Ottobre 2, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I futures su azioni salgono leggermente prima di una nuova serie di dati economici

Il Nasdaq cade mentre il tentativo di ripresa vacilla a Wall Street tra i timori di una recessione della Fed

Giovedì, giovedì, le azioni statunitensi sono scese per lo più con scambi instabili mentre gli investitori hanno riflettuto su diversi rapporti economici che hanno mostrato un quadro confuso dell’economia statunitense.

L’indice Nasdaq Composite è in calo dello 0,5%, mentre l’indice S&P 500 è in calo dello 0,3%. Il Dow Jones Industrial Average ha sovraperformato, aggiungendo un modesto 48 punti, o meno dello 0,2%.

Le azioni Adobe hanno influenzato gli indici Nasdaq e S&P 500. Il titolo software è sceso del 15% dopo l’annuncio della società Un affare da 20 miliardi di dollari per acquistare Figma.

I titoli finanziari hanno sovraperformato, con Goldman Sachs e JPMorgan in rialzo di oltre il 2%. Le azioni del gruppo UnitedHealth sono aumentate di oltre il 3%. Tuttavia, i titoli energetici sono stati sotto pressione, con Chevron in calo dell’1,5%.

Giovedì, Tassi di denuncia di disoccupazione È arrivato meglio del previsto, ma i prezzi all’importazione sono diminuiti meno delle stime suggerite. Al dettaglio Ha superato le aspettative, ma è stato negativo escludendo le auto. Anche i dati sulla produzione hanno mostrato che l’economia sta rallentando. Sebbene questi rapporti indichino che il settore dei consumi negli Stati Uniti per il momento sta mantenendo la propria posizione, faranno ben poco per alleviare le preoccupazioni sull’inflazione persistente.

Wall Street è uscita da una sessione volatile in cui le principali medie hanno registrato guadagni modesti, ma non sono scese molto nelle vendite pesanti di martedì. Wall Street sta ancora cercando di trovare un punto d’appoggio dopo un improvviso aumento di agosto Rapporto sull’indice dei prezzi al consumo Martedì ha innescato un calo di oltre 1.200 punti per l’indice Dow Jones.

READ  Il leader progressista Jayapal incolpa le società statunitensi per i prezzi elevati del gas, non Biden

L’inflazione ostinatamente alta fa preoccupare gli investitori che la Federal Reserve sarà più aggressiva con l’aumento dei tassi di interesse, aumentando le probabilità di una recessione negli Stati Uniti.

“La Fed ha bisogno di scegliere il suo veleno. Continui a frenare in modo aggressivo l’inflazione di fronte alla minaccia di una recessione o di un aumento della disoccupazione? È davvero problematico, ma penso che, visto quello che abbiamo sentito dalla Fed , l’obiettivo sarà quello di creare un portafoglio”, ha affermato Mike Lowingart, responsabile della creazione del portafoglio. Tipico di Morgan Stanley, “è direttamente correlato all’inflazione”.