Maggio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il leader palestinese chiede agli Stati Uniti di fermare l'attacco israeliano a Rafah

Il leader palestinese chiede agli Stati Uniti di fermare l'attacco israeliano a Rafah

Commenta la foto, Più della metà della popolazione di Gaza è stata sfollata a Rafah e molti sono stati costretti a vivere in campi temporanei esposti a fuoriuscite di liquami e rifiuti.

Il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha affermato che gli Stati Uniti sono l'unico paese che può impedire a Israele di attaccare la città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, dove più di un milione di persone stanno cercando rifugio.

Abbas, che amministra parti della Cisgiordania occupata, ha affermato che qualsiasi attacco potrebbe portare i palestinesi a fuggire da Gaza.

Israele ha costantemente minacciato di effettuare un attacco a Rafah.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha confermato la sua “posizione chiara” su Rafah al primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu in una telefonata domenica.

Gli Stati Uniti hanno ripetutamente affermato che non possono sostenere un’operazione militare israeliana su larga scala a Rafah senza vedere un piano credibile per tenere i civili lontani dal pericolo.

Intervenendo in precedenza al World Economic Forum nella capitale saudita, Riyadh, Abbas – la cui Autorità Palestinese non esiste a Gaza, che è sotto il dominio di Hamas dal 2007 – ha esortato gli Stati Uniti a intervenire.

Ha detto: “Chiediamo agli Stati Uniti d'America di chiedere a Israele di fermare l'operazione Rafah perché l'America è l'unico paese in grado di impedire a Israele di commettere questo crimine”, aggiungendo che solo un “piccolo attacco” su Rafah costringerebbe i palestinesi a fare così. I residenti fuggono dalla Striscia di Gaza.

“Allora accadrà la più grande catastrofe nella storia del popolo palestinese”.

Mentre la Casa Bianca non ha chiarito quali fossero i recenti commenti di Biden a Netanyahu riguardo alla pianificazione dell'attacco a Rafah, il portavoce della sicurezza nazionale John Kirby ha detto alla ABC che Israele aveva accettato di ascoltare le preoccupazioni e le idee americane prima di entrare.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken è arrivato a Riad dove incontrerà Abbas all'inizio di un nuovo tour in Medio Oriente.

D'altro canto, i negoziati indiretti tra Israele e Hamas su un possibile cessate il fuoco e sulla liberazione degli altri ostaggi a Gaza, che recentemente hanno acquisito nuovo slancio, hanno rivelato ulteriori divisioni all'interno della coalizione di governo in Israele.

Benny Gantz, membro del Gabinetto di Guerra e esponente dell'opposizione, ha dichiarato domenica che l'attuale governo “non avrà il diritto di continuare ad esistere” se non verrà accettato un accordo ragionevole per la restituzione degli ostaggi.

Gantz ha scritto su X, precedentemente su Twitter, “L’ingresso di Rafah è importante nella lunga lotta contro Hamas. Il ritorno dei nostri rapiti è urgente e di ben maggiore importanza”.

Tuttavia, il ministro delle Finanze di estrema destra Bezalel Smotrich ha affermato che il governo dovrà dimettersi se accetterà un accordo per annullare l'attacco pianificato a Rafah.

I loro commenti arrivano dopo che il ministro degli Esteri israeliano ha detto che il suo paese potrebbe sospendere l'incursione, che secondo Netanyahu sarebbe il prossimo passo nella lotta contro Hamas, se si raggiungesse un accordo sugli ostaggi.

I colloqui di lunga durata mediati da Egitto e Qatar hanno vacillato in gran parte a causa del divario tra le posizioni di Israele e Hamas, ma Hamas ha detto domenica che invierà rappresentanti al Cairo per rispondere all'ultima proposta.

I media americani hanno citato fonti egiziane anonime che affermano che l'ultima proposta di cessate il fuoco presentata ad Hamas prevede un periodo di calma per diverse settimane volto a porre fine alla guerra, in cambio del rilascio di 20 ostaggi.

Hamas vuole la fine permanente della guerra e il ritiro di tutte le forze israeliane da Gaza, mentre Israele insiste sulla necessità di distruggere Hamas a Gaza e di rilasciare tutti gli ostaggi.

L’Egitto e altri paesi arabi hanno precedentemente affermato che l’afflusso di rifugiati palestinesi in fuga dalla guerra sarebbe inaccettabile perché equivarrebbe all’espulsione dei palestinesi dalle loro terre.

Le immagini satellitari hanno mostrato nuove tendopoli in costruzione vicino alla costa di Gaza, a ovest di Rafah, e alla città di Khan Yunis leggermente a nord, che sono state in gran parte lasciate in rovina. I media riferiscono che le tende sono destinate a dare rifugio agli sfollati di Rafah.

L’attuale guerra è iniziata quando Hamas ha attaccato le comunità israeliane vicino a Gaza, uccidendo circa 1.200 persone, la maggior parte dei quali civili, e prendendo circa 250 in ostaggi. Si ritiene che a Gaza rimangano circa 133 ostaggi, di cui circa 30 morti, dopo una breve tregua avvenuta a novembre che ha visto il rilascio di alcuni ostaggi.

Nel corso dei sei mesi di guerra, l'IDF entrò e prese il controllo dell'intera Gaza settentrionale, inclusa Gaza City, e della maggior parte della Gaza centrale e meridionale, inclusa Khan Yunis.

Da allora si è ritirato da quasi tutte quelle aree, ma le forze sono ancora di stanza sulla strada che Israele ha costruito per separare il nord e il sud di Gaza.

Tuttavia, i palestinesi sfollati nel sud di Gaza – dove l’esercito israeliano aveva chiesto loro di andare per la loro sicurezza all’inizio della guerra – non sono stati in grado di tornare alle loro case nel nord, una richiesta fondamentale avanzata da Hamas nei colloqui per il cessate il fuoco, e che Israele non ha dato. Sì, sono d'accordo. Un'indicazione di quando potranno farlo.

Nel frattempo, i micidiali bombardamenti israeliani sono continuati su tutta Gaza, inclusa Rafah, dove l’esercito israeliano ha dichiarato che stava colpendo i siti di lancio dei razzi.