Febbraio 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il lander cinese scopre gigantesche strutture poligonali sepolte sotto Marte: ScienceAlert

Il lander cinese scopre gigantesche strutture poligonali sepolte sotto Marte: ScienceAlert

La navicella spaziale cinese Zhurong è dotata di un sistema radar che penetra nel terreno, permettendole di scrutare sotto la superficie di Marte.

I ricercatori hanno annunciato nuovi risultati dalle scansioni del sito di atterraggio di Zhurong su Utopia Planitia, affermando di aver identificato cunei poligonali irregolari situati a una profondità di circa 35 metri durante il volo del robot.

Gli oggetti misurano da centimetri a decine di metri. Gli scienziati ritengono che i poligoni sepolti siano il risultato di cicli di gelo-disgelo su Marte miliardi di anni fa, ma potrebbero anche essere vulcanici, il risultato del raffreddamento dei flussi di lava.

La navicella spaziale Zhurong è atterrata su Marte il 15 maggio 2021, rendendo la Cina il secondo paese ad essere mai atterrato con successo su Marte.

Il delicato rover, che prende il nome dal dio cinese del fuoco, ha esplorato il suo sito di atterraggio, ha inviato immagini (incluso un selfie con il lander, scattato da una telecamera remota), ha studiato il terreno marziano e ha effettuato misurazioni utilizzando il suo georadar ( strumento GPR).

La vita della missione iniziale di Zhurong durò tre mesi terrestri, ma operò con successo per poco più di un anno terrestre prima di entrare in uno stato di ibernazione pianificato. Ma, Non si hanno più notizie del veicolo da maggio 2022.

I ricercatori dell’Istituto di Geologia e Geofisica dell’Accademia Cinese delle Scienze che hanno lavorato con i dati di Zhurong hanno affermato che il GPR fornisce un importante complemento alle esplorazioni radar orbitali di missioni come Mars Express dell’Agenzia spaziale europea e l’orbiter cinese Tianwen-1.

READ  Elon Musk: SpaceX deve costruire astronavi come Boeing costruisce i 737

Hanno affermato che un’indagine GPR in situ potrebbe fornire importanti dettagli locali sulle strutture poco profonde e sulla loro composizione ad una profondità di circa 100 metri lungo il percorso del rover.

Mappa topografica di Utopia Planitia (A), che mostra i siti di atterraggio del rover Zhurong, del lander Viking 2 e del rover Perseverance. Quattro aree locali (c – f) con terreno poligonale sono contrassegnate da riquadri bianchi. (NASA/JPL/Università dell’Arizona)

Utopia Planitia è una grande pianura all’interno di Utopia, ed è il più grande bacino d’impatto riconosciuto su Marte (anche nel sistema solare) con un diametro di circa 3.300 km. In totale, il veicolo ha percorso 1.921 metri durante la sua vita.

I ricercatori guidati da Li Zhang, hanno scritto nel loro articolo pubblicato in natura, Il radar del rover ha rilevato sedici cunei poligonali a una distanza di circa 1,2 chilometri, indicando un’ampia distribuzione di terreno simile sotto Utopia Planitia.

Queste strutture portate alla luce si formarono probabilmente tra 3,7 e 2,9 miliardi di anni fa durante il tardo periodo esperiano e la prima amazzonia su Marte, “forse quando l’antico ambiente umido cessò. Il terreno poligonale fu successivamente sepolto, con o senza erosione”. Attraverso successivi processi geologici.

Diagramma schematico di quattro modelli di formazione di poligoni
Modello schematico del processo di formazione del terreno poligonale nel sito di atterraggio di Zhurong. A) Fessure causate dal ritiro termico sulla superficie. b) fessure riempite con ghiaccio d’acqua o materiali del suolo, c) stabilizzazione di terrani superficiali poligonali del tardo Hesperiano e dell’Amazzonia iniziale, d) antichi terrani poligonali, con o senza erosione, successivamente sepolti dalla deposizione di materiali di copertura in Amazzonia. (Zhang et al.)

Mentre il terreno di tipo poligonale è stato osservato in diverse regioni di Marte da Molti compiti precedentiQuesta è la prima volta che compaiono indicazioni di poligoni sepolti.

Il terreno poligonale sepolto richiede un ambiente freddo che potrebbe essere correlato ai processi di congelamento e scioglimento dell’acqua e del ghiaccio nell’Utopia Planitia meridionale, sul primo Marte, hanno scritto i ricercatori.

“La possibile presenza di acqua e ghiaccio necessari per il processo di congelamento e scongelamento nei cunei potrebbe provenire dalla migrazione dell’umidità causata dall’aspirazione criogenica dalla falda acquifera sotterranea di Marte, dalla neve che cade dall’aria o dalla diffusione del vapore per depositare ghiaccio poroso”, ha spiegato. spiega.

READ  Un nuovo sistema di telecamere ci permette di vedere il mondo attraverso gli occhi degli uccelli e delle api

Ricerca precedente dai dati radar di Zhurong Ha notato che più inondazioni durante lo stesso periodo di tempo hanno creato diversi strati sotto la superficie di Utopia Planitia.

Mentre il Nuova portar indica che il meccanismo di formazione più probabile sarebbe il ritiro del suolo da sedimenti umidi che si sono essiccati, producendo crepe nell’argilla, tuttavia, il ritiro derivante dal raffreddamento della lava può anche produrre crepe da contrazione termica.

In entrambi i casi, notano che un cambiamento significativo nel clima di Marte è stato responsabile della formazione del poligono.

“La struttura del sottosuolo con materiali di copertura che ricoprono l’antico terreno poligonale sepolto suggerisce che ci sia stato un marcato cambiamento paleoclimatico ad un certo punto successivo”, hanno scritto i ricercatori.

“La variazione al di sopra e al di sotto di circa 35 metri di profondità rappresenta un marcato cambiamento nell’attività dell’acqua o nelle condizioni termiche nell’antico periodo di Marte, il che implica che ci fosse una perturbazione climatica alle latitudini medio-basse”.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da L’universo oggi. Leggi il Articolo originale.