameer Samat, che finora ha contribuito a gestire Android sotto Lockheimer, sarà ora a capo dell'ecosistema Android. Se Samat ha tutte queste relazioni nell’ecosistema, tutto andrà bene, dice Lockheimer. “Non vedo l'ora di lavorare con Rick per offrire esperienze Android rivoluzionarie basate su Snapdragon non solo sui dispositivi mobili ma anche su Auto,

Allo stesso tempo, è chiaro che Google sta spingendo di più nel suo ruolo di punta di lancia per Android, soprattutto con l'intelligenza artificiale che prende il sopravvento sul sistema operativo. Google sta già aggiungendo il suo modello Gemini e il suo chatbot ovunque tu possa pensare, ha aggiunto funzionalità di intelligenza artificiale alla fotocamera Pixel negli ultimi due anni e ha chiaramente grandi progetti su come l'intelligenza artificiale cambierà il modo in cui usi il tuo telefono, il che è perché è importante quali dispositivi utilizzi. Funziona con Android Auto, Wear OS, ChromeOS e tutto il resto.

Tali cambiamenti sembrano essere parte di un ciclo continuo in Google, un’azienda che ha la reputazione di fornire un ambiente di lavoro esteso e in gran parte autonomo – che è il modo in cui ottieni Gmail ma anche migliaia di app di messaggistica e prodotti non integrati – e quindi occasionalmente creare un tentativo di unificarsi attorno a maggiori iniziative e maggiori profitti. “Più legno dietro meno frecce”, il co-fondatore Larry Page È stato lanciato nel 2011, quando la grande iniziativa della giornata era Google Plus. Google spera sicuramente che tutti i suoi sforzi sull’intelligenza artificiale siano migliori.

In un certo senso, questo sembra essere il percorso intrapreso da Osterloh da quando è entrato a far parte di Google nel 2016. All'epoca, l'Assistente Google era così arrabbiato che Pichai diceva a chiunque lo ascoltasse che stava scommettendo con l'azienda sull'idea di “adattamento ambientale”. .” “Informatica” e un assistente virtuale che creerà un “Google personale” e ti aiuterà a ottenere di più nella tua vita. La missione di Osterloh era costruire case personalizzate per l'Assistente Google: telefoni, altoparlanti, visori per realtà virtuale, laptop, orologi intelligenti e altro ancora. Osterloh dice di sì Conosciuto fin dai suoi esordi Che alla fine stava lavorando sull'intelligenza artificiale e che questi dispositivi sarebbero stati più importanti per Google adottando prima l'intelligenza artificiale che la ricerca. “La tecnologia è avanzata così tanto che è già pronta.”

READ  Il nuovo Apple Leak rivela un sorprendente design di iPhone 15

Guardando al futuro, Osterloh afferma che le sue priorità non sono cambiate, anche se il ritmo dei suoi incontri quotidiani cambierà sicuramente. Nel complesso, dice, il piano è semplicemente quello di far sì che tutto accada Più veloce. Per aggiornare ulteriormente i dispositivi Google man mano che i modelli di intelligenza artificiale migliorano. Lanciare nuovi prodotti con garbo, invece di affogare tutto nei processi e nella burocrazia. “Non possiamo inserire un nuovo SoC nei prodotti esistenti”, afferma Osterloh. “Ma possiamo progettare per durare e quindi aggiornare frequentemente il nostro software.”

Google sta cercando di reinventarsi completamente attorno all’intelligenza artificiale, una tecnologia che secondo lo stesso Pichai potrebbe essere importante quanto il fuoco. Ogni app di proprietà di Google e ogni piattaforma su cui esegue verrà modificata da Gemini. Perché ciò abbia successo, Google stessa – l’azienda, la sua struttura e la sua stessa cultura – cambierà. Non sarà sempre facile, ma chiaramente non c’è tempo da perdere.